Verstappen: "Il titolo? La RB14 non è buona abbastanza per combattere con Ferrari e Mercedes in ogni GP"

condivisioni
commenti
Verstappen:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
05 lug 2018, 16:07

Il pilota olandese si è detto sorpreso e contento della vittoria in Austria, ma non si aspetta di poter lottare per vincere anche a Silverstone. In più, ha ammesso che la monoposto 2018 non ha il potenziale per combattere con Ferrari e Mercedes.

Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia sul podio

Max Verstappen è stato uno dei protagonisti della conferenza stampa piloti del giovedì sul tracciato di Silverstone, che anche in questa stagione ospita il Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1.

Il pilota olandese è reduce da una grande vittoria - anche se inaspettata - al Red Bull Ring, su cui ha regalato alla Red Bull il successo in quella che è la sua gara di casa.

"Credo che la vittoria ottenuta in Austria sia stata un po' inaspettata, ma è stata bella centrarla specialmente perché nelle libere e nelle Qualifiche non avevamo mostrato di essere proprio i migliori in ottica gara", ha subito dichiarato il giovane talento del team di Milton Keynes.

"Domenica invece ho avvertito immediatamente un bilanciamento migliore della monoposto e sono riuscito a spingere di più nelle curve veloci, ovvero dove nei giorni precedenti perdevamo nei confronti di Mercedes e Ferrari. E' stata una vittoria inaspettata, dunque anche più speciale".

Leggi anche:

In seguito alla vittoria di domenica scorsa, le aspettative su di lui e la Red Bull sono inevitabilmente diventate più alte, ma Max ha subito cercato di mantenere un profilo basso, affermando di aspettarsi un fine settimana difficile a Silverstone.

"Difficile dire se potremo essere competitivi su ogni tracciato. Dipenderà dalle caratteristiche della pista. Se i rettilinei sono molto lunghi siamo il terzo team in pista, ma se invece non ci sono troppi rettilinei possiamo contare sul telaio migliore, dunque siamo molto competitivi".

"Penso che qui a Silverstone il vero problema siano alcune curve che, in realtà, possono essere considerate come vere e proprie aggiunte ai rettilinei che già ci sono, e anche se sono corti, si allungano per le caratteristiche delle curve che vengono dopo. Ad esempio la Curva 1 si farà in pieno e per noi è un peccato. Non mi aspetto una Red Bull super competitiva a Silverstone, ma saremo tutto sommato vicini ai primi e poi vedremo cosa accadrà".

Alla domanda se crede ancora di poter recuperare su Vettel e Hamilton e vincere il Mondiale Piloti 2018, Verstappen è stato categorico. La RB14 ha mostrato di essere una buona macchina, perché ha vinto lo stesso numero di gare di Ferrari e Mercedes (3 a testa). Rispetto alle monoposto concorrenti, però, non è ancora riuscita a lottare per il successo in ogni gara e questo aspetto limita molto le possibilità di recupero della stella olandese in questa stagione.

"Non abbiamo un pacchetto buono a sufficienza per combattere con Ferrari e Mercedes in ogni GP. A Monza saremo in difficoltà, ma dipenderà anche dalla posizione che occuperemo. Magari ho ancora possibilità di rientrare in gioco, ma non credo che la Red Bull sia in una posizione tale da poterlo fare".

"Nelle piste in cui saremo competitivi potremo lottare per la vittoria, in altri no. Per vincere il titolo dovremmo poter lottare per la vittoria in quasi tutte le gare".

Prossimo Articolo
McLaren, Brown ammette: "La macchina di quest'anno ha meno downforce di quella del 2017"

Articolo precedente

McLaren, Brown ammette: "La macchina di quest'anno ha meno downforce di quella del 2017"

Prossimo Articolo

Hamilton: "Quel che non ti ammazza, ti rende più forte... E noi siamo i più forti!"

Hamilton: "Quel che non ti ammazza, ti rende più forte... E noi siamo i più forti!"
Carica commenti