Verstappen: "Il podio è il mio obiettivo stagionale"

L'olandese, autore di 159 giri con la Toro Rosso STR11, ha colto il quarto tempo grazie alle coperture ultrasoft e punta ad un miglioramento dei risultati del 2015 grazie ad una monoposto affidabile e veloce.

La terza giornata della seconda sessione di test ha visto Max Verstappen conquistare il quarto crono grazie all'utilizzo delle mescole ultrasoft Pirelli. L'olandese ha percorso ben 159 giri, segno di una ottima affidabilità della Toro Rosso STR11 già mostrata nella giornata di ieri grazie alle 166 tornate compiute da Sainz.

Verstappen ha espresso soddisfazione per il lavoro svolto oggi, anche se non si è sbilanciato né riguardo l'affidabilità mostrata dalla monoposto, né per gli obiettivi in vista di Melbourne:
"E' stato positivo poter compiere così tanti giri. L'affidabilità è buona al momento, anche se dobbiamo aspettare la gara di Melbourne per poter dare un giudizio definitivo. Posso definirmi soddisfatto anche se si cerca sempre di migliorare". 

"Non so se potremo andare a podio già in Australia, preferisco restare con i piedi per terra. Al momento tutto funziona a dovere ma gli altri team stanno spingendo al massimo. Ovviamente, dopo aver colto due quarti posti come miglior risultato lo scorso anno, l'obiettivo è quello di fare meglio, ma serve anche un pizzico di fortuna per riuscirci".

L'olandese ha espresso parole di elogio verso la STR11, definendola un deciso passo avanti rispetto alla monoposto 2015, anche se la differenza di power unit e di pneumatici adottati gli ha impedito di trarre un giudizio obiettivo:
"Rispetto alla vettura dello scorso anno, questa è decisamente più performante. Tuttavia, non posso fare un paragone esatto dato che le condizioni sono differenti ed abbiamo utilizzato degli pneumatici dalla mescola più morbida. Sembra comunque una buona monoposto anche se non sappiamo quanto lo sia".

Il nuovo format delle qualifiche ha tenuto impegnati i piloti in un riunione nella serata di ieri. Verstappen ha partecipato al meeting e non si è mostrato scettico nei confonti del nuovo sistema: 
"Abbiamo semplicemente parlato del nuovo format delle qualifiche esprimendo le nostre opinioni. Dobbiamo aspettare dato che se ne sta ancora discutendo. E' un elemento nuovo, una nuova sfida, e credo che qualcuno potrà commettere degli errori, spero non noi".

Dopo essere stato premiato come rookie dell'anno, Verstappen è atteso ad una stagione di conferma in Formula 1. Le aspettative, tuttavia, non sembrano turbare il diciottenne: 
"Non sento una particolare pressione per questa mia seconda stagione in Formula 1. Cercherò di fare del mio meglio come ho sempre fatto. E' questo il mio approccio per ogni singola gara". 

"Mi sento bene fisicamente e la condizione migliora giorno dopo giorno. Quando torni a guidare dopo un periodo di pausa di tre mesi non sei mai al massimo della forma, ma dopo un pò la situazione migliora decisamente".

Max ha poi valutato il dispositivo Halo provato oggi da Kimi Raikkonen, definendosi favorevole alla sua introduzione:
"Ho solo visto le foto e non posso esprimere una mia idea circa la visibilità che si ha all'interno della monoposto. E' un elemento studiato per aumentare la sicurezza in vettura, quindi che ben venga".

L'olandese, infine, ha dato il proprio giudizio sulle nuove mescole che Pirelli adotterà in questa stagione, criticando non solo la durata delle coperture ultrasoft ma anche delle soft:
"Le ultrasoft sono troppo morbide, su questo tracciato hanno sofferto e le useremo nei circuiti cittadini. A dire la verità anche le mescole soft erano al limite". 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Barcellona, test di Marzo
Sub-evento Giovedì
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Piloti Max Verstappen
Team Toro Rosso
Articolo di tipo Intervista