Verstappen: "I festeggiamenti Mercedes? Irrispettosi"

L'olandese della Red Bull ha attaccato a muso duro Lewis Hamilton e la Mercedes per i festeggiamenti tenuti a Silverstone mentre lui si trovava in ospedale ed ha anche criticato i commissari per la penalità di 10 secondi ritenuta ininfluente.

Verstappen: "I festeggiamenti Mercedes? Irrispettosi"

Max Verstappen è stato il protagonista atteso della conferenza stampa del giovedì dell’Hungaroring. Il pilota della Red Bull è riapparso in pubblico dopo il violento incidente che ha segnato il primo giro del GP di Silverstone e scatenato polemiche infinte tra il team di Christian Horner e quello di Toto Wolff.

Prima di dare fuoco alle polveri, in una conferenza stampa ad alta tensione, Max ha parlato del suo stato di salute. L’olandese è stato ricoverato per accertamenti dopo aver subìto una decelerazione pari a 51G, ma dopo essere uscito acciaccato dai rottami della sua Red Bull è adesso pronto ed in piena forma per tornare a caccia del titolo.

“Sto bene. Ovviamente i primi giorni dopo l’incidente ero abbastanza dolorante, ma poi la situazione è migliorata ed ora sono pronto per correre”.

“Purtroppo non si può cambiare il risultato. Non sono contento di cosa è accaduto e, soprattutto, di aver perso tanti punti per colpa di qualcun altro, ma è andata così. Ho colpito le barriere in modo molto duro e non vuoi mai che vada a finire così”.

Nei giorni scorsi erano circolate voci di una presunta telefonata di Lewis Hamilton nei confronti di Max Verstappen, e l’olandese della Red Bull ha confermato la chiamata del sette volte campione del mondo, senza però scendere nei dettagli.

Nonostante il gesto di cortesia dell’inglese, Max non ha apprezzato quanto accaduto subito dopo la bandiera a scacchi quando Hamilton ed il team hanno celebrato il successo in grande stile mentre Verstappen si trovava ancora ricoverato in ospedale.

“Mi ha chiamato, ma non andrò nei dettagli della nostra chiacchierata. Tuttavia è stato irrispettoso festeggiare la vittoria sventolando una bandiera come se non fosse successo nulla mentre hai buttato a muro un tuo rivale che poi è finito in ospedale”.

“Anche la reazione della squadra non mi è piaciuta. Non è così che si festeggia una vittoria, specialmente pensando a come l’hanno ottenuta. L’ho trovato irrispettoso e mostra come sono veramente”.

Verstappen è poi tornato a descrivere la dinamica del controverso incidente che a quasi due settimane di distanza infiamma le opinioni di appassionati ed addetti ai lavori. Il pilota della Red Bull si è dichiarato innocente ed ha sottolineato come l’errore che ha innescato il tutto sia dipeso dalla perdita di controllo dell’anteriore da parte di Hamilton.

“Da parte mia non ho fatto nulla di male. Mi sono difeso duramente, ma non in modo aggressivo. Se fossi stato davvero aggressivo avrei potuto stringerlo verso il muretto interno, ed invece gli ho concesso lo spazio. Io ho impostato la curva, mentre lui ha perso l’auto in sottosterzo ed è finito contro il posteriore della mia vettura”.

Max non ha poi risparmiato neanche i commissari di gara. L’olandese, infatti, si è detto stupito di essere stato ritenuto in parte responsabile del contatto e della penalità di 10 secondi inflitta a Lewis, a suo dire ininfluente.

“Stavamo spingendo al massimo e quella è una curva che si affronta ad una gran velocità. Lui ha provato a superarmi all’interno ed io, ovviamente, ho cercato di rendergli difficile la manovra lasciandogli però lo spazio. Non capisco come i commissari abbiano potuto addossarmi una parte di responsabilità per l’incidente. Probabilmente si aspettavano che sarei uscito fuori pista per mantenere la mia posizione, ma poi mi avrebbero detto che non sarei dovuto andare oltre il limiti del tracciato. Onestamente sono rimasto sorpreso dalla loro valutazione”.

“La penalità avrebbe dovuto essere molto più severa. Ha mandato fuori il principale rivale per il campionato e le vetture due team sono solitamente 40 o 50 secondi più veloci delle vetture di metà schieramento in condizioni normali. Una penalità di 10 secondi non ha cambiato nulla”.

 

condivisioni
commenti
F1: Mercedes con ala posteriore più carica di Red Bull
Articolo precedente

F1: Mercedes con ala posteriore più carica di Red Bull

Prossimo Articolo

Hamilton: "Quella manovra la rifarei, non ho niente da aggiungere"

Hamilton: "Quella manovra la rifarei, non ho niente da aggiungere"
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021