Verstappen: "I commenti radio a Portimao non erano corretti"

Max Verstappen ha ammesso che le parole controverse che ha usato via radio lo scorso fine settimana a Portimao, in occasione del Gran Premio del Portogallo, non erano corrette.

Verstappen: "I commenti radio a Portimao non erano corretti"

Il pilota della Red Bull si è lasciato andare a dei commenti poco appropriati dopo il contatto che lo ha visto protagonista con Lance Stroll durante le prove libere.

Il canadese della Racing Point si è insabbiata nella via di fuga della curva 1, mentre la Red Bull di Verstappen ha subito solo dei danni lievi e quindi l'olandese è riuscito a rientrare ai box, al termine di quello che è stato considerato un incidente di gara dalla direzione gara.

Via radio Verstappen ha detto alla sua squadra: "Ma questo stronzo è cieco? Che cazzo di problemi ha? Cristo santo, che ritardato! Ho dei danni, che mongolo!".

Quando più tardi è stato suggerito a Verstappen che c'era chi si sarebbe potuto offendere per le parole che aveva utilizzato via radio, Max ha detto: "Non è un mio problema".

Anche il team principal Christian Horner ha minimizzato i suoi commenti, aggiungendo: "Alcuni piloti lavorano 'insieme', altri no. E a volte, se Max arriva dietro a Lance o ad Ocon, le sue parole possono diventare colorate".

Leggi anche:

Tuttavia, il linguaggio di Verstappen ha creato grande scalpore sui social media e generato risposte formali da parte di gruppi come Mongol Identity, che avevano trovato i suoi commenti offensivi.

I giornalisti quindi gli hanno chiesto di tornare sull'argomento oggi ad Imola ed ha ammesso che le parole che ha scelto non erano "quelle giuste".

"Voglio dire, prima di tutto, che non ho mai avuto intenzione di offendere nessuno" ha detto Verstappen. "Non era quello che volevo ed è successo nella foga del momento. Quando si guida a queste velocità, possono succedere delle cose del genere".

"Non dico che le parole che ho scelto siano quelle giuste. Voglio dire, so che non sono corrette. Ma ancora una volta, non era mia intenzione offendere nessuno. E oltre a questo, ovviamente, stavo imprecando contro Lance, ma poi ci siamo visti subito dopo e questo fa parte del mestiere del pilota".

"Possiamo essere arrabbiati l'uno contro l'altro, ma nel giro di cinque minuti, quando ci parliamo e ci guardiamo negli occhi, è tutto dimenticato. Quindi penso che a volte la situazione possa sembrare più infuocata di quanto non sia dall'esterno".

"Ma non volevo mancare di rispetto a nessuno in particolare. Quindi, non credo che ci sia il bisogno di farla più grande di quanto sia. So che non erano le parole corrette, ma non posso cambiarle. Naturalmente, imparerò da questa cosa. E farò meglio in futuro".

condivisioni
commenti

Video correlati

Perez: "Red Bull? Non l'escludo. Ma non posso aspettare troppo"
Articolo precedente

Perez: "Red Bull? Non l'escludo. Ma non posso aspettare troppo"

Prossimo Articolo

F1, Imola: Gasly svela il casco tributo per Ayrton Senna

F1, Imola: Gasly svela il casco tributo per Ayrton Senna
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021