Verstappen fermato da un sensore: "Avrei preferito l'esplosione del V6!"

condivisioni
commenti
Verstappen fermato da un sensore: "Avrei preferito l'esplosione del V6!"
Di:
29 ago 2017, 11:09

L'olandese ha spiegato il motivo del ritiro in Belgio: "Il motore è andato in protezione a causa di un sensore. Poi, ai box, funzionava di nuovo correttamente".

Il ritirato dalla gara Max Verstappen, Red Bull Racing, con i commissari di gara e della sicurezza d
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13 e Fernando Alonso, McLa
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13

Nelle ore post Gran Premio del Belgio si è parlato molto del sesto ritiro su 12 gare disputate nel 2017 di Max Verstappen. L'olandese è stato lasciato a piedi dalla power unit Renault che equipaggiava la sua RB13 mentre si trovava in quinta posizione davanti al suo compagno di squadra Daniel Ricciardo, il quale ha poi terminato la gara sul terzo gradino del podio.

A far ammutolire il V6 francese di Verstappen è stato un sensore, che pochi istanti prima del ritiro di Max aveva avvertito un anomalo aumento di pressione all'interno del quarto cilindro.

Poche ore dopo il ritiro, Verstappen ha ammesso la sua frustrazione riguardo la situazione verificatasi dopo il Gran Premio, con la sua RB13 che è stata riavviata senza problemi all'interno del garage.

Parlando a Peptalk, show che va in onda in Olanda, Verstappen ha affermato di essere irritato dai continui problemi verificatisi sulle misure di sicurezza introdotte per evitare problemi d'affidabilità sulla monoposto.

"Dopo aver fatto esplodere un po' di motori a inizio stagione, il team ha inserito una sorta di sistema di sicurezza per fare in modo di non far accadere più cose del genere", ha affermato Verstappen.

"In quel momento quando il sensore ha avvertito qualcosa ha fatto spegnere il motore e non potevo più andare avanti. Poi quando la monoposto è rientrata ai box i meccanici hanno rimosso il sensore e la monoposto si è riaccesa. Il motore funzionava correttamente".

"Il team vuole correre senza problemi, senza rompere il motore, ma avrei preferito rompere il motore rispetto a quello che è successo nel corso della gara di domenica. Non avrei voluto sentirlo ammutolire per poi funzionare ai box dopo la gara".

Prossimo Articolo
Ferrari: ecco perché Vettel a Monza giocherà di rimessa sulla Mercedes

Articolo precedente

Ferrari: ecco perché Vettel a Monza giocherà di rimessa sulla Mercedes

Prossimo Articolo

Renault: nel 2018 è ancora troppo presto per riprendere Alonso

Renault: nel 2018 è ancora troppo presto per riprendere Alonso
Carica commenti