Verstappen fa retromarcia: "Vettel in RB? Sono felice con Albon"

Max non si nasconde e afferma: "Il team è felice con me e Albon. Il motore Honda è progredito, ma Mercedes ha fatto anche meglio di noi".

Verstappen fa retromarcia: "Vettel in RB? Sono felice con Albon"

La notizia del pomeriggio al Red Bull Ring è l'apertura di Vettel a un ritorno in Red Bull a 6 anni di distanza dall'ultima stagione fatta difendendo i colori del team di Milton Keynes. Nel corso della settimana Max Verstappen, ospite in tv al pari di Vettel (i due erano vicini), ha fatto sapere di non aver nulla in contrario all'approdo del 4 volte iridato a Milton Keynes.

Questa versione, però, è durata sino a questo pomeriggio. Poco fa la stella olandese del team austro-britannico ha letteralmente ritrattato quanto detto in televisione, sostenendo non solo di non voler lasciare il team, ma anche di volere Alexander Albon come compagno di squadra.

"In TV ho detto quelle cose perché ho cercato di essere carino, per altro ero vicino a Vettel. Io però credo che al momento il team sia felice con Albon e me. E io devo ammettere di essere molto felice con Albon come compagno di squadra".

"Per prima cosa, Alex è un ragazzo molto gentile e lo è con tutti. E' capace a fare gli assetti e sono simili ai feedback che do io al team. inoltre è molto veloce. Non vedo i motivi per cambiare, non so perché Horner e Marko dovrebbero farlo. Alla fine, però, non sono io che prendo decisioni del genere".

Tornando a parlare del fine settimana scorso, in cui è andato in scena il primo gp del Mondiale 2020 di F1, Verstappen ha continuato a difendere Albon. Il thailandese, lo ricordiamo, è finito fuori dai punti dopo un contatto con Hamilton. Il pilota della Red Bull aveva fatto un'ottima manovra nei confronti del 6 volte iridato (aiutato dalle gomme Soft fresche), ma un contatto tra le due monoposto gli ha fatto perdere l'opportunità di cogliere il suo primo podio della carriera e, forse, anche la prima vittoria.

"Credo che Lewis non intendesse colpire Alexander. E' stato solo un caso sfortunato. Certo Alex aveva fatto davvero un gran sorpasso all'esterno in quel punto. Non credo che tante persone siano riuscite a farlo".

"Credo che sia normale aver dato penalità per quel tipo di incidente. E' certo che quel contatto ha letteralmente rovinato la gara di Alex, mentre Lewis, nonostante la penalità, è comunque riuscito ad arrivare quarto. Alex è stato penalizzato molto di più dall'accaduto, ma è successo così e non si può più fare nulla".

Come capitolo conclusivo di un'intervista certamente ricca di contenuti. Max ha sottolineato come i miglioramenti al motore fatti da Honda siano evidenti, ma purtroppo non sufficienti se paragonati a quelli fatti in inverno da Mercedes.

"Credo che sul motore Honda abbia fatto un buon passo avanti, ma penso che Mercedes abbia fatto passi avanti più grossi dei nostri. Per questo dobbiamo continuare a spingere, perché c'è performance da estrapolare dal motore. Credo però che sia un discorso che possa essere fatto anche sulla macchina. Dobbiamo spingere su entrambe queste vie. E' chiaro però che Mercedes nel corso dell'inverno abbia fatto davvero un gran lavoro".

Il team, secondo Max, dovrà lavorare intensamente anche sulla RB16. La monoposto è nata bene, ma gli ingegneri dovranno aiutarlo a trovare un bilanciamento migliore in ingresso curva per poter recuperare un paio di decimi al giro, specialmente in qualifica.

"Certo, se guardate i dati potrete notare che non ci sono tante curve dove siamo più lenti. Nella maggior parte di esse siamo veloci, ma non sono ancora contento del tutto riguardo il bilanciamento della macchina in curva. Soffro soprattutto in ingresso e centro curva. Devo trovare il modo di trovare un bilanciamento migliore, che possa aiutarmi. Non voglio dire che saremmo in grado di battere la Mercedes, ma alla fine potremmo certamente guadagnare 2 o 3 decimi in Qualifica".

Verstappen, inoltre, sfoggerà un nuovo casco in questo fine settimana. Potete vedere la nuova livrea nella gallery che trovate proprio qui sotto.

Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
1/7

Foto di: Red Bull Content Pool

Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
2/7

Foto di: Red Bull Content Pool

Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
3/7

Foto di: Red Bull Content Pool

Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
4/7

Foto di: Red Bull Content Pool

Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
5/7

Foto di: Red Bull Content Pool

Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
6/7

Foto di: Red Bull Content Pool

Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
Casco di Max Verstappen, Red Bull Racing
7/7

Foto di: Red Bull Content Pool

condivisioni
commenti
Vettel: "Trovati due problemi a freno e ammortizzatori"

Articolo precedente

Vettel: "Trovati due problemi a freno e ammortizzatori"

Prossimo Articolo

Protocolli COVID: warning in arrivo per Mercedes e Ferrari

Protocolli COVID: warning in arrivo per Mercedes e Ferrari
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021