Verstappen esalta il team: "Grande svolta rispetto a ieri"

L'olandese non è mai stato in grado di lottare ad armi pari con le Mercedes per la pole, ma ha voluto sottolineare il grande lavoro svolto dal team per ribaltare una situazione che ieri sembrava decisamente complicata.

Verstappen esalta il team: "Grande svolta rispetto a ieri"

Dopo le difficoltà incontrate ieri, quando aveva concluso la seconda sessione di libere con il sesto tempo ed un feeling complicato con la sua Red Bull, Max Verstappen è riuscito a mettere una grande pezza nella sessione di qualifiche andata in scena ad Istanbul ottenendo il terzo tempo alle spalle delle Mercedes di Hamilton e Bottas.

In realtà l’olandese domani scatterà dalla prima fila grazie all’arretramento di 10 posizioni che dovrà scontare Hamilton, e considerando quanto ha sofferto la Red Bull nei confronti della Mercedes è un risultato da accogliere col sorriso.

Su un tracciato che sulla carta doveva essere favorevole alla RB16B i tecnici del team di Milton Keynes sono andati in crisi nel trovare il bilanciamento corretto, complice un asfalto ricco di grip che ha provocato parecchi mal di testa.

Leggi anche:

Ad aggiungere ulteriori complicazioni a questo weekend si ci è messo pure il meteo. La terza sessione di libere si è svolta su tracciato bagnato, mentre in Q1 i piloti sono stati in grado di utilizzare da subito le Pirelli soft anche se le basse temperature dell’asfalto hanno tratto in inganno molti protagonisti.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B

Photo by: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Verstappen, nonostante un testacoda iniziale, è riuscito pian piano a trovare la fiducia con la sua vettura ed ha voluto rendere il giusto merito al team per il passo avanti compiuto dal venerdì al sabato.

“Le qualifiche sono state complicate all’inizio per via delle condizioni meteo, ma rispetto a ieri siamo riusciti a dare una svolta molto positiva”.

Il crono con il quale Max ha chiuso le Q3 è stato 1’23’’196. L’olandese, che ha accusato 3 decimi di ritardo da Hamilton e 2 da Bottas, ha affermato che in ogni caso non sarebbe stato in grado di insidiare i piloti della Mercedes per il crono di riferimento e a complicare la situazione, nell’ultimo tentativo, ha anche comunicato via radio come la batteria della sua power unit si sia esaurita troppo preso.

“I giri sono stati piuttosto buoni anche se in occasione dell’ultimo tentativo ho perso molta velocità in rettilineo e dobbiamo capire perché. Ad ogni modo non stavo facendo segnare un tempo tale da poter lottare per la pole”.

“Nel complesso abbiamo fatto un bel recupero rispetto a ieri e questo era il miglior risultato che potevamo ottenere. Domani scatterò dalla seconda posizione e vedremo cosa accadrà, anche alla luce del meteo”.

Verstappen, ad ogni modo, non è sembrato particolarmente deluso per non essere stato in grado di lottare per la pole. Domani Hamilton dovrà scattare dalla undicesima casella e per l’olandese sarà una occasione d’oro per tornare nuovamente al comando della classifica piloti.

“In gara dovremmo essere più competitivi, anche se il degrado gomme sembra piuttosto elevato su questo tracciato. Cercherò di recuperare quanti più punti possibile”.

condivisioni
commenti
Leclerc: "Punto a vincere, ma guardiamo alla McLaren"

Articolo precedente

Leclerc: "Punto a vincere, ma guardiamo alla McLaren"

Prossimo Articolo

Podcast, Chinchero: "Sull'asciutto Leclerc può giocarsi il podio"

Podcast, Chinchero: "Sull'asciutto Leclerc può giocarsi il podio"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021