Verstappen: "Dobbiamo migliorare tutto, ma niente shock"

Il leader del campionato ha chiuso le FP2 con il terzo tempo e 3 decimi di ritardo da Bottas, ma non si è detto preoccupato dall'inizio a razzo delle Frecce Nere e confida nel lavoro del team per far crescere la sua macchina.

Verstappen: "Dobbiamo migliorare tutto, ma niente shock"

Giunto in Ungheria con ancora addosso la rabbia per i punti preziosissimi persi in Inghilterra, Max Verstappen ha vissuto un weekend in chiaro scuro.

Al mattino il leader del campionato ha dettato il passo ottenendo il crono di riferimento in 1’17’’555, rifilando 61 millesimi a Bottas e 171 a Lewis Hamilton, mentre al pomeriggio, complici le temperature dell’asfalto superiori a 60 gradi, l’olandese della Red Bull non è riuscito a trovare lo stesso feeling con la sua RB16B ed ha terminato la sessione con il terzo tempo in ritardo di 3 decimi dalla Mercedes di Bottas.

Max, nel corso del pomeriggio, si è lamentato spesso via radio col team di problemi di bilanciamento e di un sottosterzo davvero marcato. Quando l’olandese è giunto davanti ai microfoni dei media, però, ha voluto gettare acqua sul fuoco parlando di differenti prove di assetto che non hanno portato l’esito sperato e che sono state influenzate anche dalle temperature roventi.

“Non abbiamo avuto particolari difficoltà, ma abbiamo provato alcuni cambiamenti tra le FP1 e le FP2 e dobbiamo verificare cosa abbia funzionato e cosa no. Ovviamente nella valutazione complessiva si deve tener conto anche delle temperature elevate della pista”.

Verstappen non è sembrato soddisfatto del comportamento della sua Red Bull sia in ottica qualifica che gara, ma non si è detto preoccupato del distacco di 3 decimi rifilato da Bottas. Max si è detto certo che domani la situazione potrà cambiare a suo favore.

“Dobbiamo migliorare in vari aspetti. Dobbiamo crescere non solo sul giro secco, ma anche sul passo gara. Ci sono molte cose da esaminare, ma nulla di così scioccante”.

“Il divario dalla Mercedes non mi è sembrato così enorme da non poter essere ricucito. Oggi è stata una giornata non facile a causa delle temperature decisamente elevate, ma adesso analizzeremo tutti i dati”.

I valori visti oggi potrebbero cambiare drasticamente nel corso del weekend. Le previsioni meteo parlando di temperature massime in attenuazione e c’è anche il rischio dell’arrivo della pioggia. Verstappen, però, è sicuro che la Red Bull potrà progredire a prescindere dal meteo.

“Sono fiducioso di poter migliorare, ma non solo in caso di miglioramento delle condizioni climatiche. Vedremo…”.

 

condivisioni
commenti
Hamilton: "Positivo iniziare il weekend in questo modo"

Articolo precedente

Hamilton: "Positivo iniziare il weekend in questo modo"

Prossimo Articolo

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas"

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas"
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021