Verstappen contro tutti: "Vettel? Ha sbagliato lui. La penalità di 5 secondi? Stupida!"

condivisioni
commenti
Verstappen contro tutti:
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
07 ott 2018, 08:30

Max Verstappen è entrato in contatto con Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel nei primi giri di gara. L'urto con il tedesco ha fatto discutere a lungo, mentre quello con Raikkonen è stato punito con 5 secondi di penalità. Max ha criticato sia la manovra di Vettel che la decisione dei commissari.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-18, alla partenza
Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H e Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Max Verstappen, Red Bull Racing, nella conferenza stampa

Max Verstappen è stato protagonista del Gran Premio del Giappone anche senza essere riuscito a salire sul gradino più alto del podio.

Il pilota della Red Bull, infatti, si è trasformato nell’incubo peggiore per entrambi i piloti Ferrari. Nelle fasi iniziali, infatti, Max si è scontrato prima con Kimi Raikkonen alla chicane Casio e successivamente, al giro 8, è stato colpito da Sebatian Vettel alla curva Spoon in un tentativo di sorpasso azzardato da parte del tedesco.

Nel primo caso Raikkonen ha perso qualche elemento in carbonio della sua SF71H, ma è riuscito a proseguire la corsa seppur retrocedendo in quinta posizione, mentre nel secondo Vettel ha pagato a caro prezzo la manovra finendo in testacoda e venendo costretto ad una disperata rimonta dal fondo del gruppo.

Proprio il contatto con Vettel alla curva Spoon ha acceso gli animi nel paddock e diviso le opinioni dei due protagonisti. Il tedesco della Ferrari ha dato la colpa a Verstappen per aver chiuso la traiettoria improvvisamente e non avergli lasciato lo spazio necessario, mentre l’olandese della Red Bull ha avuto una opinione totalmente opposta.

“In quella curva non puoi superare. Gli ho anche lasciato spazio, ma lui non poteva entrare così stretto. Se avesse aspettato poteva avere una possibilità di passare. Io comunque sono stato attento”.

Leggi anche:

Verstappen è stato sanzionato dai commissari per il contatto avvenuto ad inizio gara con Kimi Raikkonen. I cinque secondi di penalità non hanno influenzato il risultato finale dell’olandese, ma Max non ha avuto peli sulla lingua quando si è trattato di criticare questa penalità definendola stupida.

“Non sono d’accordo con la penalità per il primo contatto. Ho bloccato le ruote ed avrei benissimo potuto tagliare la chicane, mentre ho fatto del mio meglio per non trarre un vantaggio e tornare subito in pista. Kimi ha scelto di passarmi all’esterno e credo che avrebbe potuto attendere prima di compiere questa manovra visto che ero al limite con lo sterzo. Non so perché mi sia stata data la penalità, ma è stupida”.

“Ho ricevuto una penalità di cinque secondi per questa manovra, la prossima volta taglierò la pista come ha fatto Valtteri. Stavo cercando di fare del mio meglio per affrontare la curva e non tagliarla. La prossima volta saprò come comportarmi”.

L’olandese della Red Bull è sembrato comunque soddisfatto del podio conquistato. Nel finale di gara ha messo sotto pressione proprio Bottas, ma la seconda posizione non sembrava essere alla sua portata.

 “Quando sono uscito dai box sono rimasto in terza posizione. La scelta gomme è stata corretta e gli pneumatici andavano davvero bene. Questo ci ha consentito di salire sul podio. Non credo che abbiamo sacrificato il secondo posto con la penalità. Sono riuscito a gestire i danni riportati sulla vettura. Forse la sosta è stata leggermente più lunga del dovuto, ma va bene così”.

Prossimo articolo Formula 1
Mondiale Costruttori F1 2018: dopo il Giappone Mercedes ha 78 punti sulla Rossa

Articolo precedente

Mondiale Costruttori F1 2018: dopo il Giappone Mercedes ha 78 punti sulla Rossa

Prossimo Articolo

Arrivabene: "E' una situazione difficile, ma la squadra ha avuto una reazione d'orgoglio"

Arrivabene: "E' una situazione difficile, ma la squadra ha avuto una reazione d'orgoglio"
Carica commenti