Tsunoda: "La difesa su Lewis? Per aiutare Max e la Honda"

Il giapponese dell'AlphaTauri ha spiegato di aver fatto di tutto per rallentare Hamilton così da consentire a Max ed alla Honda di allungare in classifica. La lotta con Lewis è però costata cara a Yuki.

Tsunoda: "La difesa su Lewis? Per aiutare Max e la Honda"

Per la terza volta in questa stagione Yuki Tsunoda è riuscito ad accedere in Q3 sfruttando al meglio le Pirelli soft al sabato ed in gara è scattato dall’ottava posizione in griglia.

Il pilota dell’AlphaTauri, partito davanti a Lewis Hamilton a causa delle dieci posizioni di penalità scontate dall’inglese per il cambio dell’unità termica, è riuscito a tenere alle sue spalle il sette volte campione del mondo per qualche giro grazie anche ad una solida difesa, ma all’ottavo passaggio il pilota della Mercedes ha estratto il coniglio dal cilindro con un sorpasso capolavoro all’esterno di curva 3.

Tsunoda, che proprio in quelle fasi ha chiesto troppo alle proprie coperture, è poi finito in testacoda al giro 22 ed ha concluso la gara fuori dalla zona punti.

Al termine della corsa che ha consentito a Max Verstappen di tornare daccapo al vertice della classifica piloti, il portacolori dell’AlphaTauri ha spiegato di essersi difeso con i denti da Hamilton proprio per favorire l’olandese della Red Bull.

"Voglio che Max vinca nell'ultimo anno della Honda in Formula 1, e voglio anche che vinca la Red Bull, quindi ho cercato di bloccare Lewis il più possibile, non so per quanti giri".

"Stavo cercando di risparmiare le gomme e volevo tenerlo dietro per 20 giri. Otto non sono stati sufficienti".

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02, Lewis Hamilton, Mercedes W12, e Sebastian Vettel, Aston Martin AMR21

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT02, Lewis Hamilton, Mercedes W12, e Sebastian Vettel, Aston Martin AMR21

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Tsunoda ha chiuso la gara in quattordicesima posizione dopo essere finito in testacoda. Il giapponese, così come fatto da Mazepin e Norris, si è lamentato della scarsa visibilità negli specchietti retrovisori che l’ha tratto in inganno.

“Non riuscivo a vedere nulla a causa dello sporco. Ho pensato che ci fosse una vettura alle mie spalle e ho spinto. Poi mi sono girato”.

“Il testacoda ha rovinato la mia gara. È stato un peccato perché oggi sarei potuto andare a punti”.

Il rammarico per Tsunoda è stato grande anche perché, con il suo errore, la Alpine continua a precedere la AlphaTauri nel Costruttori con un margine di 15 punti.

“Oggi avevamo una opportunità per portare a casa molti punti rispetto ai nostri rivali diretti”.

condivisioni
commenti
Perez: "La lotta con Lewis nel momento peggiore della gara"

Articolo precedente

Perez: "La lotta con Lewis nel momento peggiore della gara"

Prossimo Articolo

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021