Tost: "Lavoriamo 24 ore al giorno per preparare la nuova monoposto"

Franz Tost loda gli sforzi compiuti dai membri del team Toro Rosso per realizzare la vettura che affronterà la stagione 2017. In quel di Faenza si lavorerà 24 ore su 24 ogni giorno per essere pronti per i primi test del 27 febbraio.

Tost: "Lavoriamo 24 ore al giorno per preparare la nuova monoposto"
Franz Tost, Scuderia Toro Rosso Team Principal in the FIA Press Conference
(L to R): Dr Helmut Marko, Red Bull Motorsport Consultant with Franz Tost, Scuderia Toro Rosso Team
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR11
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR11
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR11
Max Verstappen, Red Bull Racing RB12 in lotta con Daniil Kvyat, Toro Rosso STR11
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR11
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR11 ritorna ai box con una foratura

La rivoluzione regolamentare stravolgerà l'aspetto delle monoposto di Formula 1 per la stagione 2017. Le vetture, infatti, avranno un'ala anteriore più larga ed un alettone posteriore più basso e largo, oltre a montare delle coperture Pirelli di dimensioni decisamente generose.

I primi test stagionali prenderanno il via il 27 febbraio a Barcellona, cinque giorni più tardi rispetto al 2016, ma nonostante questo leggero posticipo i team stanno affrontando una corsa contro il tempo per essere pronti per quella data.

Il team Toro Rosso si è già trovato in una situazione simile lo scorso anno, anche se le motivazioni di quel ritardo all'epoca erano dovute all'incognita circa quale power unit utilizzare nel 2016.

Franz Tost ha voluto parlare del grande sforzo che stanno affrontando i ragazzi del team di Faenza per arrivare pronti al primo test stagionale.

"Dal punto di vista della produzione, saremo costretti a lavorare 24 ore su 24 sette giorni su sette per un determinato periodo di tempo. Da metà gennaio sino a metà febbraio avremo tre turni giornalieri. Sarà un periodo breve ma intenso".

Dicembre e gennaio sono mesi critici per i team di Formula 1, specie considerando che si vuole dare tutto il tempo possibile ai progettisti per realizzare componenti al massimo della performance da inviare alla produzione.

Queste tempistiche comportano uno sforzo notevole, ma Tost ritiene che il team Toro Rosso sia pronto ad affrontare questa sfida.

"Diventa complicato quando il dipartimento aerodinamico non vuole rilasciare i disegni per la produzione e chiede ancora un altro giorno per lo sviluppo. E' sempre molto dura, ma questa situzione si ripete ogni anno".

"Più tempo riesci a passare in galleria del vento, maggiori sono le possibilità di creare componenti che funzionano alla perfezione. Per un team di piccole dimensioni la differenza rispetto a scuderie più quotate è che quando si dice basta è basta, altrimenti rischiamo di non poter scendere in pista".

"Dobbiamo decidere con fermezza quando avere a disposizione i disegni da mandare in produzione e la relativa data. I progettisti sono consapevoli che il giorno prestabilito è l'ultimo a loro disposizione e non è possibile alcuna proroga dato che siamo al limite".

Articolo di Lawrence Barretto

condivisioni
commenti
Incredibile F.1: nel 2017 a Monza per l'80% del giro a tutto gas?

Articolo precedente

Incredibile F.1: nel 2017 a Monza per l'80% del giro a tutto gas?

Prossimo Articolo

Horner: "Verstappen si sente ancora privilegiato ad essere un pilota di F.1"

Horner: "Verstappen si sente ancora privilegiato ad essere un pilota di F.1"
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021