Toro Rosso: Marko ha scaricato Kvyat senza il minimo rispetto!

L'austriaco ha convocato il russo pochi minuti dopo la conquista degli ultimi punti per la Toro Rosso e lo ha invitato a lasciare la pista di Austin senza salutare il team perché non rientra più nei piani Red Bull. Era già tutto deciso...

Toro Rosso: Marko ha scaricato Kvyat senza il minimo rispetto!
Dr Helmut Marko, Consulente Red Bull Motorsport
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso walks the track
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso, Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso, sul palco della F1
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12, Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-17
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12

A ventitré anni Daniil Kvyat dovrà ricostruirsi una carriera. Al termine del Gran Premio degli Stati Uniti il pilota russo è stato convocato da Helmut Marko, colui che mantiene fermamente le redini della gestione dei piloti Red Bull.

Pochissime le parole dell'austriaco, mentre Kvyat aveva ancora l’adrenalina del post-gara, per comunicargli che la sua avventura con la Formula 1 (almeno nei colori Red Bull/Toro Rosso) era finita lì.

Ufficialmente fino al termine della stagione, ma è semplice ipotizzare che possa essere un addio a tempo indeterminato. Il tutto pochi minuti dopo che Daniil era sceso dalla monoposto visibilmente soddisfatto per aver ritrovato meritatamente la zona punti.

Kvyat non ha potuto nemmeno salutare i componenti della Toro rosso, con cui ha esordito in Formula 1 nel 2014, squadra in cui poi è tornato dopo le prime cinque gare del 2016 all’indomani della clamorosa retrocessione dalla Red Bull per far spazio a Max Verstappen.

La conferma per la stagione 2017 è sembrata un modo per scusarsi per la brutale decisione dell’anno precedente, ma era una salvagente sgonfio. Ci sono però un paio di aspetti che meritano di essere sottolineati in questa vicenda.

Kvyat è stato convocato negli Stati Uniti per occupare il sedile lasciato libero da Carlos Sainz, il che poteva far pensare ad un suo ritorno in Toro Rosso dopo lo stop dello scorso settembre.

Invece era già tutto deciso: Daniil in realtà ha tappato il buco lasciato da Gasly per un weekend (il francese era in Giappone per l’ultima prova della serie Super Formula), mentre Brendon Hartley era il vero sostituto di Sainz.

Può anche starci, ma non aver messo al corrente Kvyat che in ogni caso sarebbe stata la sua ultima corsa in Toro Rosso denota una mancanza di rispetto. Quando la Red Bull finanzia la carriera di un giovane pilota acquista ovviamente anche il suo cartellino sportivo, per un certo numero di anni.

E fin qui tutto bene, ci mancherebbe, visti gli ingenti investimenti. Ma un pilota resta comunque un professionista, che merita considerazione, e nei confronti di Kvyat la Red Bull non ne ha avuto tanta.

Un'ultima valutazione è sul rendimento del pilota russo. Dopo un 2015 in Red Bull che lo ha visto concludere il Mondiale davanti a Daniel Ricciardo, è stato sacrificato per Verstappen, e dati alla mano ha avuto ragione Marko.

Ma il modo in cui Daniil è stato gestito all’indomani di quella vicenda ha lasciato qualche dubbio. C’era da ricostruire un pilota, a cui la velocità non manca, ma la sensazione è che da quel momento Kvyat non sia più stato d’interesse per i vertici della Red Bull.

L’impressione è che abbia lasciato il paddock un pilota che avrebbe meritato di restare, ma questo è il lato oscuro di una gestione dei piloti aggressiva. Ci sono gli applausi, come nella determinazione che ha portato al vertice Verstappen, ma ci sono anche storie dai risvolti umani molto meno gratificanti.

condivisioni
commenti
Video analisi Ferrari: ecco le differenze nel fondo fra Vettel e Raikkonen

Articolo precedente

Video analisi Ferrari: ecco le differenze nel fondo fra Vettel e Raikkonen

Prossimo Articolo

La colonna di Vandoorne: "Felice che Alonso rimanga alla McLaren"

La colonna di Vandoorne: "Felice che Alonso rimanga alla McLaren"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021