F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Toro Rosso: lo sfogo della carrozzeria posteriore è enorme!

Per preservare l'affidabilità del motore Ferraro 059/4 la Toro Rosso ha deciso di portare in Ungheria una carrozzeria posteriore caratterizzata dal grande sfogo di aria calda dei radiatori. La scelta ha pagato con Sainz sesto in griglia.

La Toro Rosso può gioire per il sesto posto ottenuto da Carlos Sainz nella griglia di partenza del GP d'Ungheria. Per un tracciato come quello magiaro caratterizzato da una bassa velocità media era indispensabile assicurare alla power unit Ferrari la necessaria estrazione d'aria calda dai radiatori: lo staff diretto da James Key ha aperto la carrozzeria della STR11 nel retrotreno per evitare che il motore 059/4 dovesse soffrire le alte temperature di esercizio.

La monoposto di Faenza ha perso la caratteristica di avere in coda uno sfogo d'aria asimmetrico: la squadra romagnola non si è creata problemi di perdere un po' di efficienza aerodinamica, preferendo garantirsi l'affidabilità della power unit.

L'immagine mostra anche il Monkey seat da alto carico che è stato montato appositamente per questo appuntamento che rappresenta lametà della stagione.

A differenza di tanti altri team che hanno già bloccato lo sviluppo sulla monoposto di quest'anno per dedicarsi a quella del 2017, la Toro Rosso sta spingendo nell'evoluzione della STR11 che a Hockenheim porterà un pacchetto di novità che non saranno nemmeno le ultime della stagione...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP d'Ungheria
Sub-evento Sabato, qualifiche
Circuito Hungaroring
Piloti Carlos Sainz Jr. , Daniil Kvyat
Team Toro Rosso
Articolo di tipo Analisi
Topic F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola