Toro Rosso: Kvyat è sotto inchiesta per la flessione del T-tray

Sulla Toro Rosso di Kvyat i commissari tecnici hanno verificato la flessione del T-tray che è risultata superiore ai 5 mm di tolleranza concessi dal regolamento, ma il pilota russo spiega che ha preso un cordolo alle Piscine e lo splitter si...

La Toro Rosso di Daniil Kvyat è sotto inchiesta. Il pilota russo che alla conclusione delle qualifiche del GP di Monaco ha ottenuto il nono tempo in Q3 in 1'15"273 vede la sua prestazione rimessa in discussione da Jo Bauer, il capo dei commissari tecnici della FIA.

Lo staff capeggiato dal tedesco ha sottoposto la STR11 numero 26 ad una verifica della flessione del T-tray: lo splitter in carbonio è stato sottoposto ad un carico verticale di 4000 Newton ed è risultata una deflessione eccedente i limiti regolamentari di 5 mm.

Poiché questa è una violazione dell'articolo 3.17.5 del Regolamento Tecnico di Formula ha riferito l'anomalia al collegio dei Commissari Sportivi perché esaminino il carteggio e prendano gli opportuni provvedimenti.

La classifica della qualifica, infatti, non è ancora stata omologata: i Commissari Sportivi convocheranno i tecnici della Toro Rosso per capire se hanno una giustificazione per spiegare come mai la monoposto sia risultata non conforme alle regole e poi si esprimeranno con un giudizio...

Daniil Kvyat si sente tranquillo perché ha urtato un cordolo con il fondo alla curva 14: "Potevo puntare alla quinta posizione ma ho toccato con il pattino alle Piscine e da qual momento qualcosa si è rotto e la macchina era diventata inguidabile. Nelle ultime tre curve mi sono sentito un passeggero, perdendo un sacco di tempo".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Monaco
Sub-evento Sabato, le qualifiche
Circuito Montecarlo
Piloti Daniil Kvyat
Team Toro Rosso
Articolo di tipo Ultime notizie