Toro Rosso: Hartley tira un sospiro di sollievo dopo aver meritato la conferma

condivisioni
commenti
Toro Rosso: Hartley tira un sospiro di sollievo dopo aver meritato la conferma
Di: Roberto Chinchero
18 giu 2018, 10:48

Dopo la prestazione canadese anche Marko ha voluto che Brandon restasse in Toro Rosso, spegnendo le voci di Norris. Il neoselandese è più sereno: "Ogni gara mi sento più parte della squadra, ma le voci mi hanno dato fastidio".

Dr Helmut Marko, Consulente Red Bull Motorsport e Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso
Sergio Perez, Force India, e Brendon Hartley, Toro Rosso
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Toro Rosso STR13, si cala nell'abitacolo della sua monoposto

I dubbi legati al futuro sembrano essere alle spalle, e Brendon Hartley può preparare l’inizio del tour de force di GP in Europa senza ansie. Dopo il Gran Premio di Spagna si erano diffuse delle voci poco rassicuranti sul suo futuro in Toro Rosso, indiscrezioni che hanno trovato conferma nelle trattative che Helmut Marko ha condotto con l’entourage di Lando Norris, colloqui mirati al possibile debutto in Formula 1 del campione Europeo di Formula 3 proprio nel prossimo Gran Premio di Francia.

La trattativa si è poi arenata quando la Red Bull ha fatto sapere di essere disposta a valutare l’offerta solo nel caso in cui Norris si fosse svincolato dal contratto McLaren, condizione che nonè stata accettata dal pilota inglese.

In tutto questo Hartley ha vissuto settimane poco tranquille, ma a Montreal ha risposto sul campo. Al di là dell’esito sfortunato del weekend (Brendon è stato vittima di un incidente causato da Lance Stroll), ha impressionato Marko per la rapidità con cui si è adattato alla pista canadese e per le performance confermate in prove libere e qualifiche.

“Sta crescendo – ha commentato il manager austriaco a Montreal – ora è un pilota competitivo e non abbiamo motivi per cercare alternative”.

Hartley ha tirato un sospiro di sollievo, ma ha anche ammesso di non aver vissuto con piacere il momento in cui giravano rumors poco rassicuranti sul suo futuro.
“Ho ovviamente sentito quanto veniva detto sul mio conto – ha confermato Brendon – e quando iniziano a porti domande imbarazzanti sul futuro…beh, è fastidioso. Ma ho capito che fa parte del gioco, e devo dire che ho gestito bene il momento, evitando che mi coinvolgesse troppo emotivamente. Mi sono concentrato sul lavoro, e credo sia stata una scelta corretta”.

“Ora mi sento sempre più a mio agio sulla STR13 – ha proseguito Hartley – sempre più competitivo. Anche se sotto alcuni aspetti sono un ‘vecchio’ rispetto a molti miei colleghi, resto sempre un pilota che sta disputando il suo primo anno di Formula 1".

"Ogni weekend che passo in pista sento di aver capito qualcosa in più. È cruciale comprendere come utilizzare al meglio gli pneumatici Pirelli, ad esempio, così come il lavoro di bilanciamento della monoposto, che in Formula 1 non è proprio lo stesso rispetto alle mie precedenti esperienze".

"Poi c’è sempre un periodo in cui devi inserirti in un nuovo gruppo di lavoro, ed ora mi sento parte integrante della squadra. Sono molto motivato in vista del fine settimana al Paul Ricard, mi sto impegnando al massimo e spero solo di non avere la sfortuna che mi ha colpito a Montreal. Per il resto sono sicuro di completare un buon weekend”.

Prossimo articolo Formula 1
Montezemolo, frecciata a Marchionne: "La Ferrari non vince? Non deve essere geloso del passato..."

Previous article

Montezemolo, frecciata a Marchionne: "La Ferrari non vince? Non deve essere geloso del passato..."

Next article

F1 2018: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del Gran Premio di Francia

F1 2018: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del Gran Premio di Francia

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Francia
Piloti Brendon Hartley
Team Toro Rosso
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Ultime notizie