Toro Rosso: è ufficiale il ritorno di Kvyat nel 2019. Arriva la rivincita del russo

condivisioni
commenti
Toro Rosso: è ufficiale il ritorno di Kvyat nel 2019. Arriva la rivincita del russo
Di: Franco Nugnes
29 set 2018, 07:59

Era stato cacciato senza troppi complimenti prima dalla Red Bull e poi anche dalla Toro Rosso: Daniil, dopo un anno da pilota al simulatore della Ferrari, torna in auge nella squadra di Faenza che gli offre un'altra occasione dopo la promozione di Gasly a Milton Keynes.

Daniil Kvyat, Ferrari e Marco Matassa, ingegnere Ferrari
Champion Daniil Kvyat, MW Arden
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso, Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso, sul palco della F1
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR12
The wrecked Daniil Kvyat Scuderia Toro Rosso STR12
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso, walks away from his crashed car

Sochi 2016. Daniil Kvyat riceve da Helmut Marko una telefonata che ricorderà per sempre: il manager austriaco che gli comunica senza troppi giri di parole la retrocessione dalla Red Bull alla Toro Rosso. Una doccia fredda per un pilota appena salito sul podio del Gran Premio di Cina, e la domenica Kvyat conferma il suo nervosismo al via della gara speronando per due volte la Ferrari di Sebastian Vettel. Sarà l’inizio di un periodo difficile, che terminerà con l’appiedamento anche dal team di Faenza.

Due anni dopo (sempre a Sochi) è arrivata l’ufficialità di una rivincita altrettanto a sorpresa, con Kvyat richiamato da Marko per tornare al volante proprio di quella Toro Rosso lasciata due anni fa e assaggiata per una gara nel 2017.

È il momento dei ripensamenti in Red Bull, e a dodici mesi di distanza dalla “resurrezione” di Brandon Hartley, è stata ufficializzata quella di Kvyat. Un annuncio… annunciato, dopo il passaggio di Pierre Gasly in Red Bull.

“Prima di tutto vorrei ringraziare la Red Bull e la Toro Rosso per avermi offerta questa opportunità per essere nuovamente in Formula 1 – ha commentato Kvyat - e sono particolarmente contento di tornare in una squadra che conosco molto bene. In Toro Rosso mi sono sempre sentito a casa, e sono certo che sarà così anche la prossima stagione".

"Vorrei anche ringraziare la Ferrari per la fiducia concessami, che mi ha consentito di restare in contatto con la Formula 1 entrando a far parte del programma di sviluppo a Maranello. Anche se i miei compiti erano principalmente basati sul lavoro al simulatore, ho imparato molto, e mi sento prontissimo ad iniziare questa nuova avventura in Toro Rosso”.

“Non ho mai smesso di sperare di poter avere un’altra chance – ha concluso Kvyat - sono ancora giovane e mi sono tenuto in forma per essere sempre pronto qualora fosse arrivata una chance”.

Franz Tost ha accolto il ritorno di Kvyat come una buona notizia, dopo la partenza programmata di Gasly al termine di questa stagione:
“Le impressionanti prestazioni di Pierre gli hanno fatto guadagnare sul campo la chance Red Bull Racing. Sono contento che, ancora una volta, un pilota del programma Red Bull Junior di Helmut Marko abbia raggiunto il suo obiettivo, per noi vuol dire missione compiuta!"

"Per quanto riguarda il ritorno di Daniil, credo che meriti un'altra possibilità in Formula 1. È un pilota esperto con un’ottima velocità naturale, dote che ha dimostrato più volte nel corso della sua carriera. Ci sono state alcune situazioni difficili che ha dovuto affrontare in passato, ma sono convinto che il tempo trascorso lontano dai campi di gara sia stato utile per capire e maturare. Spingeremo molto per fornirgli un buon pacchetto tecnico, e sento che il meglio da parte sua debba ancora arrivare”.

Prossimo articolo Formula 1
Giovinazzi: "Per la prima volta ho guidato senza l'ansia di dover dimostrare qualcosa e vuol dire tanto"

Articolo precedente

Giovinazzi: "Per la prima volta ho guidato senza l'ansia di dover dimostrare qualcosa e vuol dire tanto"

Prossimo Articolo

Colpo di coda di Wolff: Russell in Williams e Ocon come terzo in Mercedes o viceversa?

 Colpo di coda di Wolff: Russell in Williams e Ocon come terzo in Mercedes o viceversa?
Carica commenti