Top 5: le vittorie con i distacchi più grandi della F1

In questo giorno, nel 1969, Jackie Stewart vinse il Gran Premio di Spagna sul famigerato circuito di Montjuic, stabilendo un record che rimane ancora oggi.

Top 5: le vittorie con i distacchi più grandi della F1

Il suo vantaggio di due giri sul suo rivale più vicino - che fu particolarmente impressionante considerando la lunghezza della pista - non è stato più battuto da allora.

Di seguito, diamo uno sguardo alle cinque gare con i distacchi più grandi della storia della Formula 1.

  1. Gran Premio d'Italia 1954

Juan Manuel Fangio, Mercedes W196

Juan Manuel Fangio, Mercedes W196

Photo by: Motorsport Images

Il Gran Premio d'Italia del 1954 fu la penultima prova del campionato e Juan Manuel Fangio aveva già vinto il suo secondo titolo mondiale.

Fangio partì dalla pole position con la sua Mercedes W196, risultando appena due decimi più veloce di Alberto Ascari con la Ferrari 625, ma dovette lottare per la vittoria durante gran parte della gara.

Il leader della gara è cambiato quattro volte tra Karl Kling, Stirling Moss, Ascari e Fangio, ma il campione del mondo ha preso il comando per l'ultima volta al 68esima giro ed ha vinto per un giro su Mike Hawthorn. Un tale distacco all'epoca, tuttavia, non era poi così insolito.

Risultati completi: https://results.motorsportstats.com/results/1954-italian-grand-prix

  1. Gran Premio di Monaco 1967

Denny Hulme, Brabham BT20

Denny Hulme, Brabham BT20

Photo by: Motorsport Images

Nel Gran Premio di Monaco del 1967, Jack Brabham aveva messo la sua Brabham BT-19 in pole position, appena 0"7 più veloce di Lorenzo Bandini sulla sua Ferrari.

Le speranze di vittoria di Brabham sono state infrante da problemi al motore, così è stato il compagno di squadra Denny Hulme a conquistare la vittoria.

Hulme, partito dal quarto posto, ha preso il comando al quindicesimo giro da Jackie Stewart e si è portato in testa, finendo un giro (più di tre minuti) davanti a Graham Hill.

La giornata sarà però tristemente ricordata per l'incidente che ha causato la morte di Bandini.

Risultati completi: https://results.motorsportstats.com/results/1967-monaco-grand-prix

  1. Gran Premio di Francia 1962

Dan Gurney, Porsche 804

Dan Gurney, Porsche 804

Photo by: David Phipps

Nel 1962, il Gran Premio di Francia si svolse a Rouen, dove sembrava che la battaglia per il titolo sarebbe stata tra Graham Hill, Phil Hill e Bruce McLaren.

Ma è un pilota che non aveva segnato neppure un punto fino a quel round che quel giorno avrebbe lasciato tutti indietro: Dan Gurney.

L'americano aveva qualificato la sua Porsche solamente in sesta posizione, con un tempo più lento di 1"7 rispetto alla pole position di Jim Clark. Fino al 41° giro, Graham Hill aveva condotto la maggior parte della gara, ma poi ha fermato la sua vettura con problemi all'iniezione e all'acceleratore per cedere il comando a Gurney.

Nessuno degli altri corridori che erano ancora in gara era in grado di infastidirlo, e Gurney ha concluso la gara un giro prima di Tony Maggs con la sua Cooper-Climax. Questa è stata la prima e più importante vittoria di Dan Gurney delle quattro che ha ottenuto nella sua carriera in F1.

Risultati completi: https://results.motorsportstats.com/results/1962-french-grand-prix

  1. Gran Premio d'Australia 1995

Damon Hill, Williams FW17

Damon Hill, Williams FW17

Photo by: Sutton Images

Il Gran Premio d'Australia del '95 ad Adelaide è stato l'ultimo round della stagione, e il campionato era già deciso a favore di Michael Schumacher. Ma questo non significava che l'ultimo evento dell'anno fosse destinato ad essere monotono.

Damon Hill aveva strappato la pole position al compagno di squadra della Williams-Renault, David Coulthard, per soli 0"123.

Ma è stato Coulthard a prendere la testa della corsa in partenza, prima di schiantarsi al 19esimo giro, quando è entrato in pitlane per il suo primo pit stop.

Michael Schumacher ha preso quindi il posto di Coulthard, ma l'allora due volte campione del mondo ha avuto un contatto con la Ferrari di Jean Alesi al 23esimo giro, consegnando il comando a Damon Hill.

Si rivelò quindi una gara di "sopravvivenza", con solo otto vetture al traguardo a causa di varie circostanze. Alla fine, Hill finirà due giri (quasi tre minuti) davanti a Olivier Panis con la sua Ligier/Mugen-Honda.

Risultati completi: https://results.motorsportstats.com/results/1995-australian-grand-prix-2

  1. Gran Premio di Spagna 1969

Jackie Stewart, Matra Cosworth MS80

Jackie Stewart, Matra Cosworth MS80

Photo by: Sutton Images

L'evento di Montjuic fu la seconda prova del Campionato del Mondo di F1 del 1969, e Jackie Stewart aveva già vinto la prima gara in Sud Africa con la sua Matra-Ford.

La sua prestazione in qualifica non è stata molto buona e ha dovuto prendere il via dal quarto posto in griglia, mentre Jochen Rindt ha ottenuto la pole position con la sua Lotus-Ford.

Stewart è scivolato ancora più indietro alla partenza, perdendo due posizioni nel primo giro, ma dal settimo giro in poi si è fatto strada in testa, prendendo la leadership di Chris Amon al 56esimo giro, quando il motore del neozelandese ha ceduto.

Stewart non si è mai guardato indietro nello specchietto retrovisore ed è scomparso dal resto dello schieramento, doppiando Bruce McLaren al secondo posto. Il suo margine finale è stato effettivamente di quasi quattro minuti.

Risultati completi: https://results.motorsportstats.com/results/1969-spanish-grand-prix

Top 10: le dieci gare con i distacchi più grandi in F1

Pos Anno Gara Distacco Vincitore   Secondo  
1 1969 Spagna

2 giri

[3'59.6]

 Jackie Stewart Matra MS80  Bruce McLaren McLaren M7C
2 1995 Australia

2 giri

[2'55.713]

 Damon Hill Williams FW17B  Olivier Panis Ligier JS41
3 1962 Francia

1 giro

[4'31.1]

 Dan Gurney Porsche 804  Tony Maggs Cooper T60
4 1967 Monaco

1 giro

[3'12.6]

 Denny Hulme Brabham BT20  Graham Hill Lotus 33
5 1954 Italia

1 giro

[3'01.2]

 Juan Manuel Fangio Mercedes W196  Mike Hawthorn Ferrari 625
6 1952 Gran Bretagna

1 giro

[2'48.]

 Alberto Ascari Ferrari 500  Piero Taruffi Ferrari 500
7 1950 Monaco

1 giro

[2'46.5]

 Juan Manuel Fangio Alfa Romeo 158  Alberto Ascari Ferrari 125
8 1953 Argentina

1 giro

[2'42.6]

 Alberto Ascari Ferrari 500  Luigi Villoresi Ferrari 500
9 1985 San Marino

1 giro

[2'41.183]

 Elio de Angelis Lotus 97T  Thierry Boutsen Arrows A8
10 1969 Gran Bretagna

1 giro

[2'36.1]

 Jackie Stewart Matra MS80  Jacky Ickx Brabham BT26A
condivisioni
commenti
Szafnauer: "Riducendo le spese possiamo livellare le prestazioni"

Articolo precedente

Szafnauer: "Riducendo le spese possiamo livellare le prestazioni"

Prossimo Articolo

Budget cap F1, Brawn: "Discussioni in dirittura d'arrivo"

Budget cap F1, Brawn: "Discussioni in dirittura d'arrivo"
Carica commenti
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti" Prime

Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti"

Seconda intervista esclusiva in compagnia di Gilles Simon. In questa lunga chiaccerata in compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, l'ingegnere francese ci parla dei suoi trascorsi in Honda accompagnando il costruttore nipponico nei suoi primi anni in Formula 1 nell'era ibrida, per poi andare in FIA in qualità di advisor

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario Prime

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario

Cos'hanno in comune la corsa più antica della storia automobilistica e la Scuderia più leggendaria di sempre? Un filo conduttore glorioso fatto di 17 vittorie. Andiamo a scoprire insieme alcune delle imprese memorabili compiute dalla Scuderia Ferrari al Gran Premio di Francia.

Formula 1
13 giu 2021
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Formula 1
12 giu 2021
Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021