Top 10: gli ultimi giri più rocamboleschi della F1

Il 29 aprile 2001 Mika Hakkinen ha subito uno dei più drammatici ritiri della Formula 1. In testa al Gran Premio di Spagna, il finlandese si ritirò all'ultimo giro della gara di Barcellona. Ripercorriamo dieci delle più clamorose gare decise all'ultimo giro in F1.

Top 10: gli ultimi giri più rocamboleschi della F1
1. Jim Clark - Gran Premio d'Italia 1967
1. Jim Clark - Gran Premio d'Italia 1967
1/10

Foto di: LAT Images

Il Gran Premio d'Italia del 1967 ha prodotto uno dei finali più ravvicinati della storia, che potete vedere qui sopra. Il duello finale tra John Surtees e Jack Brabham ha in realtà messo in ombra una performance dominante di Jim Clark. Lo scozzese si fece strada fino a quando non perse un giro per la foratura di una gomma sulla sua Lotus. Clark in qualche modo è tornato in testa e ha ripreso il comando. All'ultimo giro, però, a Clark sarebbe stata negata una sensazionale vittoria in rimonta quando ha rallentato per un guasto alla pompa del carburante.
2. Jackie Stewart - Gran Premio del Belgio 1968
2. Jackie Stewart - Gran Premio del Belgio 1968
2/10

Foto di: David Phipps

Ai vecchi tempi, finire il carburante all'ultimo giro non era troppo raro. Jackie Stewart perse il Gran Premio del Belgio del 1968 sul circuito originale di Spa-Francorchamps quando la sua Matra si fermò a secco. La vittoria è andata a Bruce McLaren. Stewart si classificò ancora quarto, davanti ad alcune vetture che erano staccate di due giri.
3. Jack Brabham - Gran Premio di Gran Bretagna 1970
3. Jack Brabham - Gran Premio di Gran Bretagna 1970
3/10

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Jack Brabham era comodamente in testa al Gran Premio di Gran Bretagna del 1970 a Brands Hatch, con la sua Brabham BT33 blu e gialla, fino a quando anche lui ha finito il carburante. Alla penultima curva, la sua Brabham ha iniziato a sbraitare, dopo di che Brabham ha cercato di raggiungere la bandiera a scacchi. Brabham è riuscito a raggiungere il traguardo, ma non prima che Jochen Rindt e la sua Lotus gli strappassero il comando. Sarebbe stato l'ultimo podio di Brabham in F1 e la penultima vittoria di Rindt. Rindt è stato originariamente squalificato per una presunta ala posteriore illegale, ma è stato poi reintegrato dopo tre ore di attesa.
4. Patrick Depailler - Gran Premio del Sud Africa 1978
4. Patrick Depailler - Gran Premio del Sud Africa 1978
4/10

Foto di: David Phipps

Dopo un problema al motore per il leader Riccardo Patrese, Patrick Depailler si è messo al comando del Gran Premio del Sudafrica del 1978 a Kyalami. Purtroppo per Depailler, anche il motore Ford della sua Tyrrell sembrava in difficoltà. Questo diede all'inseguitore Ronnie Peterson la possibilità di strappargli la vittoria. Dopo un brillante duello all'ultimo giro, Peterson prese il comando e la vittoria.
5. Gran Premio di Monaco 1982
5. Gran Premio di Monaco 1982
5/10

Foto di: LAT Images

Sembrava che nessuno volesse vincere il Gran Premio di Monaco del 1982. Lo scenario che si è venuto a creare sul porto di Montecarlo non avrebbe potuto immaginarlo nemmeno un bambino che gioca con le macchinine. Alain Prost era in testa fino a quando non ha iniziato a piovere in Costa Azzurra. Prost ha perso il controllo della sua Renault tra la chicane e il Tabaccaio, cedendo il comando a Riccardo Patrese. Il pilota della Brabham è andato in testacoda al tornantino, e il comando è passato a Didier Pironi della Ferrari, seguito da Andrea de Cesaris con l'Alfa Romeo. Nel giro finale sia Pironi che De Cesaris hanno finito la benzina. Questo avrebbe potuto regalare un'improbabile vittoria a Derek Daly con la Williams. Ma Daly, che dopo un incidente precedente aveva perso un alettone posteriore e mezzo alettone anteriore, ha dovuto parcheggiare la sua vettura malandata con problemi al cambio. Alla fine qualcuno comunque si è preso la briga di tagliare il traguardo: Patrese è riuscito a rimettere in moto la sua Brabham dopo il testacoda ed ha centrato la sua prima vittoria in un Gran Premio. Pironi e De Cesaris si sono comunque classificati secondo e terzo, perché le altre quattro vetture erano staccate di un giro.
6. Nigel Mansell - Gran Premio del Canada 1991
6. Nigel Mansell - Gran Premio del Canada 1991
6/10

Foto di: LAT Images

Cosa c'è di peggio di una rottura all'ultimo giro? Forse l'autolesionismo. All'ultimo giro del Gran Premio del Canada 1991, Nigel Mansell era sicuro che la gara fosse ormai vinta. Quando iniziò a salutare la folla, la sua Williams si fermò al tornante. La Williams disse che Mansell aveva avuto problemi elettrici, ma dopo la gara la macchina sembrava funzionare bene. Successivamente, si è scoperto che Mansell aveva fatto scendere troppo i giri del motore, facendo spegnere. Nelson Piquet si è così aggiudicato l'ultimo Gran Premio della sua carriera.
7. Damon Hill - Gran Premio d'Ungheria 1997
7. Damon Hill - Gran Premio d'Ungheria 1997
7/10

Foto di: LAT Images

L'ex compagno di squadra di Mansell (anche se solo per una gara), Damon Hill, ha avuto diverse disavventure durante il suo periodo in F1, ma nessuno è stato più crudele del Gran Premio d'Ungheria del 1997. Alla guida di una modesta Arrows, dopo essere stato scaraventato fuori dalla Williams, il campione del mondo in carica ha lanciato la sfida alla sua ex squadra all'Hungaroring. Hill si è qualificato terzo e ha superato Jacques Villeneuve alla partenza. Qualche giro più tardi ha superato il leader Michael Schumacher e ha iniziato a costruire un vantaggio, le sue gomme Bridgestone hanno chiaramente affrontato meglio il caldo rispetto alle Goodyear della Ferrari. Nessuno avrebbe negato a Hill una vittoria da favola dopo l'uscita della Williams, ma quello che doveva essere un improbabile trionfo si è trasformato in un altro strazio per la Arrows. A tre giri dalla fine Hill iniziò a segnalare problemi all'acceleratore, che gradualmente peggiorarono. Hill ha dovuto rallentare così tanto che Villeneuve è riuscito a colmare il divario e a superarlo all'ultimo giro. Hill è stato un secondo deluso, ma ha mostrato grazia nella sconfitta e alla fine ha ottenuto il miglior risultato di sempre della Arrows.
8. Mika Hakkinen - Gran Premio di Spagna 2001
 8. Mika Hakkinen - Gran Premio di Spagna 2001
8/10

Foto di: LAT Images

Dopo essere stati battuti da Michael Schumacher nel 2000, Mika Hakkinen e la McLaren speravano di rifarsi nel 2001 con la nuova MP4-16. La stagione di Hakkinen è però iniziata male, con il ritiro nel primo Gran Premio in Australia e stallando sulla griglia in Brasile. In Spagna, Hakkinen è tornato in forma con una prestazione dominante. Sembrava pronto a conquistare la sua prima vittoria stagionale, precedendo Michael Schumacher di 40 secondi, fino a quando il suo motore si è rotto nell'ultimo giro di gara. Hakkinen è stato riaccompagnato in pitlane dal compagno di squadra David Coulthard. Schumacher ha conquistato la sua terza vittoria in cinque gare, consolidando il percorso per la difesa del titolo.
9. Kimi Raikkonen - Gran Premio d'Europa 2005
9. Kimi Raikkonen - Gran Premio d'Europa 2005
9/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Quattro anni dopo, la McLaren è stata ancora una volta il centro del dramma dell'ultimo giro. Kimi Raikkonen era in testa al Gran Premio d'Europa 2005, al Nurburgring, ma Fernando Alonso della Renault si stava rapidamente avvicinando al finlandese. In precedenza, Raikkkonen aveva spiattellato la gomma anteriore destra mentre stava doppiando Jacques Villeneuve. A causa del regolamento del 2005, che costringeva i piloti a qualificarsi e a correre sullo stesso set di pneumatici, Raikkonen non è stato in grado di cambiare la gomma danneggiata. Ha dovuto invece continuare per mezza gara con un peggioramento delle vibrazioni, che è costato al pilota della McLaren un sacco di tempo. Alonso si è avvicinato all'ultimo giro della gara, ma non ha dovuto nemmeno fare un attacco a Raikkonen. In frenata alla prima curva, la sospensione anteriore della McLaren ha ceduto dopo aver resistito a 30 giri di vibrazioni. Come conseguenza del ritiro di Raikkkonen, la FIA ha modificato le regole in modo che i piloti potessero cambiare uno pneumatico danneggiato per ogni gara.
10. Felipe Massa - Gran Premio del Brasile 2008
10. Felipe Massa - Gran Premio del Brasile 2008
10/10

Foto di: LAT Images

La delusione di Felipe Massa al Gran Premio del Brasile 2008 è l'ultima voce di questa lista. Ed è probabilmente anche la più iconica. In un indimenticabile scontro per il titolo a San Paolo, Massa non ha sbagliato per tutto il fine settimana, nonostante la pressione e le aspettative del pubblico di casa. Il pilota della Ferrari ha condotto dalla pole position alla bandiera a scacchi, mentre il rivale per il titolo Lewis Hamilton ha avuto una gara difficile dal quarto posto in griglia. Con Hamilton in sesta posizione, Massa sembrava pronto a regalare ai tifosi brasiliani un titolo mondiale da festeggiare, ma all'ultima curva dell'ultimo giro Hamilton ha superato Timo Glock - che stava faticando con le gomme da asciutto su pista bagnata - per conquistare il quinto posto e vincere il suo primo campionato del mondo per un solo punto. La delusione di Massa è stata chiara a tutti, ma è rimasto dignitoso nella sconfitta, guadagnandosi molto rispetto nel paddock.
condivisioni
commenti
Hockenheim in trattativa per ospitare la F1 nel 2020
Articolo precedente

Hockenheim in trattativa per ospitare la F1 nel 2020

Prossimo Articolo

Formula 1 Stories: Brawn GP, "fondo" vincente

Formula 1 Stories: Brawn GP, "fondo" vincente
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021