Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
64 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
96 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
103 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
113 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
120 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
134 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
148 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
176 giorni
02 set
Prossimo evento tra
183 giorni
09 set
Prossimo evento tra
190 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
204 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
218 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
239 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
275 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
284 giorni

Top 10: gli ultimi giri più rocamboleschi della F1

Il 29 aprile 2001 Mika Hakkinen ha subito uno dei più drammatici ritiri della Formula 1. In testa al Gran Premio di Spagna, il finlandese si ritirò all'ultimo giro della gara di Barcellona. Ripercorriamo dieci delle più clamorose gare decise all'ultimo giro in F1.

Top 10: gli ultimi giri più rocamboleschi della F1

1. Jim Clark - Gran Premio d'Italia 1967

1. Jim Clark - Gran Premio d'Italia 1967
1/10

Foto di: LAT Images

Il Gran Premio d'Italia del 1967 ha prodotto uno dei finali più ravvicinati della storia, che potete vedere qui sopra. Il duello finale tra John Surtees e Jack Brabham ha in realtà messo in ombra una performance dominante di Jim Clark. Lo scozzese si fece strada fino a quando non perse un giro per la foratura di una gomma sulla sua Lotus. Clark in qualche modo è tornato in testa e ha ripreso il comando. All'ultimo giro, però, a Clark sarebbe stata negata una sensazionale vittoria in rimonta quando ha rallentato per un guasto alla pompa del carburante.

2. Jackie Stewart - Gran Premio del Belgio 1968

2. Jackie Stewart - Gran Premio del Belgio 1968
2/10

Foto di: David Phipps

Ai vecchi tempi, finire il carburante all'ultimo giro non era troppo raro. Jackie Stewart perse il Gran Premio del Belgio del 1968 sul circuito originale di Spa-Francorchamps quando la sua Matra si fermò a secco. La vittoria è andata a Bruce McLaren. Stewart si classificò ancora quarto, davanti ad alcune vetture che erano staccate di due giri.

3. Jack Brabham - Gran Premio di Gran Bretagna 1970

3. Jack Brabham - Gran Premio di Gran Bretagna 1970
3/10

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Jack Brabham era comodamente in testa al Gran Premio di Gran Bretagna del 1970 a Brands Hatch, con la sua Brabham BT33 blu e gialla, fino a quando anche lui ha finito il carburante. Alla penultima curva, la sua Brabham ha iniziato a sbraitare, dopo di che Brabham ha cercato di raggiungere la bandiera a scacchi. Brabham è riuscito a raggiungere il traguardo, ma non prima che Jochen Rindt e la sua Lotus gli strappassero il comando. Sarebbe stato l'ultimo podio di Brabham in F1 e la penultima vittoria di Rindt. Rindt è stato originariamente squalificato per una presunta ala posteriore illegale, ma è stato poi reintegrato dopo tre ore di attesa.

4. Patrick Depailler - Gran Premio del Sud Africa 1978

4. Patrick Depailler - Gran Premio del Sud Africa 1978
4/10

Foto di: David Phipps

Dopo un problema al motore per il leader Riccardo Patrese, Patrick Depailler si è messo al comando del Gran Premio del Sudafrica del 1978 a Kyalami. Purtroppo per Depailler, anche il motore Ford della sua Tyrrell sembrava in difficoltà. Questo diede all'inseguitore Ronnie Peterson la possibilità di strappargli la vittoria. Dopo un brillante duello all'ultimo giro, Peterson prese il comando e la vittoria.

5. Gran Premio di Monaco 1982

5. Gran Premio di Monaco 1982
5/10

Foto di: LAT Images

Sembrava che nessuno volesse vincere il Gran Premio di Monaco del 1982. Lo scenario che si è venuto a creare sul porto di Montecarlo non avrebbe potuto immaginarlo nemmeno un bambino che gioca con le macchinine. Alain Prost era in testa fino a quando non ha iniziato a piovere in Costa Azzurra. Prost ha perso il controllo della sua Renault tra la chicane e il Tabaccaio, cedendo il comando a Riccardo Patrese. Il pilota della Brabham è andato in testacoda al tornantino, e il comando è passato a Didier Pironi della Ferrari, seguito da Andrea de Cesaris con l'Alfa Romeo. Nel giro finale sia Pironi che De Cesaris hanno finito la benzina. Questo avrebbe potuto regalare un'improbabile vittoria a Derek Daly con la Williams. Ma Daly, che dopo un incidente precedente aveva perso un alettone posteriore e mezzo alettone anteriore, ha dovuto parcheggiare la sua vettura malandata con problemi al cambio. Alla fine qualcuno comunque si è preso la briga di tagliare il traguardo: Patrese è riuscito a rimettere in moto la sua Brabham dopo il testacoda ed ha centrato la sua prima vittoria in un Gran Premio. Pironi e De Cesaris si sono comunque classificati secondo e terzo, perché le altre quattro vetture erano staccate di un giro.

6. Nigel Mansell - Gran Premio del Canada 1991

6. Nigel Mansell - Gran Premio del Canada 1991
6/10

Foto di: LAT Images

Cosa c'è di peggio di una rottura all'ultimo giro? Forse l'autolesionismo. All'ultimo giro del Gran Premio del Canada 1991, Nigel Mansell era sicuro che la gara fosse ormai vinta. Quando iniziò a salutare la folla, la sua Williams si fermò al tornante. La Williams disse che Mansell aveva avuto problemi elettrici, ma dopo la gara la macchina sembrava funzionare bene. Successivamente, si è scoperto che Mansell aveva fatto scendere troppo i giri del motore, facendo spegnere. Nelson Piquet si è così aggiudicato l'ultimo Gran Premio della sua carriera.

7. Damon Hill - Gran Premio d'Ungheria 1997

7. Damon Hill - Gran Premio d'Ungheria 1997
7/10

Foto di: LAT Images

L'ex compagno di squadra di Mansell (anche se solo per una gara), Damon Hill, ha avuto diverse disavventure durante il suo periodo in F1, ma nessuno è stato più crudele del Gran Premio d'Ungheria del 1997. Alla guida di una modesta Arrows, dopo essere stato scaraventato fuori dalla Williams, il campione del mondo in carica ha lanciato la sfida alla sua ex squadra all'Hungaroring. Hill si è qualificato terzo e ha superato Jacques Villeneuve alla partenza. Qualche giro più tardi ha superato il leader Michael Schumacher e ha iniziato a costruire un vantaggio, le sue gomme Bridgestone hanno chiaramente affrontato meglio il caldo rispetto alle Goodyear della Ferrari. Nessuno avrebbe negato a Hill una vittoria da favola dopo l'uscita della Williams, ma quello che doveva essere un improbabile trionfo si è trasformato in un altro strazio per la Arrows. A tre giri dalla fine Hill iniziò a segnalare problemi all'acceleratore, che gradualmente peggiorarono. Hill ha dovuto rallentare così tanto che Villeneuve è riuscito a colmare il divario e a superarlo all'ultimo giro. Hill è stato un secondo deluso, ma ha mostrato grazia nella sconfitta e alla fine ha ottenuto il miglior risultato di sempre della Arrows.

8. Mika Hakkinen - Gran Premio di Spagna 2001

 8. Mika Hakkinen - Gran Premio di Spagna 2001
8/10

Foto di: LAT Images

Dopo essere stati battuti da Michael Schumacher nel 2000, Mika Hakkinen e la McLaren speravano di rifarsi nel 2001 con la nuova MP4-16. La stagione di Hakkinen è però iniziata male, con il ritiro nel primo Gran Premio in Australia e stallando sulla griglia in Brasile. In Spagna, Hakkinen è tornato in forma con una prestazione dominante. Sembrava pronto a conquistare la sua prima vittoria stagionale, precedendo Michael Schumacher di 40 secondi, fino a quando il suo motore si è rotto nell'ultimo giro di gara. Hakkinen è stato riaccompagnato in pitlane dal compagno di squadra David Coulthard. Schumacher ha conquistato la sua terza vittoria in cinque gare, consolidando il percorso per la difesa del titolo.

9. Kimi Raikkonen - Gran Premio d'Europa 2005

9. Kimi Raikkonen - Gran Premio d'Europa 2005
9/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Quattro anni dopo, la McLaren è stata ancora una volta il centro del dramma dell'ultimo giro. Kimi Raikkonen era in testa al Gran Premio d'Europa 2005, al Nurburgring, ma Fernando Alonso della Renault si stava rapidamente avvicinando al finlandese. In precedenza, Raikkkonen aveva spiattellato la gomma anteriore destra mentre stava doppiando Jacques Villeneuve. A causa del regolamento del 2005, che costringeva i piloti a qualificarsi e a correre sullo stesso set di pneumatici, Raikkonen non è stato in grado di cambiare la gomma danneggiata. Ha dovuto invece continuare per mezza gara con un peggioramento delle vibrazioni, che è costato al pilota della McLaren un sacco di tempo. Alonso si è avvicinato all'ultimo giro della gara, ma non ha dovuto nemmeno fare un attacco a Raikkonen. In frenata alla prima curva, la sospensione anteriore della McLaren ha ceduto dopo aver resistito a 30 giri di vibrazioni. Come conseguenza del ritiro di Raikkkonen, la FIA ha modificato le regole in modo che i piloti potessero cambiare uno pneumatico danneggiato per ogni gara.

10. Felipe Massa - Gran Premio del Brasile 2008

10. Felipe Massa - Gran Premio del Brasile 2008
10/10

Foto di: LAT Images

La delusione di Felipe Massa al Gran Premio del Brasile 2008 è l'ultima voce di questa lista. Ed è probabilmente anche la più iconica. In un indimenticabile scontro per il titolo a San Paolo, Massa non ha sbagliato per tutto il fine settimana, nonostante la pressione e le aspettative del pubblico di casa. Il pilota della Ferrari ha condotto dalla pole position alla bandiera a scacchi, mentre il rivale per il titolo Lewis Hamilton ha avuto una gara difficile dal quarto posto in griglia. Con Hamilton in sesta posizione, Massa sembrava pronto a regalare ai tifosi brasiliani un titolo mondiale da festeggiare, ma all'ultima curva dell'ultimo giro Hamilton ha superato Timo Glock - che stava faticando con le gomme da asciutto su pista bagnata - per conquistare il quinto posto e vincere il suo primo campionato del mondo per un solo punto. La delusione di Massa è stata chiara a tutti, ma è rimasto dignitoso nella sconfitta, guadagnandosi molto rispetto nel paddock.
condivisioni
commenti
Hockenheim in trattativa per ospitare la F1 nel 2020

Articolo precedente

Hockenheim in trattativa per ospitare la F1 nel 2020

Prossimo Articolo

Formula 1 Stories: Brawn GP, "fondo" vincente

Formula 1 Stories: Brawn GP, "fondo" vincente
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Filip Cleeren
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1 Prime

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1

L’accordo che McLaren ha concluso l'anno scorso con MSP Sports Capital, che aiuterà il team di Formula 1 a corto di liquidità a pagare per i tanto necessari aggiornamenti delle infrastrutture, punta anche al futuro della Formula 1 stessa, come analizza Stuart Codling di GP Racing.

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher Prime

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher

La W01 è la monoposto che rappresenta il ritorno della firma Mercedes in Formula 1, un'assenza che perdurava dal lontano 1955. Ma è anche la vettura che accompagna il ritorno della leggenda Schumacher in un campionato del mondo, nel 2010.

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021? Prime

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021?

L'olandese non si è voluto sbilanciare in occasione del filming day della Red Bull circa le reali potenzialità della RB16B. Pretattica o forse Max è rimasto scottato troppe volte negli anni passati?

Formula 1
27 feb 2021
Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022 Prime

Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022

Già dalla presentazione si è capito che l'Alfa Romeo deciderà di sacrificare il 2021 e portare pochi sviluppi per puntare tutto sul 2022 e cercare di risalire la china sfruttando il cambiamento regolamentare.

Formula 1
27 feb 2021
F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino Prime

F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino

Cos'hanno in comune la Tyrrell e la Mercedes? Molto più di quel che sembra. Infatti, un semplice cambio di residenza della Casa di Stoccarda, ha generato un filo conduttore tra tante squadre diverse tra loro. Un viaggio nella storia della Formula 1 che parte dagli anni Settanta.

Formula 1
27 feb 2021
Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri Prime

Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri

Il pilota francese proseguirà la sua esperienza con AlphaTauri anche nel 2021 ed avrà il compito di essere la guida del team di Faenza. Il mancato ritorno in Red Bull dopo un 2020 spettacolare, però, potrebbe segnare il suo futuro.

Formula 1
26 feb 2021
I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap? Prime

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

Il 2021 vedrà alcune modifiche tecniche e regolamentari che potrebbero avere un grande impatto sullo show in pista. Rodi Basso ha analizzato i pro e i contro, con una particolare attenzione alle zone grigie del budget cap.

Formula 1
26 feb 2021