Todt si assume la colpa per i protocolli delle gare cancellate

Jean Todt si è assunto la colpa di non aver assicurato che ci siano "protocolli più chiari" nel regolamento della Formula 1 per quanto riguarda ciò che accade quando una gara viene annullata.

Todt si assume la colpa per i protocolli delle gare cancellate

Il GP del Belgio ha visto svolgere solamente due giri completi dietro la safety car prima di essere interrotto con la bandiera rossa. La corsa non è poi ripresa, e i risultati sono stati dichiarati validi dopo appena una tornata, con il poleman Max Verstappen decretato vincitore.

I primi 10 classificati hanno ricevuto metà punti, come prevede il regolamento quando almeno due giri sono stati completati, senza specificare in che condizioni.

L'unico cambiamento dalla top 10 sulla griglia originale era l'assenza di Sergio Pérez, scivolato in fondo dopo un incidente pre-gara.

L'assegnazione dei punti è stato uno dei diversi aspetti controversi dell'evento. Todt si è mosso rapidamente promettendo il lunedì dopo la gara che ci sarà un'adeguata revisione delle norme alla prossima riunione della Commissione F1 il 5 ottobre, e che l'assegnazione dei punti sarà tra gli argomenti.

Todt ammette che la FIA avrebbe dovuto essere meglio preparata per una gara persa a causa del maltempo, nonostante sia stata la prima volta in 71 anni di storia del campionato del mondo che si è verificato un fatto simile.

"L'unica cosa di cui mi incolpo è che sapevamo che sarebbe successo", ha detto Todt a Motorsport.com. "Forse avremmo dovuto avere un protocollo più chiaro. Perché è successo? Semplicemente le auto sono più larghe, hanno più carico e probabilmente non sono stati fatti abbastanza test con gomme da bagnato estremo. E poi c'era il problema della visibilità".

"Era impossibile correre così in un circuito come Spa. Vi immaginate se avessimo detto: 'OK andiamo'. Al primo, secondo o terzo giro avremmo corso il rischio di avere 15 macchine toccarsi a vicenda, e noi questo non lo vogliamo. Va bene correre con la pioggia, ma al momento non abbiamo gli elementi per farlo in quelle condizioni".

Todt ha sottolineato che si è provato a dare il via alla gara, e che le auto non sono state mandate in pista solo per assegnare punti.

"Il secondo tentativo è stato fatto perché avevamo una previsione meteo che ci permetteva di pensare che potesse essere possibile correre".

"I punti? Era un weekend di gara e da tale questi vanno assegnati, seguendo i regolamenti. Forse dobbiamo pensare che in un caso del genere, ci possono essere conseguenze diverse dal risultato delle qualifiche. Vedremo cosa fare".

Todt ha ammesso di essere solidale con i tifosi che hanno passato una giornata all'acqua senza vedere una gara vera e propria.

"Come fan stavo guardando la TV, ed ero molto frustrato. Ed ero a mio agio, quindi posso capire i tifosi che hanno pagato il loro biglietto. Ma non abbiamo voluto obbligare i piloti a fare qualcosa per forza, semplicemente la situazione era inaffrontabile".

condivisioni
commenti
Ferrari: per Monza sono stati fatti molti compiti a casa

Articolo precedente

Ferrari: per Monza sono stati fatti molti compiti a casa

Prossimo Articolo

Williams: ufficiale l'ingaggio di Alex Albon per il 2022

Williams: ufficiale l'ingaggio di Alex Albon per il 2022
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021