Todt: "F1 deve progettare vetture adatte anche alla pioggia"

La prossima generazione di vetture di Formula 1 deve essere progettata per correre sotto alla pioggia ed evitare la ripetizione di quanto accaduto in occasione del Gran Premio del Belgio: questo è un punto fermo per il presidente della FIA Jean Todt.

Todt: "F1 deve progettare vetture adatte anche alla pioggia"

La gara del mese scorso a Spa-Francorchamps è stata interrotta dopo soli tre giri alle spalle della Safety Car a causa della pioggia, che non permetteva alle monoposto di gareggiare in sicurezza.

Tra gli alti livelli di deportanza generati dalle vetture e gli pneumatici più larghi, lo spray che viene generato in caso di pioggia rende la visibilità nulla o quasi.

Todt pensa che la questione debba essere affrontata in futuro e ritiene che quando arriverà la prossima grande revisione dei regolamenti - molto probabilmente in coincidenza con l'arrivo delle nuove power unit dal 2025 - le gare sul bagnato sono un aspetto che dovrà essere prese in considerazione.

"In molti hanno criticato ciò che è stato deciso a Spa, ma cosa sarebbe successo se, dopo la partenza, avessimo avuto un incidente con 10 auto con dei piloti feriti o peggio", ha spiegato Todt.

"Saremmo stati massacrati. E anche senza feriti saremmo stati criticati. Per i regolamenti del 2025, dobbiamo pensare ad avere vetture che possano essere guidate anche sotto la pioggia".

"Vi ricordate Lauda al Fuji nel 1976? È stato l'unico dei piloti a rinunciare a correre sotto alla pioggia. Oggi, ogni pilota la pensa come Lauda allora".

Lewis Hamilton, Mercedes W12, Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M, in the pit lane

Lewis Hamilton, Mercedes W12, Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M, in the pit lane

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

Quanto accaduto in Belgio ha causato parecchie polemiche, soprattutto per il modo in cui è stato assegnato un punteggio dimezzato, nonostante il fatto che non sia stato completato neppure un giro di gara vera e propria.

Il boss del DTM, Gerhard Berger, ritiene che la Formula 1 debba fare una scelta: o non corre in caso di pioggia o va avanti in ogni caso, quali che siano le condizioni. Ma la situazione attuale, che è a metà strada, non giova a nessuno.

"Non capisco per niente questa situazione, ad essere onesti", ha detto a proposito della gara di Spa.

"La mia opinione è: devi decidere in anticipo se vuoi avere gare sotto alla pioggia o no. In America (sugli ovali) hanno deciso di non avere gare sul bagnato: va bene così, perché lo sanno tutti".

"Ma la Formula 1 le ha sempre fatte e anche noi corriamo sotto alla pioggia nel DTM. Il motorsport è pericoloso e sì, è difficile in termini di visibilità, ma se si decide a favore delle gare sul bagnato, allora è ciò che si deve affrontare".

"Quando è scivoloso o quando c'è molta acqua, devi solo ridurre la velocità. Questo fa parte del gioco".

"Forse alla fine le condizioni erano molto brutte a Spa, ma all'inizio non ho visto alcun motivo per cui non ci dovesse essere una gara sul bagnato".

"Le partenze dietro la safety car sono la stessa cosa per me. Non sono d'accordo. Si dovrebbero avere partenze da fermo, anche sotto alla pioggia. Per me, è meno pericoloso perché ti avvicini alla prima curva con meno velocità. Con una partenza lanciata hai più acqua e meno visibilità".

"Basta fare due giri dietro la safety car e poi fare una partenza da fermo".

Informazioni aggiuntive di Franco Nugnes e Ronald Vording. 

condivisioni
commenti
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Articolo precedente

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Prossimo Articolo

Albon: ecco perché ha scelto la Williams e non l'Alfa Romeo

Albon: ecco perché ha scelto la Williams e non l'Alfa Romeo
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021