Test Pirelli: Kubica e Verstappen completano il programma a Silverstone

condivisioni
commenti
Test Pirelli: Kubica e Verstappen completano il programma a Silverstone
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
11 lug 2018, 17:32

Williams e Red Bull sono state impegnate sulla pista del GP di Gran Bretagna per la seconda giornata di collaudo con le gomme sperimentali pet il 2019. Soddisfatti i tecnici della Bicocca per i dati raccolti.

Robert Kubica, Williams Martini Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14

La Pirelli ha completato a Silverstone la seconda giornata di test con le gomme 2019: oggi ha girato Max Verstappen rilevando sulla Red Bull RB14 - Renault il tester Sebastien Bueni che aveva iniziato il lavoro ieri.

L'olandese ha svolto un programma molto intenso sulle gomme slick sperimentali, completando ben 101 giri del tracciato inglese, vale a dire la distanza di due Gran Premi. Insieme a Max, che domenica nel GP di Gran Bretagna è stato costretto al ritiro mentre era sesto, dopo un testacoda, ha proseguito a girare con la Williams FW41 - Mercedes il terzo pilota, Robert Kubica che aveva già preso confidenza con la mcchina di Grove.

Il polacco, con una macchina che è ormai costantemente relegata in fondo alla griglia, ha chiuso ben 83 giri con gli pneumatici raccogliendo utili indicazioni da trasferire ai due piloti titolari, Lance Stroll e Sergey Sirotkin. I due piloti hanno avuto a che fare con coperture che l'anno prossimo saranno sottoposte a un carico aerodinamico minore rispetto alla stagione in corso, dal momeno che l'ala anteriore sarà semplificata per rendere le monoposto meno sensibili alla scia.

I tecnici Pirelli, quindi, hanno curato l'introduzione di pneumatici che non risentano troppo nello stare in coda alla vettura davanti.

Prossimo Articolo
Report strategie: la domenica perfetta della Ferrari a Silverstone

Articolo precedente

Report strategie: la domenica perfetta della Ferrari a Silverstone

Prossimo Articolo

Horner ammette: "Ora il motore Ferrari è il V6 di riferimento in Formula 1"

Horner ammette: "Ora il motore Ferrari è il V6 di riferimento in Formula 1"
Carica commenti