Test Pirelli: conclusi una decina di GP con le gomme da 18!

Albon (Red Bull), Kubica (Alfa Romeo) e Kvyat (Alpine) hanno completato a Barcellona la seconda giornata di test con le gomme da 18 pollici. I dati raccolti dalla Casa milanese sono stati importanti per lo sviluppo degli pneumatici ribassati del prossimo anno. Positive le dichiarazioni di Robert e Daniil al suo ritorno al volante di una F1.

Test Pirelli: conclusi una decina di GP con le gomme da 18!

La Pirelli ha completato con successo anche la seconda giornata di test a Barcellona con le gomme da 18 pollici. Alla sessione di mercoledì hanno partecipato tre squadre: Red Bull, Alfa Romeo e Alpine che si è aggiunta solo oggi con Daniil Kvyat al debutto con la squadra di Enstone nel ruolo di test driver.

La Red Bull ha totalizzato fra ieri e oggi 251 giri con Alexander Albon: l’anglo-thailandese ha coperto una distanza di almeno quattro Gran Premi raccogliendo informazioni molto preziose per i tecnici della Bicocca.

Robert Kubica, Alfa Romeo Racing C38B nei test di Barcellona con la Pirelli 18 pollici

Robert Kubica, Alfa Romeo Racing C38B nei test di Barcellona con la Pirelli 18 pollici

Photo by: Pirelli

Anche Robert Kubica, collaudatore Alfa Romeo, ha messo insieme 240 giri con la C38B traendo indicazioni positive: “Sono stati due giorni molto impegnativi ma produttivi. È sempre interessante scoprire nuove caratteristiche della macchina, soprattutto quando c’è qualcosa di importante come le gomme”.

“Abbiamo fatto i primi passi con gli pneumatici da 18 pollici, quindi c'è molto da imparare. Abbiamo percorso tanti giri, tanti chilometri e abbiamo raccolto tanti dati che terranno tutti i tecnici occupati”.

“Per quanto mi riguarda sono stati due giorni difficili: venerdì scorso sono tornato in macchina dopo un po' di tempo e girare per due giorni su una pista così impegnativa è stata una bella sfida, ma l’ho portata a termine con successo".

Daniil Kvyat al debutto sulla Alpine per lo sviluppo delle gomme da 18 pollici

Daniil Kvyat al debutto sulla Alpine per lo sviluppo delle gomme da 18 pollici

Photo by: Alpine

Il bilancio è completato da Kvyat subito a suo agio con l’Alpine: il russo ha sommato 123 giri (57 al mattino e 66 al pomeriggio) traendo ottime indicazioni dal test: "E' stata una sessione molto positiva con le gomme Pirelli per il 2022. Credo che abbiamo coperto una buona distanza raccogliendo informazion che saranno utili al futuro sviluppo della squadra".

"Io sono particolarmente felice di aver potuto contribuire: mi sono trovato subito a mio agio all'interno della monoposto, così ha potuto lavorare sodo per portare a termine il programma prima del previsto. E' stato bello tornare al volante di una Formula 1 e spero di avere la possibilità di tornare presto al volante".

condivisioni
commenti
Reutemann è stabile, ma sempre in terapia intensiva
Articolo precedente

Reutemann è stabile, ma sempre in terapia intensiva

Prossimo Articolo

Wolff: "15 persone e una sede non fanno una power unit vincente"

Wolff: "15 persone e una sede non fanno una power unit vincente"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021