F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Test Mercedes: Russell in Bahrain ha provato anche un'ala posteriore scarica

condivisioni
commenti
Test Mercedes: Russell in Bahrain ha provato anche un'ala posteriore scarica
Di:
05 apr 2019, 11:07

La squadra di Brackley nel secondo giorno di test in Bahrain ha fatto girare il collaudatore George Russell sulla W10 dotata di un'ala posteriore più scarica che potrebbe essere utile a Baku e in Canada.

La pista del Bahrain è un tracciato che richiede un carico aerodinamico medio-alto, anche se si toccano velocità massime elevate sui rettilinei (Alexander Albon con la Toro Rosso STR14 ha toccato i 340,4 km/h in gara mentre era in scia).

George Russell sulla Mercedes W10 dotata dell'ala posteriore più scarica

George Russell sulla Mercedes W10 dotata dell'ala posteriore più scarica

Photo by: Jerry Andre / Sutton Images

George Russel nel secondo giorno di test a Sakhir, quando ha abbandonato la deludente Williams FW42 per salire sulla Mercedes W10, ha avuto l'opportunità di provare un'ala posteriore molto scarica che potrà essere utilizzata a Baku e in Canada.

Caratterizzata da un profilo principale quasi piatto, l'ala nuova è facilmente riconoscibile anche per la corda molto corta del flap mobile.

Mercedes W10, ala posteriore con la paratia dotata di tre slot vista nel GP del Bahrain

Mercedes W10, ala posteriore con la paratia dotata di tre slot vista nel GP del Bahrain

Photo by: Giorgio Piola

Per il GP del Bahrain la squadra di Brackley aveva portato un'ala dietro che era caratterizzata da una paratia laterale con tre paratie verticali e altrettanti soffiaggi anziché i due soliti nella sciancratura.

Prossimo Articolo
Williams: il bilancio 2018 è ancora buono, ma i conti non tornano più

Articolo precedente

Williams: il bilancio 2018 è ancora buono, ma i conti non tornano più

Prossimo Articolo

Ferrari: Vettel ha provato nei test l'ala a cucchiaio per le piste più veloci

Ferrari: Vettel ha provato nei test l'ala a cucchiaio per le piste più veloci
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie