Vettel: "La Mercedes si guida con una cloche d'aereo?"

Il quattro volte campione del mondo è salito sulla SF1000 nel pomeriggio, rilevando Leclerc: Sebastian ha trovato più carico aerodinamico, ma ha ammesso che ci sarà molto lavoro da fare. Il tedesco commenta la soluzione Mercedes: "Da guidare deve essere una sensazione innaturale. Ma deve essere la FIA a dire se è sicura".

Vettel: "La Mercedes si guida con una cloche d'aereo?"

Sebastian Vettel ha finalmente assaggiato la SF1000 in configurazione gara. Con una trentina di ore di ritardo rispetto al programma originale della Ferrari, il tedesco è sceso in pista oggi a Montmelò nella sessione pomeridiana, iniziando il lavoro di affiatamento con la vettura 2020.

A fine giornata ha incontrato i giornalisti, ma prima di rispondere sulle prime sensazioni avvertite al voltante della SF1000, a Seb è stato chiesto un parere sull’argomento del giorno, ovvero il sistema DAS della Mercedes che ha tenuto banco nel ‘day 2’ dei test di Montmelò.

“Ho visto le immagini oggi durante la pausa pranzo – ha spiegato Vettel – e siamo stati fortunati a vederle grazie agli on-board che ci sono in questi test. Chiariamo: se la Mercedes lo sta utilizzando vuol dire che è stato ritenuto legale. Da pilota posso immaginare che non sia così semplice da usare, perché il volante va adoperato in un modo nuovo, e credo che almeno inizialmente si possa avere la sensazione che si sfili, non credo che per il pilota sia meglio tenere le mani sul volante come sempre".

"La immagino come una sensazione innaturale, sembra quasi la cloche di un aereo invece che un volante di una macchina! Immaginate di uscire di casa per andare a correre e di colpo vi ritrovate con delle infradito ai piedi… è un po’ questa l’immagine che realizzo se penso a all’utilizzo di quel sistema. È comunque un’innovazione, e tutti gli avversari devono tenerla in considerazione. Ma credo anche che non basti per vincere le gare”.

In merito alla sicurezza Vettel ha tirato il freno: “Come ho detto mi sembra un dispositivo strano, ma se vai più veloce allora lo vuoi. Dieci o dodici anni fa avevamo il sistema F-Duct, e giravamo su tutte le piste tenendo il volante con una mano sola. Il pilota fa quello che serve per andare più veloce, sta alla FIA prendersi cura della sicurezza e fare in modo che i piloti guidino con le mani sul volante”.

Primo assaggio di SF1000

Vettel ha rimandato a domani i primi giudizi sulla SF1000. Troppo poco per ora il tempo passato al volante della vettura, ma qualche sensazione alla fine è emersa.
“Confermo il feeling di un maggiore carico aerodinamico rispetto alla vettura dello scorso anno – ha chiarito – dopo alcuni giri certe reazioni sono emerse abbastanza chiaramente in certi punti della pista, ma abbiamo ancora molto lavoro da fare. Ci attende un lavoro molto importante, ovvero capire come la monoposto reagisce ai cambiamenti di assetto, e piano piano familiarizzare con tanti aspetti”.

“Preferisco i weekend di gara ai test – ha concluso Vettel – ma devo anche dire che i test hanno dei lati molto importanti. Non ho niente contro Barcellona, ma dopo molti anni di prove su questa pista diciamo che non mi dispiacerebbe provare anche altri tracciati, ma a parte questo aspetto mi piace sviluppare la macchina e dialogare con gli ingegneri. Per ora abbiamo indicazioni importanti sull’affidabilità, ma ovviamente ci aspetta ancora molto lavoro per trovare le altre risposte”.

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
1/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
2/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
3/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari
Sebastien Vettel, Ferrari
4/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari
Sebastien Vettel, Ferrari
5/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
7/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
11/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
13/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari nel garage
Sebastien Vettel, Ferrari nel garage
14/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari SF1000: cosa c'è davvero oltre il muro?
Articolo precedente

Ferrari SF1000: cosa c'è davvero oltre il muro?

Prossimo Articolo

F1, Test Barcellona: Vettel nella line-up dell'ultimo giorno

F1, Test Barcellona: Vettel nella line-up dell'ultimo giorno
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021