Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
106 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
120 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
134 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
162 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
169 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
183 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
218 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
225 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
239 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
253 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull RB16: la sospensione multilink c'è ma è sotto!

condivisioni
commenti
Red Bull RB16: la sospensione multilink c'è ma è sotto!
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
19 feb 2020, 16:22

La monoposto di Adrian Newey è un laboratorio di idee nuove: la sospensione anteriore è estrema perché se in alto è tornato il triangolo inferiore, si è notata la comparsa del sistema multi link sotto.

Chi pensava che le monoposto 2020 sarebbero state solo delle evoluzioni di quelle dello scorso anno si è sbagliato proprio di grosso. La Red Bull si candida a sfidante della Mercedes con una RB16 che non ha più un bullone uguale alla vettura che ha concluso la stagione 2019 in grande crescita.

La sensazione è che il motore Honda sia pronto per dare la caccia gli altri Costruttori e allora tocca ad Adrian Newey mettere in pista una vettura che sia in grado di dare del filo da torcere alle frecce d'argento.

Con il progetto della hypercar Aston Martin che è stato messo in un cassetto, il geniale progettista inglese deve aver avuto il tempo per sfornare nuove idee che fanno della RB16 una macchina molto innovativa in ogni angolo la si guardi.

Red bull Racing RB16, dettaglio tecnico della sospensione entrobordo anteriore

Red bull Racing RB16, dettaglio tecnico della sospensione entrobordo anteriore

Photo by: Giorgio Piola

Prima vi abbiamo mostrato i cambimenti nel pozzetto del telaio, sopra, con i nuovi cinematismi della sospensione anteriore e la ridefinizione della scocca che nella zona frontale è stata stretta con soluzioni innovative utili a superare indenne il crash test del muso.

Adesso vi diamo la dimostrazione con una foto di Giorgio Piola che se la sospensione anteriore ripropone un triangolo superiore, quella inferiore adotta un multilink. Il concetto che sulla RB15 era adottato in alto, lo si ritrova in basso con due leve che sono infulcrate al porta mozzo in punti separati: ieri abbiamo pubblicato un'immagine con una freccia che era stata apposta male.

Il numero 1 ci mostra il braccio inferiore anteriore e il numero 2 il secondo elemento del multilink, mentre il numero 3 indica il braccio dello sterzo. E' evidente che il concetto non è cancellato da un freccia sbagliata (di cui ci scusiamo), ma Newey ha spinto sull'innovazione.

La scelta è giustificata dalla volontà di trovare angoli che favoriscano il miglior comportamento delle gomme anteriori, cercando di evitarne il surriscaldamento che si genera quando vanno fuori dalla finestra di funzionamento, ma trova anche valide ragioni aerodinamiche.

Red bull Racing RB16: la sospensione anteriore molto innovativa

Red bull Racing RB16: la sospensione anteriore molto innovativa

Photo by: Giorgio Piola

Siamo convinti che le sorprese della Red Bull non sono finite e continueremo a cercarvele per darvi il segno di quanto a Milton Keynes credano nella possibilità di sfidare le W11.

Prossimo Articolo
Raikkonen e i giovani piloti sono due mondi ormai lontani

Articolo precedente

Raikkonen e i giovani piloti sono due mondi ormai lontani

Prossimo Articolo

Test Barcellona, Day 1: Mercedes ruggisce. Ferrari si nasconde

Test Barcellona, Day 1: Mercedes ruggisce. Ferrari si nasconde
Carica commenti