Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
109 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
152 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
166 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
179 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Mercedes: ecco il volante mobile provato da Hamilton!

condivisioni
commenti
Mercedes: ecco il volante mobile provato da Hamilton!
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
20 feb 2020, 12:35

Nella seconda giornata di test a Barcellona la Mercedes ha introdotto sulla W11 una nuova modalità di guida: Hamilton disponeva di un volante che, attivato in frenata, si spostava di un centimentro verso il pilota per modificare la convergenza delle ruote anteriori. Il sistema DAS è perfettamente legale ma è sicuro?

Il sorriso sardonico di Toto Wolff a chi gli chiedeva lumi sullo sterzo regolabile della W11 la dice lunga sul clima che si respira nel team Mercedes. L’inedita soluzione che i tecnici di James Allison avrebbero tenuta volentieri nascosta si chiama DAS, è diventata il tema del giorno di discussione non solo nel paddock, ma nel mondo degli appassionati di F1, perché a mostrarla in diretta tv è stata la FOM che sta diffondendo le immagini dei test su Sky GB e Italia.

In uno dei ripetuti replay è stato possibile osservare che il volante sulla Mercedes di Lewis Hamilton in precisi momenti si ritraeva in frenata, mentre tornava in posizione neutra a specifico comando creando una nuova “modalità di guida” che sta facendo discutere il paddock.

Si tratta di un’opzione che l’esa-campione del mondo non attiva a ogni giro, ma che comunque apparentemente non sembra turbare affatto la guida del pilota britannico che si è subito adattato alle modalità di funzionamento.

Tanto per cominciare possiamo dire che si tratta di una trovata perfettamente regolare perché è comandata meccanicamente ed agisce sulla colonna dello sterzo e non sulle sospensioni, dal momento che il regolamento di F1 specifica nell’articolo 10.2.3 che ogni regolazione dei cinematismi deve avvenire a vettura ferma.

Le norme dicono anche che il servosterzo può essere utilizzato solo per ridurre lo sforzo del pilota e non può essere controllato né elettronicamente, né elettricamente. Fatte questi chiarimenti possiamo dire che in frenata il volante, debitamente attivato, si sposta di circa un centimetro verso il pilota quando questi schiaccia un pulsante con il pollice della mano destra.

Agendo sullo sterzo si aumenta l’angolo di convergenza sulle ruote anteriori e favorendo un migliore inserimento in curva. Sul display del volante-computer abbiamo visto apparire la scritta “marker” dopo l’attivazione, mentre il sistema è disinseribile agendo sullo stesso pulsante, per cui in rettilineo l’assetto della W11 torna a essere quello standard.

La rivoluzionaria soluzione ha la funzione di migliorare le prestazioni in curva e ridurre la resistenza sui rettilinei. La Mercedes ha confermato a Motorsport.com che il sistema viene valutato durante i test, ma non è detto che poi venga deliberato per i GP.

Sulla legalità tecnica pare non ci siano dubbi, mentre qualche perplessità viene in materia di sicurezza. Cosa succederebbe al piantone in caso di un violento crash frontale?

Prossimo Articolo
F1, Test 1 Barcellona, Day 2: domina la... copia della Mercedes

Articolo precedente

F1, Test 1 Barcellona, Day 2: domina la... copia della Mercedes

Prossimo Articolo

Allison: "Il Dual Axes Steering per la FIA è legale"

Allison: "Il Dual Axes Steering per la FIA è legale"
Carica commenti