Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
109 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
152 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
166 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
179 giorni

Magnussen: sulla Haas si è rotta la sospensione posteriore

condivisioni
commenti
Magnussen: sulla Haas si è rotta la sospensione posteriore
Di:
21 feb 2020, 16:07

Kevin Magnussen è uscito di pista alla curva 8 dopo appena quattro giri disputati nel pomeriggio nell'ultimo giorno di test a Barcellona. Il danese ha patito il cedimento di un braccio della sospensione posteriore destra. La squadra ha deciso di non tornare in pista per valutare le cause del crash.

La Haas non è più tornata in pista dopo l'incidente di Kevin Magnussen avvenuto alle 14,30. Il danese ha perso la VF-20 alla curva 8 ed è andato a sbattere in forma leggera contro il muretto con l'anteriore destra.

La direzione gara ha subito sospeso la sessione pomeridiana del terzo giorno di test a Barcellona con la bandiera rossa: il team americano aveva pubblicato un tweet nel quale dichiarava che il testacoda di Magnussen era stato causato dalla foratura della gomma posteriore destra.

In realtà l'immagine che pubblichiamo testimonia che a cedere è stata una leva della sospensione posteriore e il pneumatico si è stallonato solo di conseguenza. Al pilota danese è andata bene che la rottura sia avvenuta in una zona della pista nella quale la monoposto non era ad alta velocità.

 

Il pilota è uscito del tutto incolume dall'uscita di pista: la squadra diretta da Gunther Steiner ha deciso di non tornare in pista per valutare con attenzione quale sia stato il motivo della rottura. Per Magnussen non è stata una giornata di test soddisfacente visto che è riuscito a coprire solo quattro giri dopo aver rilevato la VF-20 dalle mani di Romain Grosjean che in mattinata aveva coperto 48 giri in 1'18"380 ottenuto con le gomme a mescola C3 (gialle).

Scorrimento
Lista

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa
1/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa
2/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa
3/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa
4/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa
5/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa

L'incidente di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20 che ha causato la bandiera rossa
6/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas F1

Kevin Magnussen, Haas F1
7/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas VF-20

Kevin Magnussen, Haas VF-20
8/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas VF-20

Kevin Magnussen, Haas VF-20
9/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas VF-20

Kevin Magnussen, Haas VF-20
10/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas VF-20

Kevin Magnussen, Haas VF-20
11/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas VF-20

Kevin Magnussen, Haas VF-20
12/12

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Prossimo Articolo
La FIA non mette in dubbio la sicurezza del DAS

Articolo precedente

La FIA non mette in dubbio la sicurezza del DAS

Prossimo Articolo

Test Barcellona, Day 3: Mercedes durissima, Ferrari fragile

Test Barcellona, Day 3: Mercedes durissima, Ferrari fragile
Carica commenti