Horner: "Newey? E' già impegnato sulla monoposto 2021"

Il team principal Red Bull scommette nel potenziale della RB16: "Non abbiamo mai cominciato meglio un test a Barcellona e anche i dati del motore Honda che abbiamo visto al banco sono confermati dalla pista". Il team è pronto a drenare risorse 2021 se in lotta per il titolo: "La coperta è corta, ma faremo delle scelte".

Horner: "Newey? E' già impegnato sulla monoposto 2021"

Sorride Christian Horner. I test di Barcellona in passato hanno riservato momenti durissimi al team principal della Red Bull, soprattutto all’alba dell’era ibrida. È passato del tempo, e oggi Horner può tornare a guardare al futuro (prossimo) considerando obiettivi mai più stati alla portata del team da quando sono stati accantonati i motori V8.

Il manager di Milton Keynes inizialmente aveva assolto la soluzione Mercedes, mentre poi ha rivisto il suo pensiero guardando la questione dal punto di vista della sicurezza, tanto che potrebbe essere spedita una richiesta di chiarimento regolamentare da indirizzare alla FIA.

“Ovviamente il punto di riferimento è la Mercedes – ha anticipato Horner – non potrebbe essere diversamente dopo la conquista di sei Mondiali consecutivi. La loro monoposto è sembrata subito molto competitiva, la Ferrari andrà valutata con calma, ma in generale non è ancora il momento di basarsi solo sui tempi”.

L’inizio sembra promettere bene…
“Penso che sia stato l’avvio di stagione migliore che abbiamo mai avuto qui a Barcellona. Ieri abbiamo percorso così tanta strada da esaurire quasi del tutto le energie di Max! Finora il programma di lavoro è stato completato con successo, poi vedremo i prossimi giorni”.

Quali sono le aree su cui avete lavorato di più sul progetto RB16?
“Ci sono state alcune aree della RB15 che volevamo rivedere, ed il lavoro è stato svolto in quella direzione. E penso che i risultati abbiano funzionato molto bene”.

La Mercedes conferma ottimi prestazioni nel terzo settore della pista, un tratto sempre molto significativo…
“Noi stiamo cercando di migliorare le prestazioni un po' ovunque. La Mercedes si era confermata veloce nei tratti a bassa velocità già lo scorso anno, ma è uno dei contesti su cui ci siamo concentrati, e penso che abbiamo fatto dei passi avanti. Ovviamente siamo solo all’inizio di un progetto che sarà sviluppato, probabilmente qualcosa sarà diversa già a Melbourne, ed ancora quando torneremo in Europa. Sarà una gara di sviluppo che terminerà ad Abu Dhabi”.

Si sta parlando delle similitudini tra Mercedes e i team clienti, così come della vostra partnership con Alpha Tauri. Come la vedi?
“Sono collaborazioni che hanno un senso. Non sarebbe semplice per squadre come AlphaTauri, Racing Point, Haas o Sauber dover rinunciare alla possibilità di acquistare cambi e sospensioni, vorrebbe dire per loro dover farsi carico di ingenti costi di ricerca e sviluppo. Magari alcune squadre sono andate oltre nella loro ‘clonazione’, ma fino a quando si resta nei margini concessi dal regolamento non vedo problemi. Per Liberty vuol dire avere una griglia di partenza più competitiva e allo stesso tempo più economica per tutta la Formula 1. Non vogliamo avere dieci monoposto tutte uguali, ovviamente, ma penso che ci siano elementi che possono essere condivisi, come ad esempio le sospensioni e le scatole del cambio”.

Come gestirete le risorse tra sviluppi della vettura 2020 e il progetto 2021?
“È un aspetto cruciale di questa stagione. Stiamo spingendo il più forte possibile sulla RB16, ma la RB17 è un'auto completamente diversa e grossa parte dell’attenzione di Adrian è già su quel progetto”.

I dati visti al banco dalla power unit Honda sono stati finora confermati in pista?
“Sì, la correlazione tra ciò che stiamo vedendo e il Dyno è perfetta, ed è un aspetto molto incoraggiante”.

Avete già programmato aggiornamenti che arriveranno a Melbourne?
“Credo che tutti i team porteranno in pista i loro pacchetti ‘Melbourne’ la prossima settimana. Abbiamo alcuni piccoli aggiornamenti per il weekend australiano, faremo un lavoro di sviluppo incrementale che comporterà piccole novità praticamente in ogni Gran Premio”.

Se vi ritroverete in lotta per il titolo, sacrificherete un po' delle energie dedicate al progetto 2021?
“Quest’anno la coperta sarà corta, in ogni caso. Abbiamo una quantità limitata di risorse ed è il modo in cui le usi che fa la differenza. Al momento penso che ci concentreremo abbastanza su entrambe i progetti, poi decideremo il da farsi dopo il primo terzo di stagione”.

Avete rinunciato al quarto motore nei vostri piani?
“Il programma ne prevede tre, se le gare diventano 21 diciamo che sarà un piccolo aiuto. Se dovessimo decidere per un quarto, diventa cruciale portarlo sulla pista giusta per minimizzarne l’impatto”.

Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing
Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing
1/1

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Red Bull: quanta massa radiante sopra al motore!
Articolo precedente

Red Bull: quanta massa radiante sopra al motore!

Prossimo Articolo

Gasly: "La AT01 come la Red Bull? Mai quanto la RP20 con Mercedes"

Gasly: "La AT01 come la Red Bull? Mai quanto la RP20 con Mercedes"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021