Ferrari SF1000: nel long run è stata più veloce di Red Bull

Agli avversari non è sfuggito che nel miglior stint di 16 giri con gomme C2 Sebastian Vettel sia stato più veloce della RB16 di Max Verstappen dando la sensazione che la Rossa possa essere migliore della Red Bull, mentre la Mercedes è parsa di un altro pianeta.

Ferrari SF1000: nel long run è stata più veloce di Red Bull

La vigilia della seconda sessione di prove programmate sul circuito di Montmelò (che scatterà mercoledì) è animata da un interrogativo che sovrasta tutti gli altri dubbi: quanto vale la Ferrari SF1000?

Un quesito opportuno, che si basa su una certezza: nei tre giorni di test disputati la scorsa settima, la Ferrari (per diversi motivi) non ha mostrato il suo potenziale.

Questo non significa che da mercoledì vedremo con certezza una rossa capace di infastidire la Mercedes, ma sapremo di più sul valore del progetto SF1000.

Mattia Binotto ha confermato che qualche preoccupazione nel box del Cavallino non manca, ma il team principal ha anche spiegato come il programma di lavoro svolto finora sia stato focalizzato su prove aerodinamiche e non sull’ottimizzazione del setup e la conseguente ricerca della performance.

Insomma, c’è da attendere ancora qualche giorno per poter avere elementi di valutazione più chiari, ma… c’è un dato che non è passato del tutto inosservato nel corso del primo test.

Venerdì pomeriggio Sebastian Vettel è sceso in pista nell’ultima ora di attività per una simulazione di gara con gomme C2. Il tedesco ha percorso sedici giri ad un ritmo molto costante, con un tempo complessivo di 21’56”511.

Curiosamente poche ore prima Verstappen aveva percorso un long-run identico (stesse gomme e stesso numero di giri) e il pilota della Red Bull ha concluso la sequenza con un tempo complessivo di otto secondi e mezzo più lento del ferrarista.

Ovviamente il tutto non è passato inosservato agli avversari, ma resta un dubbio: quanta benzina aveva a bordo Vettel? Nei test, si sa molto bene, la quantità di carburante imbarcata è il miglior modo per mascherare il proprio potenziale, 30 chilogrammi in più o meno alterano il tempo sul giro di oltre mezzo secondo.

Sempre sulla distanza di sedici giri, anche Albon (che nel pomeriggio di venerdì ha preso il posto di Verstappen) ha completato una simulazione di gara (ma con gomme C1) confermando un passo molto buono, leggermente più veloce di quello di Verstappen.

Ritmo stellare invece per le Mercedes, anche se è mancato il confronto a parità di mescola con i rivali diretti.

Tra i ‘run’ più impressionanti c’è quello percorso nel mattino di venerdì da Hamilton, che con gomma C3 ha confermato un ritmo velocissimo sulla distanza di dieci giri.

Il tutto, come detto, al netto dei carichi di benzina. Per fugare i dubbi i modo definitivo bisognerà attendere tre settimane, quando si spegnerà il semaforo sulla griglia di partenza di Melbourne.

Ecco il confronto dei migliori long run

Hamilton Vettel Verstappen Albon Albon
C3 C2 C2 C2 C1
1’19”831 1’21”780 1’22”664 1’23”178 1’22”420
1’19”835 1’21”844 1’22”533 1’23”223 1’22”357
1’19”715 1’22”094 1’22”541 1’23”369 1’22”310
1’20”448 1’22”025 1’22”590 1’23”278 1’22”844
1’20”277 1’22”051 1’23”037 1’23”581 1’22”179
1’20”625 1’22”108 1’22”800 1’23”573 1’22”889
1’20”609 1’22”243 1’22”791 1’23”364 1’22”635
1’20”729 1’22”360 1’22”501 1’23”238 1’22”762
1’20”580 1’22”776 1’23”088 1’23”698 1’22”780
1’21”686 1’22”501 1’22”875 12’30”502 1’22”809
13’24”335 1’22”625 1’22”707   1’22”460
  1’22”437 1’22”776   1’22”875
  1’22”533 1’23”223   1’22”848
  1’22”533 1’23”223   1’22”848
  1’22”317 1’23”049   1’22”973
  1’22”435 1’23”096   1’22”678
  1’22”382 1’22”871   1’22”752
  21’56”511 22’05”142   22’02”571

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
1/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
2/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
3/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
4/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
6/25

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari e Norbert Vettel

Sebastian Vettel, Ferrari e Norbert Vettel
7/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Power+

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Power+
8/25

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
9/25

Foto di: Giorgio Piola

Dettagli livrea Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Dettagli livrea Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
10/25

Foto di: Mercedes AMG

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
11/25

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
12/25

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
13/25

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
14/25

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
15/25

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
16/25

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
17/25

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
18/25

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
19/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
20/25

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Alexander Albon, Red Bull Racing

Alexander Albon, Red Bull Racing
21/25

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing

Alex Albon, Red Bull Racing
22/25

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing

Alex Albon, Red Bull Racing
23/25

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing

Alex Albon, Red Bull Racing
24/25

Foto di: Franco Nugnes

George Russell, Williams Racing, Alexander Albon, Red Bull Racing e Lando Norris, McLaren alla conferenza stampa

George Russell, Williams Racing, Alexander Albon, Red Bull Racing e Lando Norris, McLaren alla conferenza stampa
25/25

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari: perché il muso largo non è segno di arretratezza?

Articolo precedente

Ferrari: perché il muso largo non è segno di arretratezza?

Prossimo Articolo

Video: i concetti della Mercedes W11 spiegati da James Allison

Video: i concetti della Mercedes W11 spiegati da James Allison
Carica commenti
Piola: "Alpine, nuova ala anteriore sulla A521" Prime

Piola: "Alpine, nuova ala anteriore sulla A521"

La Formula 1 torna in pista e lo fa ad Imola. Andiamo ad analizzare le prime novità tecniche con il nostro inviato Giorgio Piola e il direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes.

Larini: “Schumacher non mi ha voluto come compagno in Ferrari" Prime

Larini: “Schumacher non mi ha voluto come compagno in Ferrari"

Continua la nostra serie di interviste esclusive ai protagonisti del mondo delle competizioni a due e quattro ruote. In questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Nicola Larini - ex pilota di Formula 1 e pilota Ferrari - racconta la propria esperienza in occasione del GP di San Marino del 1994 - gara che lo ha visto protagonista - situazione alla quale aggiunge anche rivelazioni mai dette circa la possibilità di essere titolare per la Scuderia di Maranello nel 1996, situazione alla quale Michael Schumacher mise il veto

Mercedes: nuova divisione dei compiti a livello tecnico Prime

Mercedes: nuova divisione dei compiti a livello tecnico

La squadra di Brackley la scorsa settimana ha ufficializzato che James Allison farà un passo indietro e dal 1 luglio cambierà ruolo per lasciare la figura di direttore tecnico a Mike Elliott. Andiamo a scoprire cosa c'è dietro a questa decisione e quali implicazioni avrà nel breve e nel futuro.

Formula 1
14 apr 2021
Ceccarelli: “Capelli all’inizio sbagliava alimentazione” Prime

Ceccarelli: “Capelli all’inizio sbagliava alimentazione”

Terza puntata della rubrica Doctor F1 in compagnia di Franco Nugnes e del dottor Riccardo Ceccarelli, medico con esperienza ultratrentennale in Formula 1. In questa puntata, andiamo a toccare il delicato tema dell'alimentazione di un pilota

Formula 1
14 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top

Dodicesima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Fernando Alonso. Ecco a voi la seconda di 3 puntate sull'asturiano. Buon ascolto!

Formula 1
12 apr 2021
F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola Prime

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola

Anche nel 2021, Imola è inclusa nelle tappe di un Mondiale di Formula 1. Un tracciato ricco di storia. Una storia, che merita di essere raccontata e ricordata...

Formula 1
12 apr 2021
Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

Formula 1
11 apr 2021