Test F1 Barcellona, Giorno 1: Vettel e la Ferrari al top, ma le Mercedes si nascondono

Il tedesco completa praticamente due GP e mezzo senza intoppi con la SF90 ed è anche molto veloce con le gomme C3 (banda gialla). Solo Sainz si avvicina, ma con le C4 (rossa). Le Mercedes sono indietro, ma lavorano su long run con le C2 (bianca).

Test F1 Barcellona, Giorno 1: Vettel e la Ferrari al top, ma le Mercedes si nascondono

E' stata a forti tinte rosse la giornata di apertura dei test collettivi di Formula 1 a Barcellona, con Sebastian Vettel che ha comandato le danze praticamente per tutte le otto ore a disposizione e lo ha fatto sia sul fronte cronometrico che su quello del chilometraggio.

Il pilota tedesco guarda tutti dall'alto a fine giornata, grazie al crono di 1'18"161 che ha realizzato nella parte conclusiva della mattinata, quando ha montato le gomme a mescola C3 (quelle a banda gialla) sulla sua SF90. Anche nel pomeriggio però si è dato parecchio da fare e alla fine ha totalizzato la bellezza di 169 passaggi del tracciato catalano. Tantissimi se si considera che la gara su questa pista ne dura 66.

Chi si aspettava un duello tra Ferrari e Mercedes fin da subito, però, sarà rimasto un po' deluso. La squadra di Brackley ha badato al sodo e si è concentrata sul lavoro che aveva programmato con le gomme C2 (quelle a banda bianca), senza andare a caccia della prestazione, ma completando dei run piuttosto lunghi. Non bisogna stupirsi quindi se a fine giornata Valtteri Bottas e Lewis Hamilton si ritrovano in ottava e nona posizione, staccate di un paio di secondi dal ferrarista. Anche le W10 però hanno completato ben 150 giri tra il lavoro mattutino del finlandese e quello pomeridiano del campione del mondo.

Nelle prime posizioni, dunque, troviamo delle squadre che probabilmente non ci si sarebbe aspettati di vedere. Il secondo tempo lo ha infatti staccato Carlos Sainz, che con la sua McLaren nel finale ha girato in 1'18"558, ma montando le gomme C4 (banda rossa). Nella prima fase del pomeriggio lo spagnolo aveva provocato anche una bandiera rossa, accusando una calo di potenza dopo una prova di partenza. La cosa però non ha pesato particolarmente sulla sua giornata, che si è conclusa con 119 giri all'attivo.

Qualche problemino in più lo ha avuto la Haas, che ha perso buona parte della mattinata a causa di una difficoltà legata alla pressione del carburante, che aveva lasciato Romain Grosjean fermo lungo il tracciato. Il francese però si è rifatto nel pomeriggio, perché con le gomme C3 è risalito fino alla terza posizione in 1'19"159, nonostante abbia completato solamente 65 giri.

Leggi anche:

Molto positiva invece da questo punto di vista la prima giornata di lavoro della Red Bull con la power unit Honda. Max Verstappen è riuscito a mettere insieme ben 128 giri senza problemi particolarmente evidenti ed ha chiuso in quarta posizione con un 1'19"426 con gomme a mescola C3. L'olandese ha anche provato più volte a ritoccare la sua prestazione, ma senza riuscirci. E sul fronte Honda sono tutto sommato positive anche le indicazioni della Toro Rosso, con Daniil Kvyat che si è piazzato sesto in 1'19"464, quindi pochi millesimi più indietro, anche se sfruttando le gomme C4. 77 anche i suoi giri.

Tra di loro si è infilata l'Alfa Romeo di Kimi Raikkonen. Per buona parte della giornata "Iceman" è stato in seconda posizione, ma poi è via via arretrato fino alla quinta posizione, non riuscendo a migliorare il suo 1'19"462. L'ex pilota della Ferrari è stato anche protagonista di due delle quattro bandiere rosse esposte oggi, la prima e l'ultima. Stamattina è finito in testacoda e poi in sabbia alla curva 5 dopo appena pochi passaggi. Poi è rimasto fermo a pochi secondi dalla bandiera a scacchi, probabilmente portando a termine una prova di pescaggio.

Particolare anche la giornata della Racing Point, che è parsa veloce fin da subito con Sergio Perez, anche se il messicano è stato costretto a rimanere a guardare praticamente per tutto il pomeriggio. Alla fine sono state appena 30 le sue tornate, con un best di 1'19"944 ottenuto con le gomme a mescola C3.

Concludiamo il quadro con le Renault, che concludono la classifica in decima ed in 11esima posizione. Nico Hulkenberg e Daniel Ricciardo si sono alternati alla guida, portando avanti un lavoro che è parso simile a quello della Mercedes: i due hanno fatto dei run piuttosto lunghi, utilizzando praticamente sempre le gomme a mescola C2. Anche qui però non si può nascondere un pizzico di delusione, perché una zampata se l'aspettavano un po' tutti dall'australiano nella prima uscita con la squadra di Enstone.

Pos Pilota Team Tempo Gap Giri
1 Sebastian Vettel Ferrari 1'18"161   169
2 Carlos Sainz McLaren 1'18"558 +0.397 119
3 Romain Grosjean Haas 1'19"159 +0.998 65
4 Max Verstappen Red Bull 1'19"426 +1.265 124
5 Kimi Raikkonen Alfa Romeo 1'19"462 +1.301 114
6 Daniil Kvyat Toro Rosso 1'19"635 +1.474 77
7 Sergio Perez Racing Point 1'19"944 +1.783 30
8 Valtteri Bottas Mercedes 1'20"127 +1.966 69
9 Lewis Hamilton Mercedes 1'20"135 +1.974 81
10 Nico Hulkenberg Renault 1'20"980 +2.819 64
11 Daniel Ricciardo Renault 1'20"983 +2.822 44
condivisioni
commenti
Wolff allarmato dalla Brexit: "Per i team con sede inglese è la madre di tutti i casini!"

Articolo precedente

Wolff allarmato dalla Brexit: "Per i team con sede inglese è la madre di tutti i casini!"

Prossimo Articolo

Vettel promuove la Ferrari: "Il debutto della SF90 è vicino alla perfezione"

Vettel promuove la Ferrari: "Il debutto della SF90 è vicino alla perfezione"
Carica commenti
Ecco come la pandemia tormenta ancora la Formula 1 Prime

Ecco come la pandemia tormenta ancora la Formula 1

L'incertezza che ancora regna sul calendario di F1 non è un problema soltanto per team, piloti, addetti ai lavori e fan. Mark Gallagher spiega le difficoltà finanziarie che stanno attraversando anche i promoter del gran premi.

Formula 1
3 ott 2021
Perez: l'anno della verità in Red Bull sarà il 2022 Prime

Perez: l'anno della verità in Red Bull sarà il 2022

Il messicano ha sofferto particolarmente in questi ultimi appuntamenti, complici episodi sfortunati ed una vettura creata sulle esigenze di Verstappen. Il 2022, con auto ad effetto suolo, potrà essere l'occasione del riscatto.

Formula 1
2 ott 2021
Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo Prime

Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo

Le power unit V6 da 1.6 litri di cubatura hanno fatto il loro esordio nel 2014, in Formula 1. A fronte dell'imminente - ed immane - cambio regolamentare previsto per il 2022, cerchiamo di spiegare perché abbia senso continuare ancora con questo tipo di unità propulsive

Formula 1
2 ott 2021
Lotus: le alterne fortune tra gli anni 90 e i 2000 Prime

Lotus: le alterne fortune tra gli anni 90 e i 2000

Nei primi anni 90 la Lotus è stata una lontana parente del team vincente del passato ed i numerosi tentativi di riportare in auge il marchio negli anni seguenti si sono sempre rivelati un buco nell'acqua.

Formula 1
1 ott 2021
Tsunoda: "Consigli al giovane Yuki? Di essere più concentrato" Prime

Tsunoda: "Consigli al giovane Yuki? Di essere più concentrato"

Abbiamo intervistato Yuki Tsunoda, pilota AlphaTauri. La stagione d'esordio in Formula 1, per il giapponese, è iniziata sugli scudi dopo una prestazione importante in quel del Bahrain, per poi andar via via in calando. Ecco cosa ci ha rivelato direttamente Yuki e, soprattutto, quali consigli darebbe a sé stesso più giovane per avere un approccio migliore al mondo delle corse.

Formula 1
1 ott 2021
GP Russia: la centesima vittoria di Hamilton in questa photostory Prime

GP Russia: la centesima vittoria di Hamilton in questa photostory

Lewis Hamilton ha conquistato la centesima vittoria in carriera in un Gran Premio di Russia che definire "emozionante" è riduttivo. Andiamo a ripercorrere i momenti salienti del fine settimana

Formula 1
30 set 2021
Mercedes: ecco perché la partita mondiale si gioca sul motore Prime

Mercedes: ecco perché la partita mondiale si gioca sul motore

La squadra campione ha sbagliato i tempi per fermare troppo presto lo sviluppo della W12 e per dedicare a tempo pieno staff tecnico e risorse alla monoposto 2022, mentre in Rud Bull hanno continuato a progredire con la RB16B. Per contrastare l'ascesa di Verstappen, la Stella ha dovuto cominciare a spremere la power unit, mettendo a rischio la proverbiale affidabilità in una sfida che non è solo fra i due campioni, ma anche tecnica.

Formula 1
29 set 2021
Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza? Prime

Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza?

Lando Norris è protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. L'inglese è il vero sconfitto del Gran Premio di Russia di Formula 1: dopo aver condotto buona parte della gara, il pilota McLaren sbaglia a proseguire con gomma slick mentre la pista andava asciugandosi. La troppa voglia di fare bene, spesso, è cattiva consigliera

Formula 1
28 set 2021