F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Alfa Romeo: due piloni grandi per creare dei soffiaggi

Con l'adozione della nuova ala posteriore a cucchiaio la squadra di Hinwil ha usato anche due inediti sostegni che sono raddoppiati in altezza nel tentativo di sfruttare l'attuatore dell'ala mobile come un separatore di flusso.

Alfa Romeo: due piloni grandi per creare dei soffiaggi

L’Alfa Romeo non ha entusiasmato nei test invernali di Barcellona. La C39 guidata da Kimi Raikkonen, Antonio Giovinazzi e Robert Kubica ha avuto un grande inizio con il tester polacco davanti a tutti nel primo giorno, ma poi le cose sono cambiate e la monoposto di Hinwil è via via scivolata più indietro.

Eppure l’Alfa Romeo ha portato alcune soluzioni interessanti che rappresentano il primo sviluppo della C39 dopo la presentazione ufficiale. Non sono sfuggiti, per esempio, i piloni che reggono l’ala posteriore.

Con l’ala più carica, dotata del profilo principale piatto, i due supporti con la forma del collo di cigno erano piccoli, in linea con il disegno di quelli Ferrari che hanno ispirato una scelta condivisa quasi da tutti i team (ad eccezione di Renaut e AlphaTauri).

Alfa Romeo C39: i piloni di sostegno dell'ala posteriore a confronto. A sinistra quelli nuovi più grandi.

Alfa Romeo C39: i piloni di sostegno dell'ala posteriore a confronto. A sinistra quelli nuovi più grandi.

Photo by: Giorgio Piola

Nella seconda sessione di test spagnoli sono comparse nuove ali anteriore e posteriore. Nel retrotreno l’adozione del profilo principale a cucchiaio ha richiesto dei piloni dell’ala più grandi: i tecnici di Hinwil, però, hanno ecceduto mostrando due colli di cigno che in altezza sono arrivati quasi all’attuatore dell’ala mobile.

La sensazione è che gli svizzeri abbiano pensato all’idea di sfruttare proprio l’attuatore al centro dell’ala come elemento non solo di supporto al comando del DRS, ma anche come elemento aerodinamico.

Nel disegno di Giorgio Piola, sotto, si possono osservare le grandi differenze: non è da escludere che gli aerodinamici di Hnwil abbiano cercato di convogliare l’aria verso la parte centrale del flap mobile cercando un soffiaggio.

condivisioni
commenti
Ferrari: l’accordo FIA sui motori? Una vittoria di Binotto
Articolo precedente

Ferrari: l’accordo FIA sui motori? Una vittoria di Binotto

Prossimo Articolo

Russell fa pretattica: "La FW43 è ancora la macchina più lenta"

Russell fa pretattica: "La FW43 è ancora la macchina più lenta"
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021