Test F1 Abu Dhabi: Vandoorne beffa Alonso a fine mattinata

La riserva della Mercedes si è portata al comando nel finale, staccando di quasi tre decimi lo spagnolo della Renault. Bene anche de Vries e Vips, terzo e quarto. Shwartzman invece è ottavo con la Ferrari, Mick Schumacher 14esimo con la Haas. Tsunoda "bacia" le barriere ed è nono con l'AlphaTauri.

Test F1 Abu Dhabi: Vandoorne beffa Alonso a fine mattinata

La Mercedes sembra non voler lasciare neppure le briciole alla concorrenza. Sebbene oggi in pista ci siano la riserva Stoffel Vandoorne e l'esordiente assoluto in Formula 1, Nyck de Vries, le due Frecce Nere hanno chiuso al primo ed al terzo posto la sessione mattutina dei test di Abu Dhabi.

Il pilota olandese ha complatato 64 tornate al volante della W11, con un best di 1'37"206, tempo più alto di circa 2" rispetto alla pole di sabato di Max Verstappen, che gli ha permesso di scavalcare di poco meno di tre decimi l'uomo più atteso della giornata, ovvero Fernando Alonso, che con la sua Renault è l'unico altro pilota ad essere sceso sotto all'1'38" con un 1'37"496 realizzato nel migliore dei suoi 54 giri.

De Vries invece è più staccato, essendosi fermato a 1'38"303. E nella sua scia c'è un ragazzo che sicuramente promette bene, ovvero Juri Vips, bravo a portare la Red Bull in quarta posizione in 1'38"401. Una prestazione oltre quattro decimi migliore rispetto a quella del più esperto Sebastien Buemi, sesto, che è anche finito a muro in mattinata.

Così come contro le barriere, ma senza fare particolari danni, ci è finito anche il cinese Guan Yu Zhou, quinto con l'altra Renault in 1'38"586. E a "baciarle" c'è andato anche un altro dei piloti più attesi, ovvero Yuki Tsunoda, al momento nono con l'AlphaTauri, che nei prossimi giorni dovrebbe annunciarlo come titolare per il 2021. Entrambi comunque hanno ripreso senza problemi.

Davanti al giapponese ci sono poi un veterano come Robert Kubica, settimo con l'Alfa Romeo, e Robert Shwartzman, che oggi sta vivendo la sua prima giornata al volante della Ferrari SF1000. Il pilota russo al momento è distante di oltre due secondi dal miglior tempo di Vandoorne. Per lui fin qui ci sono stati 57 giri.

Decimo tempo per l'altra Ferrari, quella dell'uomo del simulatore Antonio Fuoco, che ha preceduto di poco Callum Ilott, vice campione di Formula 2 che oggi è al volante dell'Alfa Romeo. Piuttosto attardato invece Mick Schumacher: il futuro pilota della Haas è solo 14esimo, con un ritardo di quasi 3".

Il tedesco sta confermando anche oggi il suo approccio "diesel" e per il momento si trova alle spalle anche di Marino Sato, convocato a sorpresa dall'AlphaTauri, e della Williams di Jack Aitken, con alle sue spalle solamente l'altra FW43 del development driver Roy Nissany.

La tabella dei tempi a fine mattinata

POS. Pilota Vettura Tempo Giri
1. Stoffel Vandoorne Mercedes W11 1'37"206 64
2. Fernando Alonso Renault R.S.20 1'37"496 54
3. Nick De Vries Mercedes W11 1'38"303 58
4. Juri Vips Red Bull RB16 1'38"401 50
5. Guanyu Zhou Renault R.S.20 1'38"586 40
6. Sebastien Buemi Red Bull RB16 1'39"077 29
7. Robert Kubica Alfa Romeo C39 1'39"236 34
8. Robert Shwartzman Ferrari SF1000 1'39"271 57
9. Yuki Tsunoda AlphaTauri AT01 1'39"328 60
10. Antonio Fuoco Ferrari SF1000 1'39"508 56
11. Callum Ilott Alfa Romeo C39 1'39"696 42
12. Marino Sato AlphaTauri AT01 1'39"970 65
13. Jack Aitken Williams FW43 1'39"971 45
14. Mick Schumacher Haas VF-20 1'40"106 53
15. Roy Nissany Williams FW43 1'40"400 39
condivisioni
commenti
Fisichella: "Nel 2009 scelsi con il cuore andando in Ferrari"

Articolo precedente

Fisichella: "Nel 2009 scelsi con il cuore andando in Ferrari"

Prossimo Articolo

"Cavallino senza fili", il libro su Vettel di Alberto Antonini

"Cavallino senza fili", il libro su Vettel di Alberto Antonini
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021