Test Barcellona, Giorno 1: Bottas ad un decimo dalla pole, Leclerc insegue a 1"4

condivisioni
commenti
Test Barcellona, Giorno 1: Bottas ad un decimo dalla pole, Leclerc insegue a 1"4
Di:
14 mag 2019, 16:31

Il pilota della Mercedes ha sparato un gran tempo anche oggi, ma lo ha fatto con le gomme C5. Il monegasco della Ferrari invece ha ottenuto la sua miglior prestazione con le C2. Problemi per la Red Bull e attimi di paura per l'incidente di Ilott nel pomeriggio.

La prima giornata dei test collettivi di Formula 1 a Barcellona ha sostanzialmente confermato i valori visti nel weekend del GP di Spagna, con la Mercedes a fare l'andatura e tutti gli altri ad inseguire le Frecce d'Argento.

Valtteri Bottas è arrivato vicinissimo a ritoccare il record della pista che aveva fatto segnare nelle qualifiche di sabato, scendendo ancora una volta sotto al muro dell'1'16" con un crono di 1'15"511. Se tre giorni fa lo aveva ottenuto con gomme C3, questa volta invece è arrivato con le C5, le più morbide dell'intera gamma della Pirelli.

Il finlandese comunque è stato saldamente al comando praticamente per tutta la giornata e il suo lavoro è sembrato particolarmente produttivo, visto che ha messo insieme la bellezza di 131 giri.

Uno in meno rispetto a Charles Leclerc, che lo ha seguito con la Ferrari, ma distanziato di oltre 1"4. Gli uomini del Cavallino hanno cercato di capire quali siano stati i problemi che hanno tormentato la SF90 nel corso del weekend catalano e alla fine l'1'16"933 del monegasco è arrivato con gomme a mescola C2, quindi non è un riferimento da buttare viste le tre mescole di differenza con la Mercedes.

Interessante la zampata che nel finale ha portato in terza posizione Daniil Kvyat con la Toro Rosso motorizzata Honda. Il pilota russo ha girato in 1'17"679, riuscendo a balzare davanti alla Renault di Nico Hulkenberg, che nel pomeriggio è sceso fino a 1'18"051 con gomme a mescola C3.

Leggi anche:

La sessione pomeridiana si è conclusa con poco più di un'ora d'anticipo per Pierre Gasly, che ha parcheggiato la sua Red Bull all'uscita dell'ultima curva, dopo che alla chicane ha accusato quello che è sembrato essere un problema di trasmissione.

Nonostante questo contrattempo, il pilota francese ha completato la bellezza di 115 giri, realizzando il suo miglior crono con gomme C3, che gli è valso la quinta posizione, anche se con un ritardo di oltre 2"5 nei confronti del miglior tempo di Bottas.

A seguire c'è la McLaren di Carlos Sainz, con lo spagnolo che non è riuscito a ritoccare l'1'18"263 che aveva firmato con gomme a mescola C2, anche perché nel pomeriggio ha ceduto il volante a Lando Norris, che invece si è dovuto accontentare del decimo posto con un 1'18"567 realizzato con gomme C3 nel migliore dei suoi 44 giri.

Nei minuti conclusivi hanno dato una bella scalata alla classifica il collaudatore della Haas, Pietro Fittipaldi, e l'uomo del simulatore della Racing Point, Nick Yelloly, che hanno chiuso separati tra loro da appena 35 millesimi in settima ed ottava posizione, con il brasiliano a 63 da Sainz.

In questo modo hanno fatto scivolare al nono posto Sebastian Vettel, che oggi era al volante della seconda SF90, quella che la squadra di Maranello aveva destinato allo sviluppo degli pneumatici Pirelli. Per lui si è trattato quindi di un "blind test", nel quale anche lui non sapeva che mescole stava utilizzando. Stesso lavoro che ha dovuto fare Sergio Perez, 11esimo con la seconda Racing Point.

Nel pomeriggio ci sono stati anche attimi di apprensione quando Callum Ilott è finito a muro ad alta velocità alla curva 3. Il giovane dell'Alfa Romeo, che era al debutto in Formula 1, si è preso un grande spavento, ma fortunatamente non si è fatto male. Cosa che non si può dire per la sua monoposto, andata letteralmente distrutta, obbligando la squadra di Hinwil a chiudere anzitempo la giornata.

A chiudere il gruppo c'è la "Cenerentola" Williams, con Nicholas Latifi che è sceso in pista per prepararsi in vista dell'impegno nella FP1 del GP del Canada. Il canadese però ha chiuso staccato di ben 5"5.

Pos. Pilota Vettura Tempo Giri Mescola
1 Valtteri Bottas Mercedes W10 1'15"511 131 C5
2 Charles Leclerc Ferrari SF90 1'16"933 132 C2
3 Daniil Kvyat Toro Rosso STR14-Honda 1'17"679 121 C4
4 Nico Hulkenberg Renault R.S.19 1'18"051 68 C3
5 Pierre Gasly Reb Bull RB15-Honda 1'18"140 118 C3
6 Carlos Sainz McLaren MCL 34-Renault 1'18"263 64 C2
7 Pietro Fittipaldi Haas VF-19-Ferrari 1’18″326 103 Proto
8 Nick Yelloly Racing Point RP19-Mercedes 1'18"361 111 C5
9 Sebastian Vettel Ferrari SF90 1'18"425 133 C3
10 Lando Norris McLaren MCL 34-Renault 1'18"567 44 C3
11 Sergio Perez Racing Point RP19-Mercedes 1'19"719 118 Proto
12 Callum Ilott Alfa Romeo C38-Ferrari 1'19"819 41 C2
13 Nicholas Latifi Williams FW42-Mercedes 1'20"670 133 C2
Prossimo Articolo
Test Barcellona, Giorno 1: a due ore dalla fine comanda Bottas, Hulkenberg sale terzo

Articolo precedente

Test Barcellona, Giorno 1: a due ore dalla fine comanda Bottas, Hulkenberg sale terzo

Prossimo Articolo

GP di Monaco: Ferrari e Red Bull all'attacco con un solo set di gomme medie e dure

GP di Monaco: Ferrari e Red Bull all'attacco con un solo set di gomme medie e dure
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie