Test Barcellona, Day 2: Alfa dalle stalle alle stelle con Kimi

Raikkonen sfrutta un set di C5 e firma il miglior tempo, poi fa una prova di pescaggio. Racing Point ancora in spolvero con Perez. Altra giornata interlocutoria per la Ferrari.

Test Barcellona, Day 2: Alfa dalle stalle alle stelle con Kimi

Passare dall'ultima posizione alla prima, nei test di Formula 1, ci vuole davvero un attimo. O meglio, magari un set di gomme della mescola giusta e un programma che non prevede alti carichi di benzina e long run. E' il caso dell'Alfa Romeo Racing, che oggi grazie a Kimi Raikkonen ha ottenuto la miglior prestazione nel secondo giorno dei Test 1 di Barcellona.

Il finlandese, nel corso del pomeriggio, ha montato gomme C5 - le più soffici dell'intera gamma 2020 della Pirelli, ricordiamo che sono uguali alle 2019 - e ha ottenuto la miglior prestazione in 1'17"091 battendo Sergio Perez per 256 millesimi di secondo. La C39 numero 7 è anche stata protagonista della prima bandiera rossa di questi Test 1 2020. Il team Alfa Romeo ha deciso di fare una prova di pescaggio a pochi minuti dal termine della giornata, così Kimi è rimasto fermo tra Curva 8 e Curva 9. Se la prima posizione di Raikkonen è una sorpresa e, quasi certamente, un episodio, la seconda posizione della Racing Point sembra poter essere una conferma.

Il team di Silverstone sta mostrando di avere una monoposto, la RP20 - i maligni la chiamano W10... - che nelle mani del messicano vola. Perez ha ottenuto la sua miglior prestazione con gomme C3, quelle contrassegnate dalla banda gialla sulle spalle - mostrando una forma già invidiabile. La giornata di ieri poteva sembrare un caso, ma oggi, due indizi iniziano a fare una prova consistente...

Daniel Ricciardo ha potuto guidare la Renault R.S.20 nella sessione mattutina e, grazie a un set di C3, ha ottenuto il terzo tempo. La buona notizia è che la monoposto nata a Enstone sembra un deciso passo avanti rispetto alla macchina dello scorso anno, ma è anche vero che i decimi che hanno separato il 30enne da Perez sono 4.

Le prestazioni di Red Bull e AlphaTauri devono essere interpretate, perché il potenziale delle due monoposto sembra più alto di quello che hanno mostrato oggi. Sia Alexander Albon che Pierre Gasly hanno ottenuto i rispettivi migliori tempi con gomme C2 (le dure, per intenderci), eppure le due monoposto sono apparse entrambe già solide e competitive. Gasly è stato anche il secondo più attivo in pista, con 147 giri fatti, battuto dal solo Romain Grosjean con 158.

Leggi anche:

Per quanto riguarda la Ferrari altra giornata interlocutoria. Sebastian Vettel ha ottenuto la sesta posizione battendo il tempo fatto registrare da Charles Leclerc (ottavo dietro alla Williams di George Russell) in mattinata, ma è una soddisfazione effimera. Guardando il comportamento della SF1000 in pista, sembra che la Rossa sia afflitta da un sottosterzo piuttosto accentuato. Questo non permetterebbe a Leclerc e Vettel di spingere come vorrebbero e i risultati cronometrici lo testimoniano. Da segnalare inoltre che Vettel ha ottenuto il suo miglior tempo con gomme C4, mentre Leclerc con le C3, dunque meno prestazionali. La SF1000 ha compiuto oggi "solo" 122 giri, contro i 183 della Mercedes W11.

Proprio il team delle Frecce d'Argento è stato l'osservato speciale per l'introduzione del DAS, il dispositivo denominato Dual Axes Steering. Questo ha messo in secondo piano le prestazioni cronometriche di Hamilton e Bottas, rispettivamente nono e 13esimo (ultimo) a fine giornata. Il dispositivo, che permette ai piloti Mercedes di modificare la convergenza delle ruote anteriori spostando il volante verso di sé e vice versa. Entrambi i piloti hanno fatto comparazioni con il nuovo sistema, e Bottas è il pilota ad essere parso più in difficoltà nell'utilizzo della nuova soluzione.

Giornata dedicata ai long run per la McLaren e Lando Norris. Il britannico ha inanellato 137 giri lavorando molto con gomme C2. Molto male anche la Haas, che con Romain Grosjean è stata autrice del terzultimo tempo usando mescole C3. La VF-20 è parsa solida, compiendo 158 giri, ma senza mai dare la sensazione di avere potenziale nelle prestazioni. Il francese è anche stato autore di un'uscita di pista dopo aver perso il retrotreno della sua monoposto. Fortunatamente per lui non è finito contro le barriere e ha potuto proseguire i test.

Penultima posizione per Esteban Ocon, il quale ha ancora bisogno di ritrovare gli automatismi dopo aver passato il 2019 all'interno del box Mercedes da terzo pilota. Chiude come detto la classifica Valtteri Bottas, fermato nell'ultima ora da un problema di natura elettrica alla power unit della W11.

Pos. Pilota Vettura Team Gomme
1 Raikkonen Alfa Romeo C5 1m17.091s
2 Perez Racing Point C3 1m17.347s
3 Ricciardo Renault C3 1m17.749s
4 Albon Red Bull C2 1m17.912s
5 Gasly AlphaTauri C2 1m18.121s
6 Vettel Ferrari C4 1m18.154s
7 Russell Williams C3 1m18.266s
8 Leclerc Ferrari C3 1m18.335s
9 Hamilton Mercedes C1 1m18.387s
10 Norris McLaren C2 1m18.474s
11 Grosjean Haas C3 1m18.496s
12 Ocon Renault C2 1m18.557s
13 Bottas Mercedes C2 1m19.307s
condivisioni
commenti
Mercedes DAS: soluzione ideale nel giro di lancio
Articolo precedente

Mercedes DAS: soluzione ideale nel giro di lancio

Prossimo Articolo

Red Bull: quanta massa radiante sopra al motore!

Red Bull: quanta massa radiante sopra al motore!
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021