Test Abu Dhabi: sarà scambio Leclerc-Raikkonen, Red Bull vieta Ricciardo alla Renault

condivisioni
commenti
Test Abu Dhabi: sarà scambio Leclerc-Raikkonen, Red Bull vieta Ricciardo alla Renault
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
09 nov 2018, 08:10

Nei test che seguiranno l'ultimo GP ad Abu Dhabi si assisterà al ritorno di Daniil Kvyat sulla Toro Rosso e il debutto di Lance Stroll sulla Force India, mentre Pierre Gasly prenderà confidenza con la Red Bull che invece nega a Ricciardo e Sainz di raggiungere le loro nuove squadre.

Kimi Raikkonen, Ferrari
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso
Lance Stroll, Williams Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing

Si avvicina il weekend di Abu Dhabi, l’ultima tappa stagionale, e con essa anche i test in programma martedì e mercoledì dopo la gara per la delibera delle gomme Pirelli 2019.

Sotto molti aspetti le prove saranno un antipasto della prossima stagione, ed infatti vedremo in pista alcuni abbinamenti squadra/pilota del prossimo mondiale. È già previsto l’esordio di Lance Stroll sulla Force India, mentre Franz Tost ha confermato il ritorno di Daniil Kvyat sulla Toro Rosso.

“Anche se la monoposto 2019 sarà ovviamente diversa – ha spiegato il team principal della squadra italiana – i test saranno un’opportunità importante per permettere a Daniil di tornare in pista. Sarà anche un’occasione per familiarizzare un po' con la nuova generazione di pneumatici, così come un modo per tornare a lavorare in un team che ovviamente conosce già”.

Nelle prove di Abu Dhabi è data per certa (anche se non ancora annunciata) la presenza di Charles Leclerc sulla Ferrari SF71H, così come quella di Kimi Raikkonen sulla Sauber (alternandosi con Antonio Giovinazzi) e quella di Pierre Gasly sulla Red Bull.

Sembra invece poco probabile che la Red Bull autorizzi Daniel Ricciardo ad essere in pista con la Renault, così come appare tutt’altro che certo che Carlos Sainz possa salire sulla McLaren.

In quest’ultimo caso è ancora Helmut Marko a bloccare il test, poiché all’indomani del Gran Premio di Abu Dhabi Sainz sarà tornerà ad essere nuovamente pilota Red Bull fino al 31 dicembre, poi arriverà il definitivo addio al gruppo che lo ha supportato nel corso della carriera a partire dai primi passi in monoposto.

Prossimo Articolo
Ferrari: telecamera con vista sul... fondo della Rossa

Articolo precedente

Ferrari: telecamera con vista sul... fondo della Rossa

Prossimo Articolo

Hamilton mette le cose in chiaro: "Non ho intenzione di regalare una vittoria a Bottas"

Hamilton mette le cose in chiaro: "Non ho intenzione di regalare una vittoria a Bottas"
Carica commenti