Szafnauer: "La Force India avrà una nuova ala anteriore in Bahrain"

condivisioni
commenti
Szafnauer:
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
02 apr 2018, 15:10

Il direttore operativo del team di Silverstone annuncia l'arrivo della nuova componente nella seconda gara della stagione, che completerà il pacchetto che ha esordito in Australia. L'obiettivo è centrare il 4° posto nel Costruttori.

Sergio Perez, Force India VJM11
Sergio Perez, Force India VJM11 e i suoi meccanici, in griglia
Esteban Ocon, Force India VJM11
Esteban Ocon, Force India
Esteban Ocon, Force India
Sergio Perez, Force India VJM11
Sergio Perez, Force India VJM11
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1 W09 EQ Power+ and Esteban Ocon, Force India VJM11 in lotta
Sergio Perez, Force India VJM11

L’ultima volta che la Force India non ha raccolto punti nella prova inaugurale del Mondiale è stata nel 2009. Adrian Sutil giunse nono, ma all’epoca erano solo i primi otto classificati a raccogliere punti. Nelle successive otto gare d’apertura della stagione, la Force India ha raccolto ben tredici piazzamenti nella top-10, ma la serie positiva si è bloccata due weekend fa a Melbourne con Sergio Perez ed Esteban Ocon che hanno tagliato il traguardo in undicesima e dodicesima posizione.

Dopo la brillante quarta posizione ottenuta lo scorso anno nel Mondiale Costruttori, la squadra di Silverstone è attesa ad una stagione più difficile rispetto a dodici mesi fa, con la concorrenza McLaren-Renault-Haas che ha confermato un deciso passo avanti. Tuttavia il direttore operativo Otmar Szafnauer non sembra aver perso la fiducia, e conferma che ciò che conta sarà il bilancio che sarà stilato la domenica sera di Abu Dhabi.

Otmar, è sembrato un avvio molto diverso rispetto al passato. Com’è l’umore nel team?
“Quella di Melbourne è sempre una gara particolare. Siamo arrivati molto vicini alla conquista di un punto, con Sergio che ha mancato di un soffio il sorpasso finale a Carlos Sainz. Ma abbiamo visto quanto sia stato difficile superare ad Albert Park".

"Il nostro ritmo di gara si è confermato più competitivo rispetto al potenziale che abbiamo mostrato in qualifica, ma partendo nella seconda metà dello schieramento non siamo riusciti a raccogliere ciò che la monoposto ci avrebbe consentito. In più l’ala anteriore di Esteban ha raccolto dei detriti nei primi giri di gara, e questo ha compromesso il suo passo, soprattutto nel secondo stint”.

Cosa possiamo aspettarci dalle prossime tappe in Bahrain e Cina?
“Avremo degli sviluppi ordinari, ma anche una nuova ala anteriore che arriverà in tempo per essere utilizzata in Bahrain, e questa novità completerà gli aggiornamenti introdotti a Melbourne. La monoposto che abbiamo oggi è completamente diversa dalle specifiche che abbiamo utilizzato nei test di Barcellona, e siamo ancora in una fase di apprendimento. C'è un enorme potenziale di sviluppo in questa nuova aerodinamica, ed abbiamo altre novità in cantiere che introdurremo durante il primo terzo di stagione”.

Come hai visto le forze in campo a Melbourne?
“I test pre-campionato ci hanno mostrato una zona centrale della griglia molto più ravvicinata rispetto allo scorso anno, una previsione confermata nel weekend di Melbourne. Credo che i punti saranno distribuiti tra più team rispetto al 2017, e riuscire a confermarci al quarto posto sarà una sfida impegnativa".

"Ma al momento abbiamo corso una sola gara, e le cose possono cambiare molto velocemente in Formula 1. Ci sarà un duro confronto sugli sviluppi che arriveranno durante la stagione, e alla fine ciò che conta è come si termina il Mondiale, non come lo si inizia. Lo scorso anno abbiamo messo in campo un buon lavoro di sviluppo, e speriamo di poter fare lo stesso in questa stagione. Il quarto posto resta il nostro obiettivo”.

Prossimo Articolo
Carica commenti