Stroll prova a scrollarsi l'etichetta di "pilota pagante"

Il canadese segna il miglior tempo del venerdì a Silverstone e prova a togliersi l'etichetta di "pilota pagante" su una Racing Point che gli sembra cucita addosso.

Stroll prova a scrollarsi l'etichetta di "pilota pagante"

Se si arriva in Formula 1 da pilota pagante, si resterà sempre dei piloti paganti. È una grande verità, che nessuno conosce meglio degli stessi piloti, spietati ma lucidi nelle analisi che riguardano il loro ‘mestiere’.

Un miglior tempo al termine di un venerdì di prove libere non è certo un titolo Mondiale, chiariamo, ma non si può liquidare la notizia di un Lance Stroll che chiude al comando il venerdì di Silverstone commentando esclusivamente la bontà tecnica della Racing Point. La monoposto va molto bene, ormai è cosa nota, ma non ha una guida autonoma, e per portarla in prima posizione, anche solo in un venerdì, qualcuno deve pur guidarla.

Stroll non è un ‘next big thing’, la definizione che Helmut Marko utilizza spesso per indicare quei potenziali talenti che la Red Bull cerca di scovare, ma non è neanche un pilota che non sa guidare una vettura di Formula 1. E se la monoposto ha del potenziale, Lance lo sa sfruttare, come ha fatto vedere oggi a Silverstone.

Dello stesso autore, leggi anche:

“È stata una giornata positiva - ha commentato Stroll - ed ammetto che fa piacere ritrovarsi in cima alla classifica dei tempi. Oggi la monoposto si è confermata molto performante, sia nei long-run che nella simulazione di qualifica, diciamo che è stato un inizio promettente in vista del proseguimento del weekend. Eravamo convinti che la macchina si sarebbe adattata bene con il layout di Silverstone, ma ciò che conta sono le qualifiche e la gara, quindi aspettiamo domani per un giudizio più attendibile”.

Cresce Stroll, e di pari passo anche la Racing Point. Al di là dei fatti già noti riguardanti la genesi della RP20, la squadra sta lavorando con una sua filosofia sulla monoposto, come confermato oggi a Silverstone. A differenza della Mercedes, la Racing Point ha scelto un assetto molto ‘rake’ e con un carico aerodinamico molto elevato, come facilmente intuibile osservando la regolazione dell’ala posteriore. Il risultato è stato una vettura che è risultata molto guidabile, e con un buon equilibrio di performance nei tre settori del circuito.

Non dovrebbe poi sorprendere più di tanto, considerando che la ex-Force India era stata in grado di piazzarsi al quarto posto nel Mondiale Costruttori nel 2016 e 2017 con uno dei budget più bassi del paddock, ed il gruppo di lavoro diretto da Andrew Green sta probabilmente pensando con la propria testa come mettere a frutto il materiale tecnico a disposizione.

Un po' come Stroll, che per più di un anno ha studiato i dati di Sergio Perez per capire come e dove poter fare dei passi avanti, arrivando a migliorare progressivamente la sua guida. E paradossalmente ha colto la sua prima ‘P1’ in una classifica di Formula 1 proprio nel giorno in cui il compagno di squadra messicano è stato costretto a disertare la pista.

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
1/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point in garage
Lance Stroll, Racing Point in garage
2/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
3/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
4/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
5/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
6/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point
Lance Stroll, Racing Point
7/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
8/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point
Lance Stroll, Racing Point
9/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20, alza della polvere
Lance Stroll, Racing Point RP20, alza della polvere
10/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
11/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
12/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20, in pit lane
Lance Stroll, Racing Point RP20, in pit lane
13/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20, lascia il garage
Lance Stroll, Racing Point RP20, lascia il garage
14/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
15/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Verstappen è "caldo", ma anche il meteo sorride a Mercedes
Articolo precedente

Verstappen è "caldo", ma anche il meteo sorride a Mercedes

Prossimo Articolo

Ferrari: l'arcano delle gomme che non funzionano

Ferrari: l'arcano delle gomme che non funzionano
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021