Strategie Pirelli: con le supersoft primo pit dopo 11 giri

La Pirelli ha elaborato tre diverse strategie di gara, ma chi usa le Medie dovrebbe pagare circa 11 secondi rispetto a chi costruirà la corsa con supersoft e soft. Ecco come potrà essere gestito il Gp della Cina in materia di gomme.

La pioggia caduta sabato ha permesso a tutti i piloti al via del Gran Premio di Cina di arrivare alla vigilia della gara con una buona disponibilità di gomme slick.

Il tutto apre la strada a differenti strategie, in una corsa che sotto questo aspetto si preannuncia imprevedibile.

La Pirelli sulla base dei suoi calcoli ha ipotizzato una strategia per chi parte con gomme supersoft ed una per chi si avvierà con le soft, entrambe basate su tre soste.

Nel primo caso è previsto il passaggio alle soft al giro 11, replicato poi ai giri 26 e 41.

Chi scatterà con le soft dovrebbe mantenere la stessa mescola al giro 16 e 31, per poi passare alle supersoft nella tornata 46.

Leggermente più lenta nelle simulazioni Pirelli è la strategia che include l’utilizzo della mescola media. In questo caso la partenza è prevista con le soft, per due successivi cambi con lo stessa mescola, ai giri 15 e 28, per effettuare poi il passaggio finale alle medie nella quarantaduesima tornata. Le simulazioni hanno bocciato la strategia a due soste.

Secondo alcuni team quest’ultima scelta comporta un tempo complessivo di gara più lento di undici secondi. Ricordiamo che Nico Rosberg ha deciso di partire con le soft, mentre gli altri della top ten saranno in griglia con le supersoft

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP della Cina
Sub-evento Domenica, gara
Circuito Shanghai International Circuit
Articolo di tipo Ultime notizie