Strategie F1: se farà caldo possono servire due soste

Le simulazioni indicano che al via del GP di San Paolo i piloti si schiereranno con le gomme a mescola media, mentre sarà più complicata le gestione della seconda parte della gara: ci sarà chi passerà alle hard fra il giro 27 e 32 e chi, invece, punterà a due pit stop il primo intorno al giro 17 per calzare le hard e il secondo al 47 giro per rimontare un treno di gialle.

Strategie F1: se farà caldo possono servire due soste

Sono previste temperature elevate nel pomeriggio di San Paolo, quando i piloti si schiereranno per il via del Gran Premio del Brasile. Con più di cinquanta gradi di asfalto, le simulazioni Pirelli (e i dati emersi ieri nella sprint qualifying) consigliano fortemente la partenza con gomme medie.

Il primo stint sarà importante per le squadre al fine di capire come gestire la seconda parte di gara, che presenta qualche incognita in più. Se le ‘gialle’ riusciranno a garantire un rendimento ottimale fino al giro 27, la strategia sarà scontata, ovvero pit-stop (nella finestra 27-32 giro) per passaggio ad un set di hard.

Se, invece, le temperature elevate dovessero comportare un degrado maggiore, si aprirebbero diversi scenari. Le simulazioni indicano una strategia alternativa su due soste con un primo pit-stop per passare alle hard tra il giro 17 e 23, ed uno stint finale su media, con il secondo cambio tra il giro 47 e 52 per concludere le 71 tornate in programma.

Non ci sono invece molte incognite sul fronte disponibilità di set nuovi. Complice il format della sprint qualifying, le squadre hanno a disposizione una buona fornitura di set da gara: 2 set sia di hard che di medie nuove per Hamilton, Perez e Verstappen, mentre i due ferraristi possono contare su un set di hard, e due set di medie (per Leclerc) e ben tre per Sainz.

Nel paddock c’è ancora un dubbio che riguarda il poleman Bottas. Nella sprint qualifying di ieri il finlandese ha sfruttato molto bene il set di gomme soft montate al via, riuscendo a sfilare Verstappen scattato con le medie.

In Mercedes potrebbero mettere Valtteri nelle condizioni migliori per mantenere il comando alla prima curva, ma la controindicazione sarebbe quella di rischiare un primo stint di gara molto breve, visto che il degrado (accentuato dalle temperature e dal pieno di benzina) potrebbe anticipare molto la prima sosta, ipotizzata tra il giro 12 e 15.

condivisioni
commenti
F1 | GP di San Paolo: la griglia di partenza
Articolo precedente

F1 | GP di San Paolo: la griglia di partenza

Prossimo Articolo

F1 | Kimi cambia l'ala rotta e parte dalla pit lane a San Paolo

F1 | Kimi cambia l'ala rotta e parte dalla pit lane a San Paolo
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021