Strategia Ferrari: è stato giocato l'asso vincente con la mescola Soft al via

condivisioni
commenti
Strategia Ferrari: è stato giocato l'asso vincente con la mescola Soft al via
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
11 nov 2018, 10:54

Vettel e Raikkonen potranno partire nel GP del Brasile che si aspetta caldo con pneumatici più duri rispetto a Mercedes e Red Bull, grazie all'azzardo riuscito in Q2 quando sono state montate le gomme gialle prima che piovesse. Ma le Rosse dovranno partire bene...

Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari and Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 in Parc Ferme
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari in Press Conference
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H.
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 receives the Pirelli Pole Position Award from Felipe Massa in Parc Ferme

Un mese fa, a Suzuka, la Ferrari commise un clamoroso errore di strategia in qualifica, mandando in pista nella sessione Q3 sia Sebastian Vettel che Kimi Raikkonen con gomme intermedie, scelta rivelatasi errata su una pista che si confermò da slick.

Il box del Cavallino si è riscattato nelle qualifiche completate ieri a Interlagos, con una scelta perfetta per contenuto e tempismo. Al via della sessione Q2 (con incombente minaccia di pioggia) tutti i quindici piloti si sono affrettati a scendere in pista con gomme supersoft, contravvenendo (nel caso dei top-team) a quanto deciso nei briefing del mattino, nei quali avevano pianificato il passaggio del taglio con mescola soft.

Mentre tutti i piloti in pista si sono lanciati nel giro veloce incrociando le dita nella speranza che la pioggia non arrivasse sul circuito di Interlagos, le due Ferrari sono rientrate in pit-lane al termine dell’out-lap per passare alla mescola soft, una scelta ovviamente mirata a una strategia alternativa per la gara in programma oggi.

Si è trattato di una decisione che ha presentato dei rischi, perché nel caso in cui fosse arrivata la temutissima pioggia, per Seb e Kimi sarebbe stato impossibile passare il turno.

Entrambi i ferraristi sono subito rientrati in pista riuscendo a passare agevolmente la Q2 con le soft, e visti i tempi ottenuti da Seb e Kimi nelle squadre avversarie è suonato l’allarme. Sia Mercedes che Red Bull hanno subito richiamato i loro piloti ai box per rispondere alla strategia della Ferrari, ma la pioggia dopo i primi minuti è aumentata d’intensità, rendendo vana la rincorsa di Verstappen, Hamilton, Bottas e Ricciardo, che non sono riusciti a migliorare i tempi ottenuti pochi minuti prima con le supersoft.

Le due Ferrari, a differenza di Mercedes e Red Bull, prenderanno così il via del Gran Premio del Brasile con una mescola più dura, scelta che secondo la Pirelli allungherà il primo stint di circa dieci giri rispetto alle supersoft.

Sarà un’arma in più a disposizione di Vettel e Raikkonen o si confermerà una scelta errata? A fare la differenza saranno le fasi della partenza, sulla carta favorevoli a chi scatta con la mescola più morbida, ma se Vettel e Raikkonen riusciranno a mantenere le posizioni, le chance di lottare per la vittoria aumenteranno in modo esponenziale.

Le simulazioni della Pirelli indicano le due strategie più veloci ad una sosta, con in prima posizione quella che prevede la partenza con gomme soft (ovvero il caso Ferrari) e il passaggio ad un set di medie tra il giro 32 e 36.

Lo stesso cambio è previsto per chi scatterà con pneumatici supersoft (Red Bull e Mercedes) che dovrebbero passare alle medie tra il giro 25 e 30. Queste le simulazioni in caso di pista calda, ovvero con oltre 42-43 gradi di temperatura dell'asfalto. Se, invece, sarà più fresco, il secondo stint di gara potrebbe essere coperto con un set di pneumatici soft.

 

Prossimo Articolo
Proposte 2019: mescole libere al via del GP, ma obbligatori due pit stop

Articolo precedente

Proposte 2019: mescole libere al via del GP, ma obbligatori due pit stop

Prossimo Articolo

Caso Mercedes: i fori più grandi nei cerchi ora generano un effetto aerodinamico?

Caso Mercedes: i fori più grandi nei cerchi ora generano un effetto aerodinamico?
Carica commenti