Steiner: "F1 non deve dimenticare la lezione imparata dal Covid"

Secondo Gunther Steiner, la Formula 1 non dovrà remare contro all'attuale corsa al taglio dei costi quando l'economia mondiale si rimetterà in moto.

Steiner: "F1 non deve dimenticare la lezione imparata dal Covid"

Parlando nell'ambito della serie di interviste #thinkingforward, Steiner ha detto che è essenziale che la F1 rimanga impegnata in questa azione intrapresa per cercare di ridurre i costi.

Il team principal della Haas suggerisce che gli azionisti della F1 non si debbano dimenticare delle sfide affrontate negli ultimi mesi se vogliono continuare a garantire un futuro a lungo termine a tutti i team presenti sulla griglia di partenza.

"Ci siamo riuniti e abbiamo deciso un tetto massimo di spesa, poi lo abbiamo abbassato ed è una buona iniziativa" ha detto Steiner. "Abbiamo deciso molto rapidamente di utilizzare le monoposto di quest'anno anche nella prossima stagione... E il regolamento 2022 dovrebbe rendere le vetture più economiche".

"Penso che abbiamo imparato alcune lezioni da questa situazione. Ora, dobbiamo fare in modo di non dimenticarcene e poi, quando arriveranno tempi migliori, riaumentare o eliminare del tutto il budget cap".

"Non credo che succederà. Ma terrò a mente che non dovremmo farlo. Ed è così che ne usciremo più forti".

Una delle lezioni chiave che Steiner dice di aver appreso dallo stop imposto dal Coronavirus è il fatto di come i team si fossero lasciati pochissimo margine di manovra dal punto di vista economico quando la situazione era rosea.

Leggi anche:

"Alla fine quello che mi dimostra è che, come aziende, siamo troppo al limite" ha detto. "Ogni piccola distrazione ci porta fuori dai limiti e questo non è un bene".

"Non abbiamo una riserva nel serbatoio. E non mi riferisco solo ai soldi, penso a tutto. Non si pensa che ci possa essere un ostacolo sulla strada, ragioniamo sempre come se fosse un viaggio tranquillo fino all'arrivo".

Con la F1 che ha introdotto un pacchetto di regole volte a ridurre i costi e a confermare la griglia di partenza, Steiner è ottimista sul fatto che i primi tre top team saranno ancora in vantaggio nell'era delle nuove regole a partire dal 2022, ma non saranno del tutto fuori portata.

"Non dobbiamo aspettarci che nel 2022 siano tutti allo stesso livello, penso che ci vorrà qualche anno, perché le grandi squadre hanno con le loro risorse è abbastanza grande... Ed è anche questione delle conoscenze che hanno acquisito negli ultimi 20 anni".

"Quindi, penso che avranno ancora un vantaggio. Ma alla fine credo che se fai un buon lavoro, realizzi una macchina veloce, allora dovresti riuscire ad avvicinarti".

"Voglio dire, le regole sono pensate per questo. Magari non per vincere le gare, ma per avere la possibilità di salire sul podio e in maniera realistica. Dunque, non solo che possa accadere se sei fortunato e ti trovi al posto giusto nel momento giusto".

Anche se l'impatto della riduzione dei costi non farà alcuna differenza per le spese della Haas, Steiner ritiene che sarà un vantaggio enorme per la Formula 1 in generale.

"Il divario rispetto alle grandi squadre è di circa 100-150 milioni di dollari per una piccola squadra" ha detto. "In futuro sarà forse di 20 o 30 milioni di dollari. Non è un buon passo avanti? Io direi di sì. Non siamo ancora arrivati al pareggio, ma è un buon passo avanti perché il divario si riduce di cinque volte. Credo che sia un grande risultato".

Il ritorno alle gare

Con la stagione di Formula 1 che riprenderà il 5 luglio in Austria, Steiner ha detto di vedere un grande entusiasmo da parte di tutte le squadre in questa fase.

"Tutti sono ansiosi di tornare al lavoro perché per un pilota, che ama davvero quello che sta facendo, non fare nulla per tre mesi e non sapere cosa sarebbe successo, non è stato piacevole. Ma vale per tutta la gente della F1".

"Non sapevamo se la F1 sarebbe tornata quest'anno, quindi almeno sapere che torneremo a correre è un bene per tutti. E, vedendo la luce in fondo al tunnel, saranno tutti molto motivati a tenerla accesa. Quindi penso che tutti si lamenteranno meno di quanto facevano solo un anno fa".

"Penso che sia una cosa genuina, perché si sono resi conto che non avevamo nessun tampone o nessuna uscita di emergenza. Quindi dobbiamo solo continuare a fare le cose così, stando a testa bassa e lavorando".

condivisioni
commenti
Carlos Sainz Jr torna al lavoro alla McLaren

Articolo precedente

Carlos Sainz Jr torna al lavoro alla McLaren

Prossimo Articolo

Brawn: "La F1 non affretterà l'apertura dei GP ai fan"

Brawn: "La F1 non affretterà l'apertura dei GP ai fan"
Carica commenti
Ceccarelli: "La sosta aiuta: più tecnica, meno tecnicismi" Prime

Ceccarelli: "La sosta aiuta: più tecnica, meno tecnicismi"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano i molteplici fatti che hanno caratterizzato il Gran Premio d'Ungheria. Tra questi, anche la "guerra di nervi" innescata da Lewis Hamilton nei confronti di Max Verstappen, suo diretto contendente al titolo. A chi gioverà di più la pausa estiva? Lo scopriremo in Belgio.

Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello Prime

Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello

Vettel è stato squalificato dal GP d'Ungheria per non aver avuto il litro necessario nel serbatoio a fine gara. Aston Martin medita il ricorso puntando il dito contro le pompe d'aspirazione del carburante usate in verifica. Ecco cos'è successo nel weekend e cosa potrà succedere nelle prossime ore...

Formula 1
3 ago 2021
GP d'Ungheria: Hamilton, rimonta da leader del mondiale Prime

GP d'Ungheria: Hamilton, rimonta da leader del mondiale

Andiamo a ripercorrere tutte le emozioni del Gran Premio di Ungheria nella nostra ricostruzione grafica. Dopo il caos della prima partenza e l'indecisione della Mercedes nel cambiare gomme ad Hamilton, l'inglese si è lanciato nella rimonta che lo ha portato al terzo gradino del podio

Formula 1
2 ago 2021
Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi" Prime

Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi"

Il Gran Premio d'Ungheria, oltre alle sorprese e ai colpi di scena continui, ha regalato tanti promossi e altrettanti bocciati. Ecco le pagelle del weekend ungherese stilate e commentate da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
2 ago 2021
Bobbi: "Ora Verstappen è mentalmente sottoterra" Prime

Bobbi: "Ora Verstappen è mentalmente sottoterra"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano il Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 dove si può essere invertita l'inerzia del Mondiale. Lewis sta lontano dai guai e, nonostante strategie discutibili, chiude terzo. Verstappen, invece, è vittima di un secondo incidente e chiude in decima posizione

Formula 1
2 ago 2021
Chinchero: "Alonso? Non so quanto volesse aiutare Ocon" Prime

Chinchero: "Alonso? Non so quanto volesse aiutare Ocon"

In questa nuova puntata podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli commentato il Gran Premio d'Ungheria. Buon ascolto!

Formula 1
1 ago 2021
GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max Prime

GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max

Lewis Hamilton ha conquistato la pole position numero 101 della carriera in occasione del GP d'Ungheria. L'inglese scatta davanti al compagno di team, Valtteri Bottas, mentre Max Verstappen è terzo: ma attenti all'olandese, che partirà con gomma Soft...

Formula 1
1 ago 2021
Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste" Prime

Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste"

In questa puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare le qualifiche del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Lewis Hamilton conquista la pole numero 101 della carriera davanti al compagno Mercedes Valtteri Bottas ed alla Red Bull di Verstappen

Formula 1
31 lug 2021