Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia

F1 | Steiner critica la direzione gara: "C'è margine per migliorare"

Il Team Principal della Haas, Gunther Steiner, ritiene che ci sia ancora "ampio margine per fare meglio" nella gestione delle gare durante la stagione 2023, dopo che lo scorso anno alcune decisioni "senza senso" prese dalla FIA hanno avuto un impatto importante sulla squadra americana.

Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1

Sulla scia del controverso Gran Premio di Abu Dhabi della stagione 2021, la FIA ha ristrutturato l'organizzazione del race control con modifiche che hanno riguardato anche la nomina di due direttori di gara.

Ma ciò non ha impedito che le decisioni prese dalla direzione gara rimanessero un punto di discussione per tutta la stagione 2022, in particolare per l'uso della bandiera nera e arancione, il controllo dei limiti della pista e l'impiego di veicoli di recupero durante il Gran Premio del Giappone.

Alla fine della stagione, la FIA ha posto fine alla rotazione dei direttori di gara, anche se il presidente Mohammed Ben Sulayem ha indicato che quest'anno tornerà ci saranno più persone a ricoprire quel ruolo.

All'inizio della settimana, la FIA ha anche annunciato l'ingresso dello stimato team manager Steve Nielsen come nuovo direttore sportivo, nell'ambito di una revisione della struttura di gestione della F1.

Ma il team principal della Haas, Gunther Steiner, ritiene che ci sia ancora spazio per migliorare la gestione delle gare in F1 in vista della nuova stagione.

"C'è ancora molto lavoro da fare, secondo me. Non è che tutto sia risolto ora. Penso che per quanto riguarda la direzione gara ci sia molto margine per fare meglio", ha detto Steiner a Motorsport.com in un'intervista di fine stagione. "

"Abbiamo visto che nelle ultime gare [del 2022] siano state prese alcune decisioni che credo debbano essere affrontate".

Kevin Magnussen, Haas VF-22

Kevin Magnussen, Haas VF-22

Photo by: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nel 2022 la Haas si è vista esposta per tre volte la bandiera nera e arancione a causa di problemi con l'endplate dell'ala anteriore, spingendola a presentare una protesta contro la vettura danneggiata di Fernando Alonso ad Austin per far valere le proprie ragioni e cercare coerenza.

La FIA ha poi riconosciuto che ci fosse stata una "reazione eccessiva" nel richiamare ai box le vetture per sostituire gli elementi danneggiati, citando l'ala posteriore di Yuki Tsunoda a Baku aggiustata con il nastro come la causa che l'ha spinta a prendere provvedimenti più severi.

Leggi anche:

Steiner ha spiegato come la Haas "sia stata duramente colpita" dalle bandiere nere e arancione esposte durante lo scorso anno, che ha definito "una completa assurdità".

"Non dovrebbe essere così. Siamo stati penalizzati e poi hanno cambiato le regole. Nessun altro è mai stato penalizzato per voi vedere la regola modificata", ha spiegato il Team Principal della Haas.

"La protesta ad Austin era una questione di principio: il sistema è difettoso perché le regole non sono uguali per tutti, e credo che il modo in cui è stata gestita la questione dalla direzione gara non sia stato positivo".

 

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Haas: Hulkenberg ha fatto il sedile della VF-23
Prossimo Articolo F1 | Russell: "Rapporto con Lewis? Positivo anche in caso di lotta mondiale"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia