Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP1 in
02 Ore
:
46 Minuti
:
06 Secondi

Steiner deve pagare i danni morali per i commenti di Sochi

condivisioni
commenti
Steiner deve pagare i danni morali per i commenti di Sochi
Di:
11 ott 2019, 08:29

Il team principal della Haas è stato multato di 7.500 € per aver provocato un danno morale ad uno steward ed aver leso l'immagine della FIA al termine del GP di Sochi.

Subito dopo che Kevin Magnussen ha tagliato il traguardo del Gran Premio di Sochi, concluso in nona posizione, Gunther Steiner è intervenuto via radio con il suo pilota per congratularsi con lui per l’ottima gara e criticare aspramente la decisione dei commissari di punirlo con una penalità di tempo di 5 secondi che è costata l’ottavo posto.

“Se non avessimo uno steward stupido e idiota avremmo conquistato l'ottavo posto. Sai chi è lo steward, lo conosci, è sempre lo stesso e non fa mai nulla di intelligente”.  Questo il messaggio del team principal della Haas.

Come rivelato da Motorsport.com già in Russia, i commenti di Steiner non sono stati per nulla apprezzati dai funzionari FIA e l'autorità per affrontare la questione è stata delegata ai commissari del Gran Premio del Giappone.

Steiner è stato quindi convocato venerdì a Suzuka dalla leggenda della 24 Ore di Le Mans Tom Kristensen, da Gerd Ennser, Dennis Dean e Yasuhiro Yodono.

 

La questione non è stata affrontata immediatamente a Sochi perché alcuni membri del team Haas avevano già lasciato il circuito in Russia e c'era anche un potenziale conflitto con uno degli steward.

Secondo il rapporto, Steiner ha confermato che il suo commento era rivolto ad uno specifico membro della giuria del GP di Russia. Dopo l'udienza, i commissari hanno annunciato di aver deciso di sanzionare Steiner con una multa di 7.500 euro.

I commissari hanno riferito come Steiner si sia scusato per le parole utilizzate “Pronunciate nella foga del momento dopo una gara molto contestata dai suoi piloti”, ed hanno poi aggiunto come il team principal della Haas "Non intendeva con le sue parole avere una influenza negativa sui responsabili FIA dell'evento e del campionato".

Tuttavia, i commissari hanno sottolineato come quello compiuto da Steiner sia stato "un insulto ai commissari dell'evento che ha messo in discussione sia le loro capacità che la loro integrità” ed hanno affermato come sia stato causato un danno morale ai funzionare della FIA pregiudizievole per gli interessi del Motorsport.

Tali dichiarazioni danneggiano la reputazione del motorsport in generale, la FIA in particolare, e mettono in discussione la professionalità dei funzionari della FIA”, continua il rapporto.

"Qualsiasi critica delle decisioni del comitato di steward è sempre benvenuta nelle discussioni private con il collegio giudicante, ma gli attacchi personali pubblici contro singoli funzionari sono del tutto inappropriati e non saranno accettati".

Nello spiegare la punizione, i commissari hanno poi sottolineato di aver ritenuto opportuno non sanzionare ulteriormente Steiner per un simile comportamento, "Tuttavia, in caso di future violazioni, potrebbe essere necessario considerare se una squadra debba essere penalizzata, insieme a qualsiasi individuo coinvolto, con sanzioni più severe", hanno avvertito i commissari sportivi.

Prossimo Articolo
Analisi Suzuka: Ferrari in difficoltà, Mercedes in crescita

Articolo precedente

Analisi Suzuka: Ferrari in difficoltà, Mercedes in crescita

Prossimo Articolo

Leclerc: "Soffriamo il poco grip. Io e la SF90 possiamo migliorare"

Leclerc: "Soffriamo il poco grip. Io e la SF90 possiamo migliorare"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Giappone
Team Haas F1 Team
Autore Scott Mitchell