Statistiche Test F1: la Ferrari è più veloce di quel che sembra, ma la Mercedes è un bulldozer

condivisioni
commenti
Statistiche Test F1: la Ferrari è più veloce di quel che sembra, ma la Mercedes è un bulldozer
Di:
02 mar 2019, 11:50

Dopo 8 giorni di test a Barcellona tracciamo un primo bilancio non solo sulla prestazione delle F1 2019, ma anche sulla loro affidabilità. Vettel ha stupito per il tempo ottenuto con la mescola C3 che ha rivelato un potenziale della SF90 molto superiore a quello che si è visto.

La Ferrari fa paura a tutti, ma la squadra di Maranello deve temere l'affidabilità del suo Cavallino. Questo è il sunto di otto giorni di test invernali a Barcellona in preparazione della stagione 2019 che si aprirà con il GP d'Australia a Melbourne.

La SF90 ha sempre dato la sensazione di essere la monoposto più prestazionale, ma la Mercedes (che a lungo si è nascosta lavorando solo in funzione dell'affidabilità) nell'ultimo giorno di collaudi si è avvicinata in modo sorprendente alla Rossa non appena ha iniziato a montare le gomme più morbide (C5) scaricando un po' anche il serbatoio della benzina.

I tre millesimi che alla fine hanno separato Sebastian Vettel da Lewis Hamilton sono poco indicativi, ma promettono una gran bella battaglia per la prima pole a Melbourne. Mattia Binotto, team principal della Ferrari ha parlato della sua squadra come un team che ha ancora i... lavori in corso soprattutto per i guai di affidabilità che hanno viziato la seconda settimana di test catalani, perchè la Rossa a livello di prestazioni pure sembra davanti alla freccia d'argento.

Un tecnico Mercedes fotografa la Ferrari di Vettel dopo lo stop per un problema elettrico sull SF90

Un tecnico Mercedes fotografa la Ferrari di Vettel dopo lo stop per un problema elettrico sull SF90

Photo by: Diego Mejía

Pochi lo hanno notato, ma il tempo che più ha destato sensazione in quest'ultima sessione è stato l'1'16"720 di Sebastian Vettel che il tedesco ha arpionato alla conclusione di uno stint con la mescola C3!

La SF90 con la gomma Pirelli gialla è arrivata a mezzo secondo dalla prestazione migliore del ferrarista che, ricordiamolo, che è giunta a un decimo dal record della pista detenuto da Lewis Hamilton con la Mercedes W09. Un giro inavvicinato e innavicinabile dalla Mercedes che ha preso la "paga" anche durante le simulazioni di GP (Bottas è stato più lento di Vettel e Leclerc, mentre Lewis si è chiamato fuori da questo confronto).

Tenendo conto che dalla C3 alla C5 ci sono due salti di mescola che sulla carta varrebbero circa 1"2, era ipotizzabile un giro ideale in 1'15"520. Una performance mostruosa per le monoposto 2019 che dovevano pagare la semplificazione dell'aerodinamica anteriore con un rallentamento di 1"5.

Per completare il ragionamento è giusto dire che la C5 non è certo la mescola ideale (troppo morbida) per il circuito catalano, dal momento che i piloti hanno registrato un calo del grip nel T3 valutabile in almeno 0"3, segno che un tempo "corretto" attendibile per la Rossa poteva essere intorno a 1'15"820.

Riportiamo questi dati per sottolineare come la Ferrari abbia nascosto il suo reale potenziale e che la Mercedes, almeno nelle simulazioni, risulta dietro alla Rossa, ma non di molto. Il vantaggio della W10 è che non si rompe (nella prima settimana è stato sostituito per precauzione un motore a Bottas dopo una perdita di pressione): la freccia d'argento in 8 giorni di test ha totalizzato 1.189 giri, pari a 5.535 km percorsi, l'equivalente di 18,02 GP.

Siccome per vincere le gare bisogna arrivare alla bandiera a scacchi, è importante segnalare che la Ferrari resta distanziata di oltre 3 GP dalla W10, avendo coperto 15,11 GP con 997 giri pari a 4.651 km. Il "tallone d'Achille" della SF90 è la durata: ogni volta è emerso un guaio diverso dal precedente, rivelando una certa fragilità della Rossa.

E la Red Bull? Pierre Gasly con due incidenti ha già scatenato le caustiche reazioni di Max Verstappen sul compagno di squadra, ma i numeri del team di Milton Keynes devono far riflettere: in 8 giorni sono stati percorsi 833 giri, l'equivalente di 3.878 km e 12,62 GP. Sono oltre 1.600 km in meno rispetto alla Mercedes. E fino a qui non ci sarebbe troppo da sorprendersi, se la RB15 non pagasse quasi 500 km anche con la Toro Rosso STR14, a parità di motore Honda.

Il propulsore giapponese si è rivelato più solido del previsto (una power unit è stata sostituita dopo il primo crash di Gasly): i problemi, quindi, stanno altrove, anche se i due vistosi tiranti montati nel retrotreno hanno lasciato intendere che ci sono vibrazioni nocive del 6 cilindri a penalizzare le prestazioni della Red Bull.

Al momento si deve segnalare il ruolo della Renault che ambisce ad agganciare i tre top team per tenersi al di fuori di una battaglia per le posizioni di centro che, forse, vedrà rientrare la McLaren. Deludente il bilancio della Racing Point: i soldi di papà Stroll non danno la felicità visto che la RP19 è sprofondata nei bassifondi, mettendosi alle spalle solo la derelitta Wlliams.

Il team di Silverstone diretto ha messo insieme solo 2.909 km, vale a dire 625 giri, vale a dire quasi la metà di quelli coperti dalla Mercedes a parità di power unit...

Ecco il delta di tempo fra le cinque mescole Pirelli
La è 0"8/1"0 più veloce della
La è 0"7 più veloce della
La è 0"6 più veloce della

La è 0"6 più veloce della

Migliori tempi di ciascun pilota nei quattro giorni

Pilota Team   Giorno 5 Giorno 6 Giorno 7 Giorno 8
Vettel  Ferrari

1:17.925

1:18.195

 

1:16.221

Hamilton  Mercedes

1:20.332

1:18.943

1:18.097

1:16.224

Leclerc  Ferrari

1:18.651

-

1:16.231

 
Bottas  Mercedes

1:20.167

1:18.941

1:18.862

1:16.561

Hülkenberg  Renault

1:20.348

1:19.056

1:17.496

1:16.843

Albon  Toro Rosso

1:18.649

 

1:16.882

 
Kvyat  Toro Rosso  

1:18.682

 

1:16.898

Sainz  McLaren  

1:17.144

 

1:16.913

Grosjean  Haas  

1:18.330

1:17.854

1:17.076

Norris  McLaren

1:17.709

 

1:17.084

 
Gasly  Red Bull

1:17.715

 

1:17.091

 
Ricciardo  Renault

1:20.107

1:22.597

1:17.204

1:17.114

Räikkönen  Alfa Romeo  

1:18.209

 

1:17.239

Stroll  Racing Point

1:17.824

 

1:17.556

 
Magnussen  Haas

1:18.769

 

1:18.199

1:17.565

Giovinazzi  Alfa Romeo

1:18.589

 

1:17.639

 
Verstappen  Red Bull  

1:18.395

 

1:17.709

Pérez  Racing Point  

1:17.842

 

1:17.791

Russell  Williams

1:19.662

 

1:18.130

 
Kubica  Williams  

1:19.367

 

1:18.993

Numero di giri per team in dettaglio

Team Giorno
da 1 a 4
Giorno 5 Giorno 6 Giorno 7 Giorno 8 Totale giri

Total

KM

Equivalente in GP

1 GP = 307  km

 Mercedes 610 90 176 181 132 1189 5535 18,02
 Ferrari 598 110 41 138 110 997 4641 15,11
 Renault 433 157 130 138 103 961 4473 14,56
 Toro Rosso 482 103 101 118 131 935 4352 14,17
 Alfa Romeo 507 99 113 71 132 922 4292 13,97
 McLaren 445 80 130 84 134 873 4064 13,23
 Haas 384 131 120 69 167 871 4055 13,20
 Red Bull 475 136 128 65 29 833 3878 12,62
 Racing Point 248 82 88 103 104 625 2909 9,47
 Williams 88 119 130 140 90 567 2639 8,59
Prossimo Articolo
Il calendario della Formula 1 perde i pezzi: il Messico non si accorda per il 2020

Articolo precedente

Il calendario della Formula 1 perde i pezzi: il Messico non si accorda per il 2020

Prossimo Articolo

Ricciardo: "Svelerò il mio casco a Melbourne e sarà una vera opera d'arte moderna"

Ricciardo: "Svelerò il mio casco a Melbourne e sarà una vera opera d'arte moderna"
Carica commenti
Be first to get
breaking news