Squalifica Vettel: la FIA rigetta il diritto di revisione

L'Aston Martin ha fallito nel suo tentativo di chiedere una revisione della squalifica di Sebastian Vettel dal Gran Premio d'Ungheria di Formula 1, dopo l'udienza della FIA di oggi.

Squalifica Vettel: la FIA rigetta il diritto di revisione

Il team di Silverstone aveva sperato di ottenere che i commissari della FIA esaminassero ancora una volta il suo caso, dopo che la vettura di Vettel era stata esclusa dal suo secondo posto a Budapest perché non aveva il litro di carburante obbligatorio per le verifiche post-gara.

L'Aston Martin inizialmente credeva che i dati telemetrici della vettura mostrassero che ci fossero 1,44 litri di carburante in più nell'auto rispetto agli 0,3 che la FIA era stata in grado di pompare fuori.

Riteneva che un guasto della pompa del carburante aveva contribuito alle circostanze, impedendo che il carburante fosse pompato nel serbatoio a cui ha accesso la FIA. La squadra ha avviato un diritto di revisione con i commissari, ma anche presentato formalmente appello contro la decisione.

Ma in un'udienza che si è svolta oggi, la FIA ha negato la richiesta dell'Aston Martin di rivedere il caso, perché le ultime indicazioni della squadra erano che il meccanico accusato significava che potenzialmente non ci fosse un litro di carburante in ogni caso.

Sebastian Vettel, Aston Martin, 2nd position, arrives on the podium

Sebastian Vettel, Aston Martin, 2nd position, arrives on the podium

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Per fare sì che la richiesta di revisione fosse accettata, l'Aston Martin doveva fornire un nuovo elemento "significativo" e "rilevante" che è stato scoperto dopo l'evento e non era disponibile per il concorrente al momento della decisione.

All'udienza, il team ha presentato l'analisi di più di 100 canali di dati relativi al sistema di carburante per dimostrare che c'era stato un guasto sulla vettura di Vettel. Questo guasto ha fatto sì che una quantità significativa di carburante venisse scaricata dalla vettura e che solo 0,3 litri di benzina potessero essere estratti in seguito.

La FIA ha accettato che questa prova, che indicava un malfunzionamento, era un elemento nuovo. Tuttavia, alla luce di ulteriori indagini condotte da Aston Martin, è emerso che la squadra ritiene che ci fosse effettivamente meno di un litro di carburante rimanente nella vettura alla fine della gara, a causa del problema del sistema di alimentazione. Pertanto, la FIA ha ritenuto che la nuova prova non fosse rilevante per il caso.

La decisione chiave dei commissari si basava sul fatto che non c'era il litro di carburante obbligatorio, piuttosto che basarsi delle ragioni, che è esattamente ciò che l'ultima prova dell'Aston Martin sostiene.

Una dichiarazione della FIA recita: "Per la valutazione se il requisito di un litro sia stato infranto o meno, non fa differenza perché c'era meno di un litro".

"Ci possono essere un paio di spiegazioni per cui alla fine di una gara la quantità rimanente è insufficiente. In ogni caso, rimane l'unica responsabilità del concorrente di garantire che la vettura sia sempre conforme al regolamento (Art. 3.2 Codice Sportivo Internazionale FIA) e non sarà una difesa sostenere che non è stato ottenuto alcun vantaggio prestazionale (Art 1.3.3 Codice Sportivo Internazionale FIA)".

"Per poter affermare un fatto 'rilevante', Aston Martin avrebbe dovuto dimostrare che in realtà era rimasto più di un litro di carburante. La spiegazione del perché questo requisito non poteva essere soddisfatto non è rilevante per la decisione se si è verificata una violazione del regolamento".

La FIA non ha accettato neanche i riferimenti che Aston Martin ha fatto alle squadre che rispettano lo spirito dei regolamenti, ma non la stretta formulazione, avendo esenzioni quando le parti sono state rotte o perse nelle gare.

È su queste basi che la FIA ha respinto la richiesta di Aston Martin di rivedere la questione.

condivisioni
commenti
Newey: "Vantaggio dissolto senza aver commesso un errore!"

Articolo precedente

Newey: "Vantaggio dissolto senza aver commesso un errore!"

Prossimo Articolo

Binotto: "Dopo Monza avremo un motore evoluto"

Binotto: "Dopo Monza avremo un motore evoluto"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021