Squalifica Vettel: Aston Martin ritira il suo appello

La squadra di Silverstone ha deciso di ritirare l'appello per la squalifica di Vettel dal GP d'Ungheria dopo la recente decisione dei commissari di gara, i quali non hanno rivisto la loro decisione dopo le nuove prove fornite dal team qualche giorno fa.

Squalifica Vettel: Aston Martin ritira il suo appello

Aston Martin ha deciso di ritirare il suo appello per ciò che riguarda la squalifica comminata a Sebastian Vettel dopo il Gran Premio di Ungheria andato in scena 2 settimane fa all'Hungaroring.

Vettel, lo ricordiamo, era stato escluso - e, dunque, aveva perso il secondo posto in gara - perché alle verifiche gli addetti FIA non erano riusciti a trovare nel serbatoio della AMR21 numero 5 il litro necessario di carburante per evitare la squalifica.

I delegati FIA avevano trovato appena 0,3 litri contro il litro richiesto dal regolamento. ma Aston Martin era fiduciosa di poter ribaltare la decisione dei commissari di gara dimostrando che la squalifica fosse stata dettata da un malfunzionamento della pompa d'estrazione del carburante in sede di verifiche.

Stando infatti alla telemtria della monoposto, Aston Martin ha stimato che all'interno del serbatoio avrebbero dovuto esserci 1,44 litri. Dopo il gran premio ungherese, la FIA ha sequestrato la monoposto di Vettel, portandola nell'officina della FIA in caso servissero prove in sede legale.

Aston Martin ha fatto immediatamente appello, richiedendo di rivedere la decisione dei commissari di gara dopo la squalifica di Vettel. Sebbene il team abbia portato nuove prove, mostrando come sulla AMR21 numero 5 si fosse verificato un problema che di fatto ha bruciato più benzina del dovuto.

La prova fornita alla FIA ha così mostrato un guasto non rilevato in sede di ispezione della vettura. Il problema, per il team di Silverstone, è non aver trovato l'ormai celebre litro di benzina all'intern odel sebatoio. Per questo motivo i commissari di gara dell'Hungaroring hanno confermato la loro decisione.

Avendo considerato questa posizione, Aston Martin ha deciso di ritirare il suo appello. Ciò significa che il secondo posto di Vettel ottenuto in Ungheria è definitivamente perso.

Il team Aston Martin Racing ha reso nota la sua decisione con un tweet che recita così: "Avendo considerato la nostra posizione e avendo preso atto del verdetto dei commissari della FIA che c'erano chiare nuove prove di un guasto al sistema di alimentazione, abbiamo comunque ritirato il nostro appello sulla base del fatto che crediamo che fare ciò superi i benefici di essere ascoltati".

Con il ritiro dell'appello dell'Aston Martin e la perdita definitiva della seconda posizione di Vettel, viene confermato il secondo posto di Lewis Hamilton e il terzo di Carlos Sainz.

condivisioni
commenti
Ferrari: ibrido, benzina e olio le novità sul motore dopo Monza
Articolo precedente

Ferrari: ibrido, benzina e olio le novità sul motore dopo Monza

Prossimo Articolo

Piola: "La Red Bull RB16B esprime lo stato dell'arte"

Piola: "La Red Bull RB16B esprime lo stato dell'arte"
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021