Motorsport.com's Prime content
Topic

Motorsport.com's Prime content

Sostenibilità, il dilemma che riguarda il futuro della Formula 1

Il mondo sta cambiando e la Formula 1 deve cambiare con lui per godere di un futuro ricco. Ma quanto dolore comporterà? STUART CODLING analizza come la Formula 1 sta affrontando la sfida di abbracciare la sostenibilità...

Sostenibilità, il dilemma che riguarda il futuro della Formula 1
Carica lettore audio

Gli appassionati in genere rabbrividiscono quando vedono la parola sostenibilità collegata alla Formula 1, ma dovranno abituarsi. Il più alto livello delle corse automobilistiche si basa sul mettere i piloti delle auto più veloci e più avanzate l'uno contro l'altro su un palcoscenico globale, ma è anche un business.

Le aziende hanno sempre più bisogno di dimostrare responsabilità sociale e ambientale. Gli sponsor aziendali e gli investitori non vogliono più essere associati alla dissolutezza e al saccheggio delle risorse della terra.

La conciliazione della sostenibilità con l'essenza competitiva della Formula 1 è una sfida enorme, alla quale le parti interessate si stanno dedicando. La Formula 1 ha recentemente pubblicato un aggiornamento sulla sua missione di diventare zero carbonio netto entro il 2030, obiettivo annunciato per la prima volta nel novembre 2019. Mentre gran parte del documento è stata dedicata a ribadire i punti chiave del piano, ci sono state prove di progresso nonostante i problemi causati dalla pandemia COVID-19.

Arrivo del trasporto

Arrivo del trasporto

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

La Formula 1 ha rinegoziato i suoi contratti di fornitura di energia in modo da ricevere tutta la sua energia da fonti rinnovabili al 100%, e ha riorganizzato la logistica delle sue operazioni di trasmissione per eliminare 70 tonnellate di merci da ogni gara.

Anche le squadre stanno facendo progressi. Mercedes ha raggiunto lo standard di accreditamento ambientale a tre stelle della FIA e la McLaren è stata la prima ad ottenere la certificazione di neutralità del carbonio un decennio fa. Ma gli standard diventano sempre più severi e la ri-certificazione è richiesta ogni cinque anni.

"Siamo pienamente integrati nel programma della Formula 1, in parallelo ai programmi che stiamo portando avanti – afferma il team principal McLaren Andreas Seidl – Temi come le bottiglie di plastica, il cibo sprecato che produciamo e così via, sono argomenti su cui ci concentriamo molto. Accogliamo con favore tutte queste iniziative, e allo stesso tempo cerchiamo di sostenerle perché è una necessità che va avanti".

Red Bull ha anche annunciato una campagna "No Bull" che mira a raggiungere lo stato di neutralità netta del carbonio per la stagione 2020 e a ridurre le emissioni di CO2 di 5000 tonnellate nel 2021. La stesura del piano ha richiesto una verifica completa delle attività del team e il riconoscimento che il funzionamento delle auto in pista rappresenta solo una frazione delle sue emissioni di carbonio. Le strutture, i viaggi e i trasporti ammontano al 93%.

Casse Red Bull Racing sul rettilineo di partenza/arrivo

Casse Red Bull Racing sul rettilineo di partenza/arrivo

Photo by: Lionel Ng / Motorsport Images

La modifica delle tariffe energetiche, la riorganizzazione delle operazioni di fabbrica, il ripensamento delle modalità di viaggio e la riduzione del singolo utilizzo della plastica sono tra le misure che la Red Bull sta adottando. A ciò si aggiunge la collaborazione con la Gold Standard Foundation, un'organizzazione con sede in Svizzera, che consente alle aziende di compensare in modo responsabile le emissioni "inevitabili".

Mentre i governi elaborano piani per eliminare gradualmente le vendite di auto con motore a combustione interna (ICE), la Formula 1 deve prendere una decisione filosofica. Che le piaccia o no, l'era dei combustibili fossili sta volgendo al termine. In caso di dubbio, seguite i soldi: le nazioni che si sono arricchite grazie allo sfruttamento delle risorse sotto il loro suolo si stanno ora diversificando con straordinaria fretta.

Ma il motore a combustione è destinato a rimanere al centro della Formula 1 per il futuro prossimo, indipendentemente dalle altre iniziative che i partecipanti, la FIA e il detentore dei diritti commerciali potranno intraprendere per abbracciare una maggiore sostenibilità all'interno delle loro imprese.

Yath Gangakumaran, Direttore di Strategia e Sviluppo del Business, F1 si rivolge alla folla al Business Forum

Yath Gangakumaran, Direttore di Strategia e Sviluppo del Business, F1 si rivolge alla folla al Business Forum

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Stiamo raddoppiando gli ibridi – ha detto il direttore della strategia e dello sviluppo commerciale della Formula 1, Yath Gangakumaran, in un recente podcast per la serie Thinking Forward di Motorsport Network – Crediamo che ci saranno diversi percorsi verso un'industria automobilistica a basse emissioni di carbonio, e vogliamo essere associati ad uno che, pensiamo, non solo avrà un impatto positivo importante sull'industria automobilistica, ma sosterrà anche i nostri obiettivi come sport".

"Tutti parlano di elettricità e idrogeno. E noi ci siamo occupati di questo, come parte del nostro motore di prossima generazione, che arriverà tra cinque anni. Ma non hanno davvero le caratteristiche prestazionali di cui abbiamo bisogno come apice dello sport motoristico, per permettere alle nostre auto di andare alle velocità che vogliamo e alle distanze di cui abbiamo bisogno".

Campione del liquido

Campione del liquido

Photo by: ExxonMobil

La F1 scommette sui biocarburanti, ritenendo che i carburanti di seconda generazione di questo tipo, in particolare quelli sintetici, elimineranno gli svantaggi associati ai primi. Una volta visti come una soluzione ai problemi derivanti dai combustibili fossili, i biocarburanti hanno un loro bagaglio: la coltivazione della materia prima richiede terreni che altrimenti potrebbero essere utilizzati per l'agricoltura, contribuendo potenzialmente alla povertà alimentare, oltre a causare danni ecologici come la deforestazione quando la terra viene convertita. Anche l'inquinamento da deforestazione dei pesticidi è tra i fattori negativi.

I biocombustibili sintetici ridurrebbero potenzialmente il numero di demeriti, pur facendo appello a un'industria automobilistica - e ai suoi clienti - che contempla il modo in cui i veicoli esistenti potrebbero essere alimentati una volta che i nuovi veicoli alimentati dal motore a combustione saranno stati eliminati per legge. Ma questi carburanti arriveranno in tempo per portare la grande scommessa della Formula 1?

condivisioni
commenti
La FIA simula i crash per scegliere le barriere da montare
Articolo precedente

La FIA simula i crash per scegliere le barriere da montare

Prossimo Articolo

Wolff: "Il rinnovo di Lewis? Non faremo pressioni con Russell"

Wolff: "Il rinnovo di Lewis? Non faremo pressioni con Russell"
Carica commenti