Sorpresa Mercedes: c'è un doppio bracket nella sospensione anteriore della W10?

condivisioni
commenti
Sorpresa Mercedes: c'è un doppio bracket nella sospensione anteriore della W10?
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
16 feb 2019, 08:56

Le immagini dello shakedown a Silverstone hanno mostrato una soluzione che è stata tenuta nascosta nei rendeding del lancio della W10: oltre al pivot che rialza il triangolo superiore della sospensione anteriore, ci sarebbe un bracket anche per il puntone del push rod?

È iniziata la sfida tecnica a distanza fra Ferrari SF90 e Mercedes W10. La monoposto del Cavallino presentata oggi a Fiorano ha fatto scuola per quanto concerne le pance molto strette con le bocche dei radiatori molto piccole, alla ricerca di un’esasperazione aerodinamica che privilegiasse l’efficienza con una riduzione della resistenza all’avanzamento.

La Rossa, però, a dispetto di altre vetture come la stessa Alfa Romeo C38 curata da Simone Resta e Luca Furbatto, per non dire della McLaren, non ha puntato su una sospensione anteriore troppo innovativa come, invece, ha fatto la Mercedes.

Sulla SF90 i tecnici si sono limitati ad alzare il triangolo inferiore per favorire un più pulito passaggio dei flussi, nel parziale tentativo di recuperare una parte del carico aerodinamico anteriore con l’adozione dell’ala anteriore molto semplificata.

La freccia d’argento, invece, ha mantenuto il bracket che fuoriesce dal porta mozzo per sollevare il triangolo superiore, mantenendo un concetto che ha già dato i suoi risultati sulla W09 campione del mondo, dopo che si era visto per la prima volta sulla macchina 2017: così il braccio della monoposto di Brackley è perfettamente in linea con le prese d’aria delle pance lavorando come un deviatore di flusso ma con una sezione indiscutibilmente minore rispetto a quello della Rossa.

A Maranello ha sperimentato questa soluzione, ma hanno preferito lasciarla da parte per la realizzazione complicata che richiede un aggravio di peso. Insomma, Cardile e soci hanno ritenuto che il vantaggio aerodinamico non valesse l’incremento di massa.

Peccato che la Mercedes, invece, abbia introdotto un secondo pivot che serve ad ancorare anche il puntone del push rod, per nasconderlo dietro alla piccola presa d’aria freni. Con l’abolizione delle complicatissime brake duct 2018, gli ingegneri cercano di ripristinare il carico perduto con nuove soluzioni, anche se il “dito” sembra qualcosa di molto simile a quello che la FIA aveva vietato all’inizio dello scorso anno alla Ferrari per evitare che si potesse abbassare la macchina in curva con lo sterzo girato.

Ecco il bracket della Ferrari SF70H sul puntone della sospensione anteriore vietato a inizio 2018 sulla SF71H

Ecco il bracket della Ferrari SF70H sul puntone della sospensione anteriore vietato a inizio 2018 sulla SF71H

Photo by: Giorgio Piola

La Ferrari l’aveva provato dal GP del Belgio 2017, seguita poco dopo anche dalla Red Bull Racing con una soluzione analoga. Ma questa idea fu bocciata per la forte pressione della Mercedes sulla FIA, ma ora è la freccia d’argento a farne bella vista. A cosa serve?

Insomma i tecnici di James Allison hanno puntato molto sulla sospensione anteriore della Mercedes, nella consapevolezza che il lavoro di sviluppo potrebbe dare più risultati di una soluzione meno modulare e più tradizionale.

 

Prossimo Articolo
Ferrari, Leclerc e l'emozione senza pressione: "Non penso al Mondiale. Ora voglio lavorare"

Articolo precedente

Ferrari, Leclerc e l'emozione senza pressione: "Non penso al Mondiale. Ora voglio lavorare"

Prossimo Articolo

Rob Smedley lavorerà come consulente per la F1 dopo l'addio alla Williams

Rob Smedley lavorerà come consulente per la F1 dopo l'addio alla Williams
Carica commenti