Sorpresa Haas: Grosjean quinto in griglia e partirà con le Soft come le Mercedes

condivisioni
commenti
Sorpresa Haas: Grosjean quinto in griglia e partirà con le Soft come le Mercedes
Di: Franco Nugnes
06 ott 2018, 14:10

Grosjean già nelle libere del venerdì aveva capito che era possibile puntare sulla mescola Soft per passare la Q2 a Suzuka: Romain in qualifica non ha sbagliato niente e potrebbe regalare punti preziosi nella lotta con la Renault per il quarto posto nel mondiale Costruttori.

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-18
Romain Grosjean, Haas F1 Team, celebrates his qualifying result by holding a Tricolore decorated in messages.
Ingegneri al lavoro sulla monoposto di Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-18, nel garage
Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-18
Romain Grosjean, Haas F1 Team
Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-18
Romain Grosjean, Haas F1 Team
Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-18
Foto di Romain Grosjean, Haas F1 Team, e Kevin Magnussen, Haas F1 Team

La Haas in qualifica si è comportata proprio come avrebbe dovuto fare la Ferrari: se Sebastian Vettel con la Rossa è solo nono in griglia di partenza, bisogna mettere in evidenza la prestazione di Romain Grosjean che ha portato la VF-18 addirittura in quinta posizione nella griglia di partenza del GP del Giappone.

Il pilota francese è stato bravo a sfruttare le imprevedibili previsioni meteo della Q3, ma la squadra è stata molto abile nel portare a termine quello che poteva sembrare un azzardo in Q2, quando Romain ha affrontato la sessione che determina il tipo di gomme con cui si partirà in gara con le Soft, copiando la stessa strategia che è stata attuata solo dalla Mercedes.

E così oltre a partire in terza fila, Grosjean potrà adottare una strategia di gara a una sosta che lo porterà ad allungare il primo stint con le Soft per poi montare delle Supersoft a mescola più tenera per avere una monoposto molto veloce anche nella parte finale della corsa.

La Haas è in lizza per il quarto posto nel mondiale Costruttori con la Renault, per cui sarà importante recuperare dei punti sulla squadra di Enstone che ha Carlos Sainz solo al 13esimo posto.

“Passare il taglio del Q2 con le soft non è stato facile, perché quelle gomme le ho provate solo in FP1. La mia prima impressione era stata positiva: la soft era parsa una buona gomma, ma era venerdì mattina e non le ho più usate fino alla Q2: le ho usate finché non è piovuto, ma sapevo che c’era solo un tentativo”.

“Abbiamo fatto una mossa coraggiosa, ma la prima sensazione e l'istinto dicevano che andava bene e in realtà penso che il mio giro più veloce di tutte le sessioni sia stato con le Soft. Penso che anche nel Q3, se fosse rimasto asciutto, saremmo andati in pista di nuovo con le Soft e penso anche che avremmo potuto essere dove siamo. Domani quando la temperatura salirà avremo la miglior gomma da usare”.

Avrete un grosso vantaggio…
“Non si sa mai, è troppo presto per dirlo. Sulla carta la soft è un pneumatico migliore rispetto al Supersoft. Potremo stare più a lungo in pista e sarà una gomma perfetta se farà più caldo. È quella che avrei scelto e la Mercedes ha puntato sulla stessa soluzione, mentre per me è stato sorprendente che la Ferrari abbia scelto le Supersoft in Q2”.

Che passo avrete in gara?
“Penso buono, migliore della Force India, così felice. Suzuka è una pista dove è molto difficile sorpassare, quindi se i passi di gara sono abbastanza simili non ci sono molte possibilità di sorpasso”

Non avete mai pensato di usare le intermedie come ha fatto la Ferrari?
“Ci abbiamo pensato: alla fine della Q2 era molto difficile mantenere la vettura in pista con le slick. Quindi nel garage abbiamo discusso quale fosse la soluzione più adatta e abbiamo giocato d’azzardo. È stata una scommessa, come quella della Ferrari che ha scelto le intermedie: avevamo visto la Mercedes e la Force India senza scivolare troppo nel primo settore, per cui abbiamo deciso di andare sulle slick. Ci è andata bene…”.

Eri pronto a passare alle intermedie?
“Tutte le impostazioni sul volante erano già regolate per le intermedie. Dal bilanciamento della frenata alle altre regolazioni, tutto era stato preparato per le scanalate, ma poi viste sullo schermo le altre vetture, all'ultimo minuto abbiamo deciso di andare con le slick resettando tutti i parametri in un attimo”.

Prossimo articolo Formula 1
Ferrari: un passo indietro nelle scelte tecniche, per tornare a progredire

Articolo precedente

Ferrari: un passo indietro nelle scelte tecniche, per tornare a progredire

Prossimo Articolo

Entusiasmo Verstappen: "Non pensavo di ottenere il terzo tempo dopo i problemi di ieri"

Entusiasmo Verstappen: "Non pensavo di ottenere il terzo tempo dopo i problemi di ieri"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Giappone
Sotto-evento Sabato, qualifiche
Location Suzuka
Piloti Romain Grosjean Acquista adesso
Team Haas F1 Team
Autore Franco Nugnes
Tipo di articolo Analisi