Singapore, Libere 2: Raikkonen davanti, Vettel sbatte. Mercedes vicina!

condivisioni
commenti
Singapore, Libere 2: Raikkonen davanti, Vettel sbatte. Mercedes vicina!
Di: Franco Nugnes
14 set 2018, 14:06

La Ferrari è la più veloce nella seconda sessione di prove libere del GP di Singapore con Kimi che tiene a soli 11 millesimi la freccia d'argento di Hamilton. Poi ci sono le due Red Bull, mentre Vettel sbatte con la SF71H e non chiude un giro lanciato con le Hypersoft.

La Ferrari è davanti con la Mercedes vicina, fin troppo vicina. E con la Red Bull che si chiama fuori dai giochi. La sfida nel GP di Singapore sembra già solo una partita a due. A siglare il nuovo record della pista di Marina Bay nella seconda sessione di prove libere è stato Kimi Raikkonen che ha portato il limite a 1'38"699 con le gomme Hypersoft, facendo meglio di otto decimi rispetto alla pole dello scorso anno di Sebastian Vettel.

Iceman ha messo la SF71H davanti a tutti con un giro molto pulito e senza sbavature, mentre Sebastian Vettel ha allungato la lista dei suoi errori terribili: il tedesco, con la gomma più morbida, non è riuscito a chiudere il giro da qualifica perché è andato a strisciare contro il muro all'uscita della curva 21 con le due ruote del lato destro ed è rientrato subito ai box mentre nel retrotreno colava del liquido come se avesse rotto qualcosa dell'impianto di raffreddamento o dell'impianto idraulico.

Seb, che ieri si era definito il peggiore nemico di se stesso, ha purtroppo dato l'ennesima conferma, perché la squadra del Cavallino ha dovuto raccogliere i dati dei long run utili a definire la strategia di gara solo con Kimi Raikkonen, il pilota che è in partenza da Maranello a fine anno per andare alla Sauber. Nella lista dei tempi il tedesco si è dovuto accontentare del nono tempo (1'40"459) ottenuto in precedenza con le Ultrasoft.

Vettel è sceso dalla Rossa molto infastidito, ma è sempre lui a fare dei regali alla concorrenza. Sia ben chiaro non c'è niente di compromesso nel risultato del weekend, ma la botta mina certamente la consapevolezza del pilota, tanto più che Lewis Hamilton è riuscito a "inventarsi" un giro che lo ha portato ad appena 11 millesimi dalla Ferrari di Kimi Raikkonen, segno che la W09, con gli ultimi aggiornamenti, riesce ad essere molto consistente anche su quelle piste dove ha sempre sofferto a livello tecnico.

Leggi anche:

Il leader del mondiale è riuscito a chiudere un giro, ma la freccia d'argento è parsa molto nervosa in staccata: Lewis ha letteralmente "bruciato" una copertura in frenata, arrivando a far emergere la struttura della gomma Hypersoft in un bloccaggio. Dietro ai primi due, che sono stati gli unici a forare l'1'39", ci sono le Red Bull: Max Verstappen è terzo con 1'39"221 a oltre mezzo secondo da Raikkonen, mentre Daniel Ricciardo è quarto, staccato meno di un decimo dall'olandese. Le RB14 sul giro secco non sono in grado di reggere il passo di Ferrari e Mercedes, mentre sembrano più temibili in condizione di gara.

Valtteri Bottas ha chiuso quinto: il finlandese ha commesso un errore nel terzo settore rovinando una prestazione che fino a quel momento non era molto buona. Valtteri non ha voluto tentare un secondo attacco al tempo, mettendosi al servizio di Hamilton per raccogliere le informazioni utili nei long run.

Carlos Sainz, sesto, conferma la buona forma della Renault: lo spagnolo è riuscito a tenersi dietro la Haas di Romain Grosjean per la supremazia del GP degli altri. La sorpresa è stato Fernando Alonso che ha portato la McLaren in ottava piazza, mentre Stoffel Vandoorne con l'altra MCL33 non è andato oltre un 16esimo posto. La top ten è stata completata dall'altra vettura di Enstone guidata da Nico Hulkenberg.

Fuori dai dieci Sergio Perez con la Force India: Marcus Ericsson con la Sauber si è infilato fra le due monoposto rosa con Estebn Ocon 13esimo. Lo svedese della squadra svizzera si è tolto la soddisfazine di lasciare il neoferrarista, Charles Leclerc al 14esimo posto. Il monegasco, dopo aver strappato una ruota nel primo turno, è stat un po' abbottonato per evitare altri errori, ma poi il ragazzo ha trovato un buon passo nella simulazione di gara.

Non ha impressionato Kevin Magnussen con la Haas. In coda ci sono le due Toro Rosso (la novità è Brendon Hartley davnti a Pierre Gasly) e le due Williams ormai condannate all'ultima fila.

Cla # Pilota Chassis Motore Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 7 Finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 35 1'38.699     184.743
2 44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 20 1'38.710 0.011 0.011 184.722
3 33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 28 1'39.221 0.522 0.511 183.771
4 3 Australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 33 1'39.309 0.610 0.088 183.608
5 77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 33 1'39.368 0.669 0.059 183.499
6 55 Spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 36 1'40.274 1.575 0.906 181.841
7 8 France Romain Grosjean  Haas Ferrari 33 1'40.384 1.685 0.110 181.642
8 14 Spain Fernando Alonso  McLaren Renault 31 1'40.459 1.760 0.075 181.506
9 5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 12 1'40.633 1.934 0.174 181.193
10 27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 35 1'40.668 1.969 0.035 181.130
11 11 Mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 30 1'40.774 2.075 0.106 180.939
12 9 Sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 37 1'40.812 2.113 0.038 180.871
13 31 France Esteban Ocon  Force India Mercedes 33 1'40.870 2.171 0.058 180.767
14 16 Monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 37 1'41.062 2.363 0.192 180.423
15 20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 32 1'41.154 2.455 0.092 180.259
16 2 Belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 32 1'41.164 2.465 0.010 180.241
17 28 New Zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 38 1'41.542 2.843 0.378 179.571
18 10 France Pierre Gasly  Toro Rosso Honda 36 1'41.615 2.916 0.073 179.442
19 18 Canada Lance Stroll  Williams Mercedes 17 1'42.141 3.442 0.526 178.517
20 35 Russian Federation Sergey Sirotkin  Williams Mercedes 36 1'42.181 3.482 0.040 178.448
Prossimo articolo Formula 1
Pascal Wehrlein e la Mercedes si separeranno al termine della stagione 2018

Articolo precedente

Pascal Wehrlein e la Mercedes si separeranno al termine della stagione 2018

Prossimo Articolo

Vettel: "Peccato per la toccata a muro, ma la Ferrari ha del gran potenziale"

Vettel: "Peccato per la toccata a muro, ma la Ferrari ha del gran potenziale"
Carica commenti